Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

Lontano dal Tavolo con Jonathan Little

Jonathan Little

PokerNews vi fa conoscere le stelle del poker lontano dal tavolo da gioco. Recentemente abbiamo incontrato Jonathan Little per parlare di poker, scommesse e come mai va così bene al World Poker Tour.

Come hai iniziato a giocare a poker?
Ho cominciato con gli amici al college e gente che aveva giocato al Magic the Gathering. Ho visto alcune persone vincere e ho provato a capire il loro modo di giocare. Lavoravo in aeroporto in quel periodo e avevo diversi tempi morti durante i quali ho iniziato a leggere libri. Poi ho registrato un account, effettuato un deposito e subito ho avuto buoni risultati.

Se non avessi giocato a poker, cosa faresti?

Non ne ho idea. Questo è stato sempre un mio problema. Non ho mai avuto veramente delle aspirazioni nella vita. Studiavo al college ingegneria, ma non mi appassionava più di tanto e poi è arrivato il poker.

Qual è il tuo risultato migliore al gioco finora?

Probabilmente la vittoria del titolo World Poker Tour Player of the Year. Ma è una cosa difficile da dire quale sia il risultato migliore perché ho fatto davvero molte buone cose finora e tutte sono importanti per me.

Qual è la canzone di cui non puoi fare a meno sul tuo iPod?

In realtà non ascolto più molta musica sul mio iPod. Avevo iniziato con la musica classica. Riusciva a tenermi calmo e rilassato mentre il rock mi agitava. Ma non ho una canzone in particolare ora, che è qualcosa di inusuale visto che molte persone invece ce l’hanno.

Qual è la tua tappa preferita per un torneo?

Questa è una bella domanda. Mi piace Foxwoods, che ci crediate o no, perché non credo ci sia niente che possa davvero distrarmi dal giocare a poker, mentre in tutti gli altri posti ci sono sempre tante altre cose da fare. A Foxwoods, è come se sei obbligato a giocare a poker e non mi piace avere alcun tipo di distrazione.

Se potessi scegliere dove vivere, quale parte del mondo sceglieresti?

Las Vegas. Dove tutto è poker.

Twitter o Facebook?

Twitter senza dubbio. Facebook è troppo affollato e su Twitter incontro solo le persone che voglio vedere.

Qual è il tuo programma televisivo preferito?

In questo momento credo Lost. Non vedo l’ora che inizi la prossima stagione.

Per cosa hai speso di più tra: Credit card roulette, scommesse sportive e semplici scommesse?

Proprio l’altro giorno ho perso $2,000 a credit-card roulette, quindi non è stata una cosa divertente. Si trattava di biglietti per i Dallas Cowboys. La scommessa sportive più grossa che abbia mai fatto, è stata forse di $10,000, ma è avvenuta nei giorni di gioco degenerato. Ora ho smesso. Non faccio molte scommesse perché credo di no essere adatto per questo tipo di cose.

Qual è la scommessa più folle che hai visto fare?

Un anno alle Bahamas, Tom Dwan ha scommesso contro Peter Jetten che avrebbe ucciso un gabbiano sulla spiaggia. Ma non lo ha fatto. Contro un altro, hanno scommesso di entrare nella vasca degli squali toccare il fondo ed uscire. Lui ci è riuscito per poi perdere dieci minuti dopo i soldi contro Mike Matusow su Full Tilt.

Qual è la scommessa più folle che tu stesso hai fatto?

Davvero non ho fatto molte scommesse. Provo a stare lontano da cose che possano mettermi nei guai o farmi sembrare un idiota.

Ship it Holla o One Time?

Di sicuro Ship it Holla

Qual è il giocatore che ti piacerebbe eliminare in un torneo?

Non cerco vendette su nessuno. Faccio solo il mio gioco, ma generalmente preferisco eliminare gli avversari che sono arroganti o rumorosi e odiosi.

Ti piacciono Mike Sexton e Vince van Patten al World Poker Tour di più di Norman Chad e Lon McEachern alle World Series of Poker, o è solo una coincidenza che la tue maggiori vittorie sono quelle al WPT?

Non c’è dubbio che mi piacciono Mike e Vince più di chiunque altro. Penso che sappiano analizzare il poker meglio e parlano con cognizione di causa, quando non so se gli altri due ne sappiano affatto di poker.

Mille grazie per la chiacchierata Jonathan! Buona fortuna per i prossimi tornei!

Non dimenticate di seguirci su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli