Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

Dietro le Quinte dell'EPT di Sanremo

Dietro le Quinte dell'EPT di Sanremo 0001

Ndr: con questo articolo, PokerNews Italia è orgogliosa di aprire una nuova serie di contributi redatti da uno tra i più forti e noti giocatori di Poker in Italia e nel circuito internazionale. Luca Pagano ci racconterà il mondo del poker dal peculiare punto di vista del giocatore professionista ma anche da quello di attivissimo promotore di questo gioco. Siamo certi questa rubrica diventerà un punto di riferimento indispensabile per ogni appassionato di poker in Italia

Sono state due tra le più intense settimane della mia vita, quelle appena trascorse. Prima lo European Poker Tour di Sanremo da organizzatore/giocatore, poi quella un po' meno impegnativa, Montecarlo, da giocatore, ma non per questo meno densa di soddisfazioni.

L' organizzazione dell'EPT di Sanremo ha assorbito totalmente il mio tempo fin dalla fine del 2008, anche se la "macchina" ha mosso i primi passi già dalla fine di Sanremo 2008, a metà dello scorso anno.

E' stata una cavalcata fantastica, iniziata tra mille difficoltà, ma con la consapevolezza di lavorare in un team del quale posso fidarmi ciecamente.

A iniziare da mio papà Claudio, una delle ragioni principali di questo successo. La fiducia che ripongo in lui e', naturalmente, grandissima, ma non tanto per ragioni affettive, quanto per le sue qualità di imprenditore e di organizzatore di tornei. Spesso, nei momenti cruciali, ha risolto situazioni spinose, e se le cose sono andate in modo ottimale e' soprattutto merito suo.

Spesso i giornalisti mi hanno chiesto in questi giorni come riesco a conciliare l'attività di organizzatore e giocatore, e io rispondo sempre allo stesso modo: è la passione che mi spinge a dare il massimo in entrambi i ruoli.

Tutti quanti voi vedete quello che forum, riviste, giornali, stampa specializzata, televisioni, mostrano: il sottoscritto seduto a un tavolo da gioco che spilla le carte e cerca di scrutare gli avversari per trarne il massimo profitto in termini di chips. Ma durante i giorni dell' EPT di Sanremo la mia giornata iniziava molto presto; al Casinò verso le 9.00 del mattino, per provare a conciliare le esigenze degli operatori di stampa, degli operai addetti alla sistemazione della logistica (tavoli, corrente elettrica, e cosi' via), dei tecnici informatici, che rivestivano un ruolo di vitale importanza per la riuscita del lavoro di tutti.

Uno sguardo al menu' del buffet serale, in modo da verificare che tutto andasse per il meglio, per la soddisfazione del palato dei giocatori; l'incontro giornaliero con Thomas Kremser, il bravissimo direttore del torneo, affinché l'organizzazione del lavoro dei dealers e dei floormen non incontrasse nessun tipo di intralcio.

Non vi nascondo che a fine serata la stanchezza era tale che spesso tornavo in albergo quasi per inerzia, ma la gratificazione principale era quella di vedere tantissimi giocatori soddisfatti, che trovavano risposte a tutto ciò' che chiedevano.

Per quanto riguarda il mio Sanremo da giocatore, beh….. Ho chiuso il day 1 con tante speranze vedendo un bel po' di gioco (sarà difficile dimenticare il poker di donne floppato contro un full d' assi e la faccia del mio avversario che, tra lo stupito e il perplesso, prima di girare le carte mi chiede: "non avrai mica poker di donne, vero?") e aggredendo il tavolo molto più frequentemente rispetto al mio solito, ma al day 2 qualche mano sfortunata non mi ha permesso di giocare come il giorno precedente. La mia uscita non ha nulla di particolare, ho provato a forzare una mano con due carte a cuori in flush draw al flop con l' asso in tavola e due cuori, ma purtroppo il mio avversario ha chiamato il mio all in con la sua coppia di K dopo una lunga riflessione. Naturalmente la coppia ha tenuto e i mie cuori sono rimasti nel mazzo. Va bene, poteva andare meglio ma mi sono abbondantemente consolato con il grande successo ottenuto in veste di organizzatore dell'EPT.

E poi la mia strada di giocatore mi avrebbe condotto qualche giorno dopo al Gran Final di Montecarlo, dove avrei potuto giocare libero dagli impegni di lavoro. Ma di questo vi parlerò nel prossimo appuntamento.

Un sentito ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato con me per la riuscita dell'EPT di Sanremo, a chi ha partecipato, a tutti gli operatori di settore, al pubblico presente in sala e a quello che ha seguito da casa l'evento. Ringrazio tutti i lettori di Pokernews per l'attenzione con la quale hanno seguito l' EPT di Sanremo. Un saluto a tutti, alla prossima!

Luca Pagano.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli