Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Hoyt Corkins Vince il Secondo Titolo WPT al Southern Poker Championship

Hoyt Corkins

Nelle prime ore del mattino di giovedì Hoyt Corkins sconfiggeva Jonathan Kantor nell’heads-up finale del WPT Southern Poker Championship 2010 al Beau Rivage casino di Biloxi. Corkins ha ricevuto un premio da $739,486 per la vittoria ma anche un bracciale del WPT ed un ingresso da $25’500 al WPT World Championship che si giocherà al Bellagio a Maggio. È questo il suo secondo titolo del World Poker Tour title.

Questo torneo da $10,000 di buy-in ha attratto 208 giocatori inclusi Jason Mercier, Shannon Shorr, Jeff Madsen, “Miami” John Cernuto, Chris Bell e James Van Alstyne. Sfortunatamente nessuno di loro è riuscito a superare il Day 1. Al contrario, Jonathan Little, Corkins, Tommy Vedes, James “mig.com” Mackey, Paul Wasicka, Chad Brown, Matt “All In at 420” Stout e Gavin Smith hanno concluso la prima sessione di gioco nelle prime dieci posizioni.

Dwyte Pilgrim, che in questo scorcio di 2010 ha già conseguito due vittorie ed un secondo posto negli eventi preliminari del Southern Poker Championship, ha concluso il Day 1 come chip leader ma ha solo sfiorato un premio uscendo al 24° posto.

Al Day 2 si sono ripresentati in 106 ma soli 27 di questi hanno concluso la serata con ancora delle chips. Nonostante i formidabili stacks che avevano portato al tavolo ad inizio giornata, Stout, Wasicka, Smith, Brown e Little sono stati eliminati mentre Tyler Smith e Kantor procedevano in direzione opposta guadagnandosi la testa del gruppo. La stessa sera sono stati eliminati anche i già campioni WPT Nick Schulman, Daniel Negreanu e Joe Tehan.

Dei 27 giocatori sopravvissuti fino al Day 3, 18 sono andati a premio inclusi Vedes (17°), Mackey (14°), Justin “Boosted J” Smith (13°), Ayaz Mahmood (11°) e J.J. Liu (8°). Andy Philachack è stato l’uomo bolla del TV-table concludendo con un settimo posto eliminato proprio dal futuro vincitore Corkins.

Corkins è così potuto arrivare al tavolo finale non solo come giocatore più noto ancora in gara ma anche come uomo da battere dato che proprio il suo era lo stack più grande - con quasi il doppio di chips rispetto al suo più immediato inseguitore.

Nonostante avesse iniziato il tavolo finale con il secondo più grande stack, Tyler Smith è stato il primo giocatore ad essere eliminato. Dopo aver perso la maggior parte delle proprie chips contro Jonathan Kantor con top pair contro doppia coppia, Smith è stato eliminato da Jared Jaffee guadagnando $86,837 per il suo sesto posto.

James Reed
ha retto il più a lungo possibile con il suo short stack, ma la pressione dei bui lo ha presto costretto all-in contro Jaffe che con una coppia di otto in mano lo ha eliminato al quinto posto per $106’134. Il quarto posto è stato assegnato a Jaffe che dopo la bella partenza al tavolo finale ha perso costantemente chips fino a cadere vittima di Corkins che giocava con una coppia di Jacks. Il quarto posto gli è valso $135,079.

Il tavolo finale è iniziato alle 4:30 p.m. EST e Jaffe è stato eliminato alle 7:30 p.m. Sono quindi servite cinque ore di gioco e 102 mani per arrivare all’eliminazione di Vanstrydonck al terzo posto. È stato ancora una volta Corkins a chiamare l’all-in con K-Q contro l’8-9 dell’avversario. Nessuna sorpresa dal board e Vanstrydonck ha portato a casa $196,829 per il terzo posto.

Corkins aveva a questo punto 3,635,000 di chips contro 2,665,000 di Kantor. Dopo sole otto mani di testa a testa, un grosso piatto a sbilanciato drasticamente la situazione a favore di Corkins che è però riuscito a chiudere i conti solo alla 173ma mano del tavolo finale. Per il suo secondo posto, Kantor ha ricevuto $366’643.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli