Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

PokerStars EPT Copenaghen: Vance Supera Jensen e Vince

PokerStars EPT Copenaghen: Vance Supera  Jensen e Vince 0001

Timothy Vance è arrivato come chipleader al tavolo finale del Poker Stars European Poker Tour Copenhagen championship e dopo un heads-up da maratona si è imposto contro Soren Jensen per il titolo e $1'236'095 di primo premio. Vance, Americano qualificatosi online tramite PokerStars era giunto al tavolo finale con un grosso vantaggio sugli inseguitori:

1. Rasmus Hede Nielsen — 789,000

2. Tim Vance — 1,408,000

3. Daniel Ryan — 557,000

4. Patrick Andersson — 283,000

5. Simon Dorslund — 267,000

6. Nicolas Dervaux — 336,000

7. Soren Jensen 500,000

8. Magnus Hansen — 458,000

Patrick Andersson è stato il primo ad essere eliminato dal final table quando si è trovato all in contro Daniel Ryan che, grazie al favore del turn, lo ha spedito a casa con un ottavo posto. E' stato quindi Vance stesso ad entrare in azione usando il proprio grosso stack per eliminare Simon Dorslund al settimo posto ($159,250). Vance aveva rilanciato pre-flop con {a-Diamonds}{k-Hearts} vedendosi rilanciare ulteriormente da Dorslund andato all in con {a-Hearts}{8-Diamonds}. Board ininfluente e Vance consolida la propria chip lead.

Nicolas Dervaux ha seguito Dorslund a breve distanza di tempo pagando l'azzardato all-in con {j-Spades}{5-Diamonds}ed uscendo sesto per $201'158. Al quinto posto si è classificato Daniel Ryan uscito per mano di Nielsen al quinto posto per $255'648. La buona sorte di Nielsen non è però durata a lungo portandolo a perdere un coin flip con Tim Vance uscendo al quarto posto per $310'119. Nielsen ha rilanciato preflop con {8-Hearts}{8-Clubs} e Vance ha rilanciato ulteriormente. Il flop ha dato {j-Clubs}{7-Hearts}{9-Spades} inducendo Vance ad andare all in. Nielsen ha chiamato così da poter vedere il {a-Diamonds}{q-Clubs} di Vance. Il {j-Clubs} del turn non ha sortito efferro ma Vance è stato assistito dal {a-Spades} del river che gli ha consentito di eliminare Nielsen.

Dopo un interminabile periodo di gioco a tre mani, Jensen e Magnus Hansen hanno entrambi deciso di giocare con un limp e vedere un flop con {10-Spades}{9-Hearts}{4-Hearts}. Jensen ha subito puntato forte, Hansen ha rilanciato e Jensen ha deciso di andare all in. Hansen ha chiamato con {6-Hearts}{10-Diamonds} mentre Jensen ha messo sul tavolo {4-Spades}{9-Spades} per la doppia coppia. Turn e river hanno dato rispettivamente {5-Hearts} e {7-Spades} segnando l'eliminazione di Hansen e l'inizio del testa a testa.

La battaglia heads-up tra Tim Vance e Soren Jensen è durata per quasi cinque ore essendo partita con i due praticamente alla pari in quanto a chips. Più volte uno dei due riusciva ad accumulare un grosso vantaggio ma solo per poter concedere poi il raddoppio all'avversario. Quando il casinò si stava ormai preparando per la chiusura, Vance era ormai riuscito ad accumulare un discreto vantaggio che gli ha permesso di chiudere il torneo con questa mano: entrambi avevano giocato un limpd, il flop ha dato {2-Clubs}{7-Clubs}{8-Spades}. Entrambi hanno fatto check vedendo girare il {3-Spades} al turn. Jensen ha puntato e Vance ha subito deciso per il call. Il river ha rivelato il {4-Spades} e Jensen è andato all in. Vance ha chiamato con {a-Spades}{10-Spades} per il colore nut eliminando Jensen al secondo posto con $699'724. Con la vittoria a Copenhagen, Vance si è guadagnato $1'236,095 ed un posto al Monte Carlo EPT Grand Final.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli