Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

   
888poker
New poker experience at 888poker

Join now to get $88 FREE (no deposit needed)

Join now
PokerStars
Double your first deposit up to $400

New players can use bonus code 'STARS400'

Join now
partypoker
partypoker Cashback

Get up to 40% back every week!

Join now
Unibet
€200 progressive bonus

+ a FREE Unibet Open Qualifier ticket

Join now

Michel Abécassis:

Michel Abécassis: 0001

Medico, giornalista, due volte campione di Europa di bridge, campione del mondo di poker online, commentatore di tornei per la televisione... Intervista con Michel Abécassis, detto su Internet "Mik22" .

Michel Abécassis, 53 anni, oltre a essere campione di bridge e poker, è anche titolare di un diploma in medicina conseguito alla CHU Cochin-Port-Royal a Parigi. Nel 1972, allora giovane studente, si unì alla squadra junior francese. Nato in Algeria a Oran, pratica questo gioco dall'età di 16 anni. La sua passione per il bridge gli farà conseguire 13 titoli di campione di Francia e due titoli di campione dell'Europa.

Alla fine degli anni 80, Michel Abécassis è padre di due bambini. Il suo amico Lucien (" Lucky") Dana, campione di bridge e giornalista al Nouvel Observateur, gli propone all'epoca un tirocinio nell'ambito della redazione della rivista" Elle ". Al tempo Michel aveva 35 anni. Tirocinante nel 1988, scalerà i livelli della redazione per diventare nel 1992 redattore principale aggiunto della rivista femminile e redattore principale della rivista "Il". Per 5 anni, Michel Abécassis scrive anche sul mondo del bridge come cronista settimanale al Nouvel Observateur.

Nel 1997, dopo avere creato l'Associazione " Locked-In sindrome", creata per far conoscere questa malattia rara che aveva toccato nel 1995 il suo amico redattore principale di Elle, Jean-Dominica Bauby, lascia la rivista. Tra il 2000 ed il 2001, Michel sarà alla testa di un piccolo gruppo di giornalisti, e in particolare della rivista "Le bridgeur". Dal 1997, si perfeziona al poker e tenta attraverso la sua attività di giornalista di cambiare l'immagine di questo gioco. Tra i suoi recenti risultati "live": quindicesimo all'Open in Scandinavia (European Poker Tour) nel gennaio 2006, diciassettesimo al World Series of Poker a Las Vegas ($ 2,000 No Limit Hold'em) nel giugno 2005, secondo al torneo principale dell'euro finali of Poker nel febbraio 2005 a Parigi.

Michel Abécassis ha commentato negli anni 90 i campionati di bridge per Canal Plus, e, dal gennaio 2005 diverse trasmissioni, in particolare l'European Poker Tour, sulla rete Eurosport. Suo è anche il sito www.pokerfull.com, e prossimamente animerà una sala di poker virtuale francofona in partenariato con il suo sponsor "OnGame", detentore della sala Pokerroom. L'uscita della sala di poker è prevista tra il 15 ed il 30 aprile 2006.

Thomas Frangel - com'è passato dal bridge al poker?

Michel Abécassis - ho iniziato a giocare a poker nel 1997, dopo avere lasciato la mia attività di giornalista per "Elle". Sentivo la necessità di avere un'attività stabile e il bridge non lo permetteva. È un settore dove c'è poco denaro, benché i giocatori migliori siano sponsorizzati. Ho cominciato con il poker a carte scoperte, prima con gli amici, poi abbastanza rapidamente all'Aviation Club francese a Parigi. Osservando, leggendo, ho potuto progredire rapidamente grazie alla mia esperienza ed alla mia pratica del bridge di alto livello. Ho appreso a resistere allo stress. Giocavo molto e guadagnavo regolarmente al termine di alcuni mesi. Sono stato uno dei primi giocatori sull'Internet. Nel 2002, sono arrivato primo classificato ai WCOOP (campionati del mondo su Internet - Pot Limit Hold'em) su Pokerstars. Nel 2004, sono arrivato secondo ai WCOOP (Omaha Hi-Lo). Allora, c'erano in questi tornei quasi 600 giocatori. Oggi ce ne sono migliaia! Da alcuni mesi, mi dedico ai tornei, non ho più il tempo per "cash games". Cerco anche con il mio lavoro di giornalista di rettificare le idee diffuse sul poker. La gente ne ha troppo spesso un'immagine negativa che data dei film noir degli anni 50 e del poker chiuso.

Thomas Frangel - cosa le evoca il poker?

Michel Abécassis - una capacità psicologica: conoscere perfettamente se stessi. Occorre giocare in funzione delle proprie qualità e difetti, poiché nel poker si ritrovano le situazioni della vita. Occorre anche apprendere a conoscere gli altri, il loro livello tecnico, il loro carattere. Il livello e l'umore dell'avversario determinerà ad esempio l'intensità di un rilancio. Riassumendo, è una disciplina formativa per le relazioni umane e per l'ego. È una scuola di vita, di umanità e di umiltà.

Thomas Frangel - Possiamo individuare delle connessioni tra il poker e il bridge?

Michel Abécassis - come in tutti gli sport, il poker e il bridge sono una combinazione di forza mentale e tecnica. Il giocatore deve trovare un equilibrio tra le due. Uno sportivo può essere il migliore della sua disciplina fisicamente ma potrebbe rivelarsi infine meno forte di un altro giocatore più intelligente. Prendete Raymond Poulidor e Jacques Anquetil nel ciclismo degli anni '60/'70. Poulidor è più potente, ma non è un killer. Anquetil, lui aveva la testa e l'intelligenza, non vedeva soltanto i pedali. Poulidor era l'eterno secondo. La forza mentale è una caratteristica comune a tutte le discipline sportive. Permette di gestire le sfide, la paura, di prendere decisioni rapide, si tratta di una qualità emozionale che non si impara con i libri. Un giocatore di tennis ad esempio, un giorno vince, un giorno cede, è questione dell'equilibrio tra la forza mentale e la tecnica. Al bridge, e in tutti gli sport, la forza mentale permette di non cedere e di gestire il torneo. La forza mentale è anche questione di esperienza. E' facile essere calmi e lucidi in occasione di un esercizio o di una partita tra amici, ma sarà più difficile essere al 100% delle proprie possibilità al momento di un torneo. In seguito, c'è la tecnica, la razionalità. La tecnica è legata maggiormente all' apprendimento, alla progressione, a uno spirito analitico, al calcolo delle probabilità, all'acquisizione di automatismi... Più si possiede tutto ciò, più la mente è libera e più si può riflettere a cose più avanzate. Un giocatore dilettante, quando scopre tra le sue mani una A-A, può esserne turbato. Un professionista sarà capace di riflettere freddamente ai vari parametri, agli eventi che si sono svolti o no nella partita. Deve studiare i rilanci e il loro livello e trarre le informazioni di ciò che è successo e di ciò che non è avvenuto. Un giocatore di poker conosce alti e bassi, e dirà che ha avuto una giornata buona o cattiva. Ma la fortuna è un fattore onnipresente, che la tecnica permette di valutare. Il "BAD beat" è una scusa facile, mentre dovrebbe essere un'occasione per condurre un lavoro di introspezione per sapere ciò che si può attribuire al caso e ciò che è pertinente ai propri difetti.

Thomas Frangel - Lei ha commentato campionati di bridge su Canal Plus e oggi commenta le ritrasmissioni di poker su Eurosport. La televisione impone uno scenario e un ritmo particolare, e arriva a milioni di persone. La televisione cambia il poker?

Michel Abécassis - la televisione non cambia l'essenza del gioco, ma lo deforma poiché è soltanto un montaggio delle azioni migliori. Cambia la concezione che ha la gente del poker. Si vedono le azioni più spettacolari. Lo spettatore non può immaginarsi il tessuto della partita, poiché il montaggio sorvola sui tre quarti delle azioni, ed a volte sulle più tecniche. E poi si tratta di ritrasmissioni dei tavoli finali. I giocatori sono arrivati in finale, hanno superato molti ostacoli. Il loro modo di giocare è molto più violento una volta in finale. Questo è dovuto all'aumento dei blinds. Il volume delle azioni è dunque diverso, sono colpi del tipo "al tappeto", perché il giocatore deve resistere all'inflazione dei blinds. Mentre tra le prime fasi di un torneo, la strategia si sviluppa in modo diverso: la profondità dei tappeti rispetto ai blinds di partenza permette maggiore creatività ed un anticipo. Detto ciò, il poker passa molto bene in televisione per un'altra ragione: è possibile spiegarlo in modo pedagogico. È ciò che cerco di trasmettere: i giocatori non lottano contro la fortuna, che è un elemento del paesaggio, ma contro altri giocatori. La fortuna è la stessa alla lunga. È la stessa cosa per le competizioni di sci, o le regate: non ci si batte contro il tempo, ma contro l'avversario. Quello che conta è il lungo termine e le qualità intrinseche del giocatore, più della fortuna. Anche se oggi esistono sempre più giocatori sul circuito, al tavolo in finale vedremo spesso gli stessi grandi giocatori . Perché, oggi, il poker è un gioco intelligente e un vero sport di competizione.

Cosa ne pensi?

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli