Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

I Profili di PokerNews: Alessio Isaia

I Profili di PokerNews: Alessio Isaia 0001

Alessio Isaia soprannominato il "chirurgo" è originario di Roccabruna in provincia di Cuneo, dove è nato nel 1986. Una vivace intelligenza che ai tempi della scuola gli fa prendere quasi sempre il massimo dei voti, lo accompagna ora al tavolo da gioco. Inizia ad appassionarsi al Texas Hold'em dopo aver visto da un amico una trasmissione di poker su Sky. L'aneddoto racconta che l'amico tornando dal bowling gli disse: "Passa da me che ti devo far vedere una trasmissione sul poker. Dopo cinque minuti, Alessio si informa su come partecipare ai tornei e il giorno dopo è online con una poker room aperta."

Il suo esordio è su internet, ma subito sente il bisogno di confrontarsi con gli altri giocatori dal vivo. Non perde tempo e solamente dopo sei mesi di gioco, decide di giocare "praticamente al buio" a Sanremo con un buy in di 500+50, arriva all'HU finale.

Siamo nel 2006 e parliamo del Campionato italiano di Sanremo. Alessio chiude il suo primo torneo al secondo posto, dimostrando delle doti da fuoriclasse. Capisce proprio disputando questo evento, che la sua passione può diventare qualcosa di serio e inizia così lo studio che lo porterà a spaziare tra le specialità del poker, non limitandosi a giocare il NL hold'em.

Si potrebbe parlare di un vero e proprio colpo di fulmine quello tra Isaia e il gioco. In modo così casuale inizia la sua avventura nell'universo del poker sportivo: l'incontro con i più grandi giocatori italiani e il sodalizio con Claudio Rinaldi e Daniele Mazzia, gli inseparabili compagni di gioco e di vita.

Con la partecipazione a molti tornei, facendo molta pratica, riesce a studiare gli avversari e a cogliere i segreti per essere vincente. Il suo primo anno è una continua sorpresa: tre mesi dopo Sanremo, in settembre arriva ad un altro tavolo finale, sempre al campionato italiano.

Inizia a farsi conoscere sempre di più dall'entuorage pokeristico italiano, confermando a pieno titolo la sua innata bravura.

Il 2007 è sia l'anno della sua esplosione a livello nazionale, sia del suo esordio a livello internazionale. Alessio infatti inizia a diventare un giocatore molto noto, una vera promessa. Con questi presupposti decide di andare oltre e partecipa al suo primo evento internazionale, con il desiderio di sedersi al tavolo finale, accanto ai grandi del poker internazionale.

All'EPT di Barcellona sembra essere ad un passo dalla realizzazione di questo sogno, ma purtroppo dopo avere disputato un torneo sorprendente, finisce sedicesimo.

In ottobre, a casa Italia, arriva la sua prima vincita: 300 No limit Hold'em al Venezia Poker Open.

Incessante il lavoro di Isaia, che un mese dopo Venezia, conquista il primo risultato nella specialità Pot Limit Omaha. Un buon piazzamento: terzo posto a Nova Gorica al Perla Poker Parade.

Le soddisfazioni non si arrestano e Alessio continua ad ottenere riconoscimenti. Ottimi risultati in Italia, con il NL Hold'em, un quarto posto al campionato italiano, dopo essere stato in testa fino all'ultimo torneo. Stupefacenti risultati all'estero, nel giro di due giorni, un primo e un secondo posto al Royal Poker Tour a Sharm El Sheikh.

Un'estate molto calda, lo vede a Las Vegas per partecipare alle World Series of Poker, pensando magari di arrivare a qualche tavolo finale. Difatti la caparbietà di questo giocatore, lo porta a centrare due tavoli finali, entrambi nella specialità del Seven Card Stud Hi/Low. Alessio è tra gli otto giocatori che, dopo una battaglia epocale durata moltissime ore, si sono aggiudicati la tappa finale. In questa occasione ha mostrato di trovarsi davvero a proprio agio in questa specialità, riuscendo a raggiungere il final table e imponendosi tra giocatori alla stregua di Barry Greenstein, Allen Cunningham, David Benyamine, Howard Lederer. Per lui un quarto ed un sesto posto che lo confermano uno dei migliori interpreti del Seven Card Stud Hi/Low.

Alessio fa parte di una cerchia ristretta di giocatori che per caso scopre di avere un grande passione da sperimentare e si ritrova nel giro di poco a totalizzare un importo in premi pari a quasi 300.000$, di cui 132.935$ solo con il piazzamento al secondo posto nella Bellagio Cup del 2008, ultima grande conquista. Pur prediligendo il gioco live, Isaia ha vinto molto anche on line, tra cui un torneo da più di 50.000 Euro su Poker Stars, ha partecipato a due edizioni delle World Series of Poker ed è piazzato attualmente al 123° posto della classifica Player of the Year (POY) e al 320° Posto dell'EPT (European Poker Tour).

Una vera promessa del poker mondiale, un giocatore che ha dalla sua parte, oltre al talento, una sottile follia (caratteristica apprezzatissima dall'amico Claudio Rinaldi), che gli permette di fare giocate straordinarie. Da poco è entrato a far parte del team di Full Tilt Poker.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli