Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

World Series of Poker 2011: Intervista al Campione WSOP Pius Heinz Parte 1

Pius Heinz

Martedì notte, il nuovo membro del Team PokerStars Pro, Pius Heinz, ha sentito il suo nome gridato a voce alta nel Penn & Teller Theater del Rio All-Suite Hotel & Casino dopo aver vinto il World Series of Poker Main Event e $8,715,638. Sappiamo che i vincitori amano fare festa, ma Heinz è tornato subito al lavoro il giorno seguente per rispondere alle molte domande dei media. PokerNews ha incontrato Heinz per discutere della sua conquista della gloria. Qui trovate la prima parte dell’intervista.

Pius, prima di tutto, hai dormito finora?

Ah. [Ride]. Ho dormito, circa tre ore.

Sembra abbastanza. Iniziamo discutendo della pausa tra luglio e novembre. Sappiamo che hai vinto un side event all’EPT Barcelona. Puoi dirci cosa hai fatto durante la pausa, se hai giocato molto a poker e come ti sei preparato?

Si. Per gran parte ho provato a rilassarmi senza pensare troppo. Sono andato a Barcellona dove mi sono divertito un po’. Ho vinto un side event, che è una cosa sempre bella, e dà sicurezza.

Oltre a ciò, onestamente non ho fatto molto altro per prepararmi. Ho fatto un paio di sessioni di coaching con Mike McDonald ["Timex"], che mi ha aiutato sulla parte ICM del gioco e gli aspetti matematici ad un tavolo finale importante come questo. Ma ciò è tutto quello che ho fatto a proposito di strategia perché ero sicuro del mio gioco e sapevo che potevo fare bene e giocare un ottimo poker. Ho pensato che avrei dovuto continuare a fare quello che ho fatto e ha funzionato.

C’è voluto un po’ per vincere la tua prima mano domenica. Eri nervoso o preoccupato visto che all’inizio le cose non sono andate a tuo favore?

Non mi sono innervosito. Ero solo frustrato perché di base non ho giocato una mano. Raramente ho preso una mano. Ho avuto gli assi due volte, ma oltre a ciò, non ho mai giocato una mano. Specialmente post flop, non ho mai floppato la top pair – mai.

E Martin [Staszko], penso abbia floppato buone mani un sacco di volte. Quindi è stato molto, molto difficile per me. Ho provato a non preoccuparmi e continuare con il mio gioco sperando che alla fine le carte sarebbero arrivate.

Sei rimasto sorpreso dall’andatura del tavolo finale o è stato qualcosa di atteso?

Si. È stata molto rapida. Una volta arrivati al livello 400K/800K, avevamo, penso, quattro o cinque stacks di 20 big [blinds] o meno. Quindi a quel punto è quasi come un turbo. Per cui ci si attende che le persone vengano eliminate velocemente perché devono aprire spingendo. In generale, è stato un tavolo finale veloce. Specialmente il gioco a tre è stato veramente rapido.

Hai usato il ritardo di 15 minuto durante il tavolo finale? I tuoi amici guardavano la copertura e ti davano informazioni?

Si, lo hanno fatto.

Quali sono i momenti importanti che ti sono rimasti in mente?

Domenica, sicuramente la mano con le donne contro Eoghan [O'Dea] in cui mi ha messo in una situazione davvero difficile. Ho letto di persone che hanno espresso le loro opinioni sulla mano, e penso che tutti abbiano interpretato male perché non credo che le donne sia una mano facile con cui andare lì.

Quando hai spinto con queste due donne, ti aspettavi il call?

No. Speravo che non avrebbe chiamato. Diciamo che non posso semplicemente chiamare al turn e valutare il river. Non c’è un opzione a quel punto perché ci sono troppi soldi nel mezzo. Ma si, sapevo che se avesse detto immediatamente 'call' sarei stato distrutto, quindi ero molto contento quando non ha snappato.

Non solo sei il primo giocatore tedesco a vincere il WSOP Main Event, sei stato il primo tedesco in assoluto ad arrivare al tavolo finale del Main Event. Qual è stata la reazione del tuo paese in vista del final table?

Molti si sono interessati a me. Ho avuto molte richieste dai media, per interviste e cose del genere. Penso ora che ho vinto, la gente sarà impazzita lì. Ho sentito dagli amici che sono stati contattati dai media per parlare di me, e penso che sarà pazzesco.

Pensi che ciò potrebbe portare al boom del poker in Germania?

Penso che ci sia un ottima possibilità.

Vincendo il WSOP Main Event, ovviamente avrai una grossa responsabilità come detentore del titolo e ambasciatore del poker. L’anno scorso, Jonathan Duhamel, che è tuo compagno nel Team Pro di PokerStars, ha fatto un ottimo lavoro. Pensi che sarai capace di gestire tutto questo?

Non mi resta che aspettare e vedere come va. Questa è una cosa nuova per me. Non sono abituato. Sicuramente ci vorrà un po’ per farlo. Proverò a rappresentare il poker e PokerStars, di cui sono molto orgoglioso di far parte del team, il meglio che posso, ed essere un ottimo ambasciatore del poker.

A proposito di PokerStars, prima del tavolo finale hai firmato come Team Pro per la Germania e ti sei unito ai compagni Team Pros Chris Moneymaker, Joe Hachem, Joe Cada e Jonathan Duhamel come recenti campioni del WSOP Main Event. Oltre che a Daniel Negreanu e Barry Greenstein. Come ci si sente a far parte di questa compagnia?

Sono davvero onorato di far parte del team PokerStars. Penso che PokerStars sia la migliore società del settore, la più affidabile, la più sicura, le persone migliori lavorano lì. Sono davvero felice di lavorare con il meglio.

Cosa ti aspetta nel futuro? Quali sono i tuoi piani?

Onestamente, la cosa che aspetto di più al momento è l’EPT Prague e di giocare di nuovo a poker. Inoltre, non vorrei essere impegnato troppo con i media in quanto mi considero un giocatore di poker e non un tipo famoso, quindi aspetto soltanto di giocare di nuovo.

La domanda nella testa di tutti è cosa farai con i soldi.

Ancora non lo so. Non ho fatto troppi piani perché in vista dell’evento, non ho voluto pensarci troppo non sapendo quanto avrei vinto.

Pensi di giocare tornei dal buy-in maggiore come gli eventi da $100,000 e $250,000 in giro per il mondo? O rimani con quelli da $10,000?

Ancora non lo so. Penso che i $10K vadano bene per il momento. Voglio dire $250K in un torneo è piuttosto sick.

Per tutti gli aggiornamenti in tempo reale seguici su Twitter.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli