Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Le Interviste Esclusive di PokerNews: Quattro Chiacchere con Greg Raymer

Le Interviste Esclusive di PokerNews: Quattro Chiacchere con Greg Raymer 0001

Durante il mio recente viaggio all'APPT di Sydney mi sono trovato fianco a fianco con alcuni dei più famosi giocatori di poker al mondo. Il tempo trascorso con Greg Raymer è stato certamente il più interessante. Passare un'ora con uno dei più genuini e simpatici volti del poker è stata un'esperienza fantastica per la quale sono molto grato. Ho chiesto a Greg dieci minuti del suo prezioso tempo e ci siamo ritrovati a parlare per oltre un'ora. Non ho però incontrato Greg il giocatore di poker ma Greg l'uomo comune.

PN: Grazie per aver trovato un po' di tempo per parlare con noi di PokerNews.

Greg: Non c'è nessun problema. Allora tu sei in Australia per lavorare per PokerNews? Questo è un po' diverso.

PN: Sicuramente. È molto divertente e spero di avere l'occasione di tornarci il prossimo anno.

Greg: Non c'è dubbio che ti divertirai. Qui c'è molto da vedere e da fare.

PN: Sei emerso sulla scena internazionale quando hai vinto le WSOP. Come si è evoluto il tuo gioco da allora?

Greg: Il mio gioco non è migliorato quanto avrei voluto. Sono ancora molto lontano dai migliori giocatori al mondo e sto continuando a lavorare per migliorare. Mi sento come se non fossi sempre al 100% ed è invece un obiettivo a cui aspiro. Provo sempre a giocare ogni mano al meglio.

PN: Pensi che continuerai a giocare a poker allo stesso ritmo anche per i prossimi anni?

Greg: Sono in viaggio per due terzi dell'anno e questo è stancante. Ma io non sono come gli altri pro. Non gioco nemmeno lontanamente tanto quanto gli altri ragazzi. Loro si presentano ad un evento e giocano in tutti i i tornei sino al Main event. Poi iniziano già a pensare al torneo successivo. Giocano a carte praticamente ogni giorno dell'anno e fanno solo una piccola pausa per Natale e per Capodanno perché vi sono praticamente costretti. Io sono diverso. Io partecipo ad un festival e cerco di trovare il tempo per vedere la città. Mi concentro in genere sul Main Event prendendomi delle pause durante gli eventi preliminari. Gioco pertanto circa 40 eventi l'anno.

È divertente perché in realtà giocavo molto più quando ero un avvocato. Giocavo ogni martedì al Foxwoods. Non credo che l'esaurimento sia un problema che mi possa riguardare. Al massimo potrei giocare di più per restare in forma.

PN: Quanto tempo dedichi al gioco online?

Greg: trascorro 15 ore a settimana giocando cash games su PokerStars.

PN: Cosa piace fare a Greg Raymer quando è lontano dal tavolo da poker?

Greg: Quando sono a casa mi piace trascorrere il tempo con famiglia ed amici. In viaggio mi piace giocare a golf. Sono attualmente con un handicap di 16 che cerco sempre di migliorare.

PN: Cosa ti fa saltare i nervi?

Greg: Io ho un buon senso dell'umorismo ed è difficile farmi innervosire. Se gioco male sono insoddisfatto e se le persone compiono stupidi errori in ciò che non riguarda il poker mi infastidisco. Ma perché mi saltino i nervi mi si deve voler fare davvero male. In genere sono una persona amichevole.

PN: Coca Cola o Pepsi?

Greg: Coca Cola senza zucchero e caffeina

PN: Film preferito?

Greg: Direi la trilogia del Signore degli Anelli. Mi è piaciuta la storia e gli effetti speciali erano straordinari.

PN: Spettacolo Tv preferito?

Greg: La mia prima risposta è una che sarà davvero unica: mi piace una trasmissione inglese che si chiama Bargain Hunt. Uno dei miei hobby è fare shopping al mercato quindi trovo questo show estremamente interessante.

La seconda risposta è un po' più ovvia. Mi piacciono South Park, Family Guy e The Simpsons. Mi piace South Park perché non solo cerca di superare i limiti ma perché sembra che non abbia limiti. The Simpsons e Family Guy sono entrambi molto divertenti.

PN: Dovresti amare Stewie Griffin.

Greg: Stewart è grande. Che personaggio divertente!

PN: Ti se posto un obiettivo nel poker per i prossimi dieci anni?

Greg: No. Non credo nel prefissarsi degli obiettivi. Credo sia un grave errore. Il mio solo obiettivo credo sia cercare di giocare ogni mano alla perfezione. Mire specifiche sono pericolose.

PN: Lascio questa domanda nelle tue mani. Daniel Negreanu?

Greg: Sono stato felice che la rivista Bluff ci abbia messi tra i primi dieci sempre in contesa nel poker. Noi però ci scambiamo opinioni non discutiamo. Lui ed io semplicemente esponiamo i nostri pensieri in pubblico e capita talvolta di trovarsi in disaccordo su qualche punto.

PN: Chris Moneymaker e tu siete i due che hanno contribuito al vero boom del poker vincendo il Main Event delle WSOP. Le persone comuni guardando a voi capiscono di avere reali possibilità di vittoria anche in grandi eventi. Jamie Gold sembra essere stato meno popolare. Qualche commento?

Greg: Ho incontrato Jamie solo due volte e non credo a quanto si dice in televisione. Non posso quindi avere una vera opinione al momento.

PN: L'Aussie Millions si gioca a gennaio. Starai qui per visitare un po' l'Australia o tornerai a casa?

Greg: torno a casa per trascorrere un po' di tempo con famiglia e amici. Non sono sicuro al 100% in merito all'Aussie Millions adesso perché avrò l'evento bandiera di PokerStars ai Caraibi.

PN: Un'ultima domanda. Hai qualche consiglio da dare ai lettori di PokerNews?

Greg: La cosa più importante è giocare nei limiti del vostro bankroll. Il poker è un gioco meraviglioso, ma vedere persone che perdono denaro che non avrebbero nemmeno potuto permettersi di giocare è tra le cose peggiori. Se sapete gestire il vostro bankroll e giocate un poker solido avrete di che trarre vantaggio dal gioco.

PN: grazie per il tuo tempo Greg. Buona fortuna per l'evento di beneficenza.

Greg: Grazie a voi.

Ndr: avete già provato i ricchi cash games di Everest Poker?

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli