Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Riepilogo e Risultati del Torneo di Saint Vincent

Riepilogo e Risultati del Torneo di Saint Vincent 0001

Ecco il tanto atteso resoconto del torneo di Texas Hold'em tenutosi la scorsa settimana al Casinò di Saint Vincent. A riportarci impressioni, commenti e dati è il nostro amico e, in via eccezionale, corrispondente 'SuperKer' della Kersporting di Cagliari. Meglio non indugiare oltre e lasciare a lui la parola.

Gran fine settimana a Saint Vincent, grandi giocatori ai tavoli e, di conseguenza, spettacolo eccezionale. Forse come non mai si è visto quanto popolare sia il poker in Italia e quanto ampiamente diffuso in tutte le categorie e fasce di giocatori. Tra i presenti si può trovare il giocatore elegante con Fiamma raffinata al fianco ma anche il ragazzino, studente, finanziato dagli amici o ancora il giocatore professionista, uno di quelli che è meglio evitare sempre e in qualsiasi situazione … almeno al tavolo da gioco.

Prima giornata: vince, con un gioco che definire aggressivo non è sufficiente, il mitico "Rummenigge " che con la frase "Hai capito er gioco" ha letteralmente annientato e polverizzato qualsiasi avversario, la dea bendata forse gli ha fatto una promessa "adesso o mai più". 205 Giocatori in un grande torneo dominato veramente da Francesco Speziali che si è portato a casa la bella somma di € 10´578, da registrare anche il secondo posto di Silvio Stefani e il terzo di Vincenzo Spada.

La seconda giornata ritrova sui tavoli circa 130 giocatori: è il torneo € 500+50 No Limit. Il sottoscritto trova posto (che sfortuna) sulla sinistra del grande "Rummenigge", giocatore aggressivo e sempre pronto a commentare ogni carta. L'unica volta che non ha bleffato ha trovato chi con A e 9 e andato a

vedere un flop 9-7-5. Mossa sfortunata visto che il Signor "Hai capito er Gioco" aveva 9 9. Mi sono consolato nei tavoli da Sit'n'GO ai quail mi sono rifatto (tra venerdi e sabato ne ho giocati 7 di cui 6 andati a premio… un bel gruzzoletto). La seconda giornata trovava in un Campione la conferma che il Poker Sportivo alla lunga da ragione hai professionisti, la dea bendata partecipa ma la classe non è acqua, al primo posto Emanuele Musso che batte il grande Max Pescatori e si porta via una borsa da € 20´000, mentre Max "solo" 12´000, il terzo posto va al giovane Matteo Pecorella con circa 7´800 Euro.

Anche il buffet si merita un commento. E' stato un evento spettacolare, impressionante, quantità e qualità di alta classe, complimenti vivissimi agli organizzatori.

Terza giornata, torneo Main Event da 1000+100 No limit, 138 giocatori. Gioco o non gioco ? Ma si… anche se su 138 partecipanti premiano solo i primi 13, il 10%, si può fare! Grande evento, ricco di colpi di scena, e di spettacolo. Si aggiudica il titolo di Campione Piero Compagnoni che incassa la bella somma di 42´000 Euro, al secondo posto Francesco Sdeo che non si può lamentare dei 24´535 Euro incassati e per ultimo il terzo classificato Carmelo Vasta che torna a casa con un borsellino di "soli" 15´948 Euro. Veramente una grande gara con dei grandi campioni, ottima l'organizzazione e bellissime le Croupier.

Vorrei infine analizzare un fenomeno che mi ha fatto riflettere: L'esperienza mi ha insegnato che più è alto il numero dei giocatori più la gara diventa "BingoPoker" soprattutto se i premi sono in percentuale così bassa. Centotrentotto partecipanti su 14 tavoli: in un torneo con un numero significativo di tavoli lo sbilanciamento è inevitabile, in alcuni tavoli si avrà un gioco più chiuso, più regolare, in altri più aggressivo e "ansimante". Il problema nasce quando si viene spostati da un tavolo all'altro. Si può talvolta avere la

fortuna di passare in un tavolo nel quale si può essere leader ma si può anche rischiare di arrivare da leader in un tavolo al quale siedono 3 o 4 con molto più stack: il gioco deve cambiare! Questo comporta

l'inizio della reazione a catena che io chiamo "BingoPoker", il gioco perde l'aspetto puramente tecnico e tattico e diventa un gioco al massacro. I blind sono cresciuti al punto tale che l'unica cosa che si possa fare è aspettare una carta (meglio due) decenti e tentare il tutto per tutto, I bluff non sono sostenibili se non da parte dei più ricchi perché il "piccolino" vedrebbe qualsiasi cosa ed è visto comunque dal più "grosso".

Io, ad esempio, alla fine del 4 turno mi trovavo sopra la media con circa 25´000 (leader del tavolo) punti ma niente in confronto a quando mi hanno spostato di tavolo… ne avevo 3 sopra di me con uno oltre i 40´000, il gioco cambia ed inizia il bingo con quelli che hanno 8´000 e 10´00. Sono uscito con JJ contro un colore a fiori fatto con 4 fiori sul tavolo dei quali 2 escono nel Turn e nel River. Credo si possa sopperire a questo inconveniente modificando la struttura del torneo mettendo in atto quello che già fa una delle maggiori pokeroom, Party Poker, che realizza tornei nei quali passano solo i primi tre di ogni tavolo permettendo al gioco di essere più regolare e tecnico.

Per la fine di Novembre c'è Sanremo, spero Luca Pagano riesca ad organizzare un evento con questo formato. Sono certo che riscuoterebbe grande successo e tante adesioni. Kersporting vi saluta e vi da appuntamento a Sanremo.

Ndr: nell'attesa del torneo di Sanremo di novembre gioca con 50$ regalati scaricando Party Poker tramite Poker News Italia.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli