Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

La tavola rotonda del Poker 2009, Vol. 1

La tavola rotonda del Poker 2009, Vol. 1 0001

Sentiamo oggi le opinioni di McGuire, l'autore del blog Tao of Poker e giornalista per il Bluff Magazine; il fondatore di PokerDB Nat Arem; il noto direttore di tornei e manager della sala da poker Commerce Casino, Matthew Savage; ed il famoso giocatore di tornei e cash ad high-stakes Barry Greenstein, membro del Team PokerStars Pro.

Domanda di oggi: avete la possibilità di tornare indietro al 2 Gen 2003. Se poteste, quale sarebbe la cosa che potrebbe essere associata al "boom" del poker che preverreste o cambiereste?

Matthew Parvis: Preverrei la ESPN prendendomi 6 mesi per rivedere la copertura e cambierei la resa della trasmissione in modo che sia più al passo coi tempi, penso che la ESPN ed il World Poker Tour in quel periodo, non riconoscendo davvero cosa sarebbe successo al poker, non hanno pensato a creare un prodotto che avesse già il potere di vendersi. spingendo invece a questo effetto domino dove tutta la produzione di poker, fino a più o meno quest'anno, era stantia e dominata essenzialmente dal fatto che i fans conoscessero lo svolgersi degli eventi prima di guardarli in televisione. Nessuno si interesserà al Super Bowl fino as che si sa chi vince il Super Bowl ancora prima di vederlo.

Ci sono voluti 5 anni per arrivare ad un punto in cui stiamo cercando di superare i limiti, e questo è stato un vero affare per Harrah, che ora ritarda il tavolo finale e tenta di rendere il programma più in diretta possibile. Capisco bene la necessità di vedere le carte servite , comunque, penso che le persone fossero capaci abbastanza nel 2003 di mettere assieme un prodotto al passo coi tempi e penso che se lo avessimo fatto, il boom sarebbe stato ancora più grande.

Brian Balsbaugh: Se avessi la bacchetta magica e potessi cambiare qualcosa nel 2003, sarebbe l'ambiguità inambito legale di tutto ciò che ruota attorno al poker online. Invece che avere a che fare con operatori oltreoceano, negozierei con la Microsoft, Yahoo, MGM, Harrah's e Google. Infine aprirei le porte a grosse sponsorizzazioni e offrirei più competizione ai personaggi coinvolti. Questa è stata la nuvola nera sul poker e spero che non serva ancora tanto prima che il poker sia finalmente regolato.

Jeffrey Pollack: Che bella domanda....se fossi spedito nel 2003, incoraggerei Harrah's ad acquisire prima le World Series of Poker per permettermi di far partecipare immediatamente il mio team. Per noi sarebbe stato meglio per noi cominciare prima quello che stiamo facendo dal 2005, avremmo avuto due anni di vantaggio. Il che avrebbe reso tutto ancora più interessante e divertente.

Nat Arem: Se potessi fare qualcosa del genere, allora di sicuro desidererei … suonerà strano perchè è una industria che ho aiutato a sviluppare, ma vorrei che tutto quello che ha contruibuito a rendere il mondo del poker così ambiguo non si sia mai sviluppato. Il che include cose come quelle che facciamo su PokerDB o roba del genere. Includerebbe anche CardRunners. E anche StoxPoker. Includerebbe anche cose come il rakeback; vorrei che il rakeback non sia mai nato. Tutte cose cosi. Vorrei solo che non fossero mai successe. Non c'è niente che possa fare per fermarle. La ragione è perchè trasformano il poker in un business che fondamentalmente esiste solo per i giocatori bravi facendo arraffare loro dei soldi da quelli meno bravi il più velocemente possibile. So bene che i giocatori bravi vinceranno sempre e che non si può fare nulla per impedirlo.

Sento che il poker è diventato un po' troppo "da predatori" e un po' meno divertente di tre o quattro anni fa per un sacco di persone. E penso che non sia una buona cosa. Conosco ragazzi che sono dei veri macinatavoli, che giocano otto tavoli per sette ore al giorno. In un certo periodo sono stato uno di loro. Conosco persone che lo fanno, portano un sacco di business nelle sale da poker, fanno andare il gioco in questo modo, ma penso che tutti gli incentivi per il rakeback siano a beneficio solo per le persone che non fanno altro che sedersi e macinare tutto il giorno – sento che sia una cosa pessima per il gioco il fatto che la gente possa giocare 22 tavoli per volta, rallentando il gioco di tutti i tavoli, rendendolo meno divertente per il popolino che vuole solo divertirsi a scommettere. E' troppo tardi per cose del genere. Non si può fare diversamente su PokerDB, OPR (Official Poker Rankings), SharkScope, CardRunners, Stox, PXF (PokerXFactor)… ora c'è troppo business e la gente ci si è abituata, per cui non c'è più molto da fare. Penso sarebbe più negativo tentare di gettare via tutto questo ora che bloccare la cosa sul nascere. Ora penso che PokerDB sia meno da predatori di alcuni altri, ma ora che mi guardo indietro, sono convinto che sarebbe stato meglio se si fosse evitato tutto.

Dr. Pauly: La mia risposta immediata sarebbe presentarmi con un sacco di soldi da alcuni membri chiave della nostra società che a quanto pare detengono il potere. Imn modo da pagare tangenti a molte persone nell' IRS, il Dipartimento di Giustizia, Dick Cheney, ed alcuni membri chiave del Congresso. Credo fermamente che se il potere è davvero tutto lì - politici e alcuni membri dell'industria bancaria — se avessero tenuto le loro mani luride lontano da tutto questo, avrebbero sicuramente trovato un'altro modo per fare soldi e avrebbero probabilmente ignorato ogni sorta di sostegno alle persone a favore della UIGEA evidando che la stessa UIGEA venisse compresa tra le leggi di sicurezza. Il che è purtroppo ora è improbabile, dato che non possiamo viaggiare indietro nel tempo.

Matthew Savage: Vorrei che le WSOP fossero meno societariamente organizzate. Se chiedi a qualunque dei professionisti, sono tutti d'accordo sul fatto che una volta il poker era più divertente e che molta della tradizione è andata perduta. Sono comunque convinto che Harrah's abbia fato tante ottime cose per la crescita del gioco.

Barry Greenstein: Beh, è chiaro che ci sono tre cose che la gente associa al boom su internet. Una è quella che chiamano il "Moneymaker Effect", dove un ragazzo con $40 vince alcuni satelliti e finisce a premio al Main Event. Essendo un ragazzo come tanti altri, anche la gente comune ci prova. [Poi ci sono] le telecamere che mostrano le carte servite in modo che la gente segua con senno le mosse dei giocatori; ciò ha reso la trasmissione via tv molto più interessante di quanto non fosse in passato. La terza cosa che la gente attribuisce al poker boom sono i siti internet a portata di tutti ed anche, in associazione con questo, il fatto che i siti internet avessero un sacco di denaro da spendere in pubblicità, il che ha influito in parecchi modi, uno dei quali sono le pubblicità costosissime per quei programmi televisivi.

Queste sono le cose che sono state associate al poker boom ed la cosa che avrei fatto sicuramente in maniera differente è il modo in sui i siti internet hanno gestito i politici e le potenzialità della UIGEA. Oggi quello che molta gente non capisce è come tutto questo problema sia completamente scivolato dalle mani quando all'epoca PartyPoker era il leader. E' successo qualcosa del genere: la Poker Player's Alliance e Party volevano essere i detentori di quel gruppo di giocatori che sarebbe poi stato coinvolto nella popolare PPA, che erano elettori americani che avrebbero pagato un gruppo di lobby per assicurarsi che i politici fossero dalla loro parte, e che creò un sacco di disaccordo tra tutti i maggiori siti inrternet e PartyPoker. l primi volevano, come ho detto, avere il dominio su tutto questo perchè in quel momento, erano quelli con un potere commerciale maggiore e nessuno di loro pensava davvero di aver bisogno di associarsi con altri siti. Da un lato, si ritrovarono miliardari da un giorno all'altro, dall'altro, il disaccordo globale andava avanti.

Un sacco di gente non sa - questo successe un paio di anni fa, che solo quando arrivò il tragico destino con l'arrivo della UIGEA – [Party] si diede una mossa e allora tutti i siti web cominciarono a collaborare, ma fu troppo tardi. Abbiamo fatto un sacco di lobbying da allora. Se queste pressioni ci fossero state nel 2003-04, questo non sarebbe mai successo e oggi saremmo in una situazione completametne diversa. Per cui è stato mandato tutto all'aria ed è l'unica cosa che avrei cambiato. Avrei detto loro, "non capite che cosa succederà se non fate pressione in maniera corretta?" E' così che funziona il sistema.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli