Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

Gli High-Stakes Games Stanno Diventando Eccessivi? Parte 1

Phil Ivey

Con la recente esplosione dell’azione high-stakes online, risultata in sessioni di gioco da milioni di dollari, la questione sorge spontanea: quanto il troppo diventa troppo?

Chiaramente solo pochi giocatori sono capaci o si possono permettere questi games, allora abbiamo deciso di guardare da più vicino l’azione nosebleed per vedere se sia un bene o un male per il poker.

In questa prima parte, analizzeremo gli aspetti positivi di questi tavoli high-stakes online. Poi per il fine settimana, considereremo quelli negativi.

L’azione high-stakes online richiama molta attenzione.

Grossi confronti attirano tifosi e attenzione sul gioco, che è una cosa assolutamente necessaria quando c’è mancanza di tornei trasmessi in televisione. La gente vuole vedere a tutti i costi i migliori giocatori puntare grosse somme perché molte persone soffrono una sorta di insana attrazione verso quelle situazioni in cui sono a rischio milioni di dollari.

Le persone normali non giocano con questi stake o puntano queste cifre, quindi osservare l’azione è la cosa che di più li fa sentire coinvolti in un high-stakes game. Più c’è gente che parla di azione high-stakes, meglio è per il gioco perché lo sport ha bisogno di quanto più pubblicità possibile per attirare nuovi giocatori.

Questo tipo di giocatori dovrebbero essere liberi di giocare con lo stake che desiderano.

Molte persone che partecipano agli high-stakes online cash-games sono giocatori esigenti, che, se l’azione no gli si addice, semplicemente non giocano.

Per far sedere ad un tavolo uno come Phil Ivey, il gioco deve valere la candela. Considerate che lui è uno che potrebbe salire su un aereo e trovare un craps game dove puntare milioni. Giocatori come Ivey decidono di sedersi se il fattore vincita o perdita ha un senso per loro.

Fortunatamente, Full Tilt offre azione con stake che sono sufficientemente consistenti in modo da attirare questo tipo di giocatori. Se così non fosse, non li vedremmo se non quando sono costretti a giocare dei tornei perché previsto nei loro contratti.

Dall’altro canto, questi giocatori vivono per partecipare ai tavoli nosebleed e conoscono i rischi e le opportunità legati all’azione. Non c’è niente di sbagliato nell’offrirgli un posto dove potersi scontrare.

I giocatori high-stakes bilanciano il rischio partecipando a eventi e formati che giocano a loro vantaggio.
Eccetto per una manciata di giocatori come Guy Laliberte, il resto dei giocatori high-stakes online è estremamente bravo in quello che fa. Ecco perché lo fanno. Questi hanno imparato come capitalizzare e trarre vantaggio sugli avversari. Sanno che possono scegliere stake inferiori per un’azione meno impegnativa, ma non lo fanno perché per essere i migliori bisogna giocare ai tavoli migliori.

Gran parte dell’azione tra questi tipi di giocatori spesso si svolge in un modo a loro congeniale, quindi non crediate che entrino in gioco senza cognizione di causa. Per esempio la "durrrr Challenge" è nata perché Tom Dwan credeva di aver un grosso vantaggio sugli altri giocatori fin quando li avrebbe affrontati in un formato per cui si sentiva di essere superiore. Ha scelto consapevolmente i parametri del suo gioco sapendo che lui è uno delle poche persone che possono reggerlo. Ecco perché Dwan e altri come lui amano giocare a questi tipi di games. Sono i migliori in quello che fanno e pensano sempre di partire in vantaggio sugli altri.

Questa era la prima parte, non perdetevi la seconda che vi offriremo nel fine settimana. Nel frattempo seguiteci su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli