Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

World Series of Poker 2010 Day 47: Evan Lamprea al Comando; Theo Jorgensen a Seguire

Theo Jorgensen

Il Day 5 del World Series of Poker 2010 si è concluso con l’eliminazione di 368 speranzosi November Nine e quando la mano finale è stata distribuita e completata, Evan Lamprea è emerso con lo stack maggiore, per un totale di 3,569,000 per l’esattezza. Alle spalle di Lamprea seguono Micael Skender, con 3,527,000, Joseph Cheong, con 3,357,000, Duy Le che tornerà con uno stack di 3,186,000 e Theo Jorgensen che ha 3,088,000.

Del gruppo da tre milioni in chips, Theo Jorgensen è sicuramente il nome più famoso. Il danese ha recentemente vinto il WPT Grand Prix de Paris a maggio e sta continuando la sua striscia positiva anche qui a Vegas. In una mano seguita dai nostri reporter Jorgensen ha rilanciato a 38,000 e una delle ultime donne ancora in gioco, Dorothy VonSachsen, è andata all in per 75,000 da bottone. Jorgensen ha chiamato con {a-Clubs}{6-Diamonds} davanti a VonSachesen con {k-Hearts}{10-Hearts}. Il board è sceso {a-Hearts}{k-Spades}{j-Spades}{9-Hearts}{4-Clubs} e VonSachsen è stata eliminata.

In precedenza Jorgensen aveva colpito i fratelli Mizrachi eliminando Danny dal WSOP Main Event. Mizrachi è andato all in pre-flop per 67,000 chiamato da Jorgensen, in big blind, che ha mostrato {k-Clubs}{q-Clubs}. Mizrachi aveva due carte vive con {9-Diamonds}{j-Diamonds} ed è stato il primo a prendere una coppia al flop di {6-Diamonds}{9-Hearts}{10-Spades}. A questo punto il fratello Michael è arrivato al tavolo per seguire l’azione. Ha chiamato per un nove al turn e invece ha trovato il {2-Hearts} che però non ha aiutato Jorgensen. Ma il river non è stato altrettanto gentile e Jorgensen ha preso il {j-Clubs} per una scala re-alta, migliore di jack e nove di Mizrachi.

Così siamo rimasti con due fratelli Mizrachi e non è una sorpresa che siano quelli che hanno già un braccialetto WSOP a proprio nome. Michael e Robert. Robert ha iniziato forte vincendo un grosso piatto contro Jason Mercier nelle prime fasi, ma ha chiuso a 224,000. Michael, dall’altro canto, era uno dei fratelli più corti ma grazie ad alcuni coinflip a suo favore è salito fino a quota 1,793,000.

Tony Dunst, che si era distinto al Day 4 ha iniziato il Day 5 come chip leader, ma non è riuscito a conservare gran parte del suo stack finendo con solo 375,000, ma ancora in corsa. Ad unirsi a Dunst nel field per il Day 6 ci saranno Eric Baldwin, Theo Tran, David Benyamine, Jean-Robert Bellande, Scott Clements, Alexander Kostritsyn, Phil Galfond, i Team PokerStars Pros William Thorson, Johnny Lodden, JP Kelly e Gualter Salles che è riuscito a trasformare 1,000 in 939,000 in modo davvero spettacolare.

Il due volte vincitore del WSOP Main Event Johnny Chan ha conservato la sua posizione tra i primi in classifica ancora una volta e di sicuro ha quello che serve per vincere un grande evento come questo. Chan ha conquistato titoli consecutivi nel 1987 e 1988 e se dovesse riuscire a vincere un terzo titolo nel 2010, diventerebbe il secondo giocatore ad avere tre titoli Main Event, dopo Stu Ungar che ha ottenuto il successo nel 1980, 1981 e 1997.

Chan ha portato il suo stack a 2.7 milioni nelle prime ore della mattina quando ha vinto un massiccio piatto eliminando Garrett Adelstein. Adelstein ha scelto un momento orribile per andare all-in dopo un rilancio e una guerra di controrilanci pre-flop con Chan. Adelstein alla fine ha messo i suoi 970,000 nel mezzo con {q-Hearts}{j-Clubs} solo per rimanere devastato dal call di Chan con {k-Clubs}{k-Diamonds}. Il board ha servito {8-Spades}{3-Spades}{4-Spades}{6-Spades}{q-Clubs} mandando Adelstein a casa e dando a Chan una grossa somma di chips da aggiungere al suo stack.

Il titolo di ultima donna in gioco al WSOP Main 2010 ora appartiene a Breeze Zuckerman. Rimanevano in azione solo Zuckerman e Dorothy Von Sachsen, ma con l’eliminazione di Von Sachsen prima dell’ultima pausa della giornata Zuckerman si è unita a Annie Duke, Mario Ho, Leo Margrets, Wendeen Eolis e Tiffany Michelle, nella lista delle donne finaliste al WSOP Main Event. L’unica lady del 2010 ritornerà con uno stack di 1.1 milioni in chips alla ripresa del gioco.

Tra quelli che non torneranno al Day 6 ci sono Brent Hanks, Steve Billirakis, Brett Richey, Dash Dudley, Jason DeWitt e Will Failla.

La corsa ai November Nine riprende di nuovo stasera alle 21 ora italiana e PokerNews vi porterà tutta l’azione sul nostro blog WSOP Live Diretta.

Gioca nei Campionati PokerNews su Sisal Poker per oltre €3800 in premi extra. Gioca la serie C, qualificati gratis per tutti i tornei della Serie B o della Serie A e ricevi 5 Euro Subito + 100% fino a 400€ di bonus usando il codice POKERNEWS-405! Scopri le passwords dei tornei nel nostro gruppo Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli