Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Faraz Jaka: come ho cambiato la mia vita senza pensare alle cose terrene

Faraz Jaka

Se pensavate che milioni in vincite di tornei live potessero essere sufficienti a un giocatore qualunque per poter sistemarsi e vivere una vita tranquilla, è perchè non conoscete molto di Faraz Jaka.

Parlando a CNN Money, il co-fondatore di Axis CasterBoarding e vincitore del titolo di Player of the Year nella Season VIII del World Poker Tour (WPT), ha spiegato che ha deciso di vendere la propria casa e vivere come un vero nomade del poker per entrare in contatto con un numero maggiore possibile di altre culture.

"Nell'ultimo anno ho giocato 102 tornei di poker di tutto il mondo. Ho visitato 47 città, 13 Paesi e ho preso 52 aerei," ha detto Jaka.

Durante questi viaggi, Jaka ha realizzato che avere un posto dove tornare ogni volta finita un'avventura, era diventato più un ostacolo che un bene e così ha deciso di sbarazzarsi dell'ostacolo. "Mi sono reso conto che l'unico modo per vivere realmente [tutti] questi luoghi, sarebbe stato quello di non pensare più ad avere un luogo dove tornare e così ho fatto."

Anche se il 29enne californiano è riuscito a mettere insieme qualcosa come $4 milioni di vincite e due tavoli finali WPT ed altrettanti WSOP, Jaka ha deciso di rinunciare alla tentazione di viaggiare con stile e vivere una vita senza lusso e piaceri costosi.

"Un sacco di persone sono a caccia di obiettivi a breve termine," ha continuato Jaka. "Quando ognuno di loro li raggiunge, si rendono conto che non sono esattamente felici come speravano e riprendono dall'inizio."

"Molte persone vengono coinvolte in questa spirale, soprattutto coloro i quali hanno un successo clamoroso nella vita; quando si alloggia in alberghi eleganti per tutto il tempo non si ha la possibilità di sperimentare a pieni polmoni la cultura locale. Si inizia a perdere il contatto con la realtà"

Come lui stesso ammette nel video, la "rivelazione" è avvenuta in Svizzera, dove ha passato una settimana completa a stare sul divano da alcuni amici: "Ero in un torneo in Italia e ho incontrato dei conoscenti che mi hanno convinto a stare da loro per una settimana. Al termine di quei giorni mi sono reso conto che qualcosa non andava, eravamo dipendenti da quel divano".

La nuova vita da nomade di Jaka, tuttavia, non ha portato rinunce solo per quanto riguarda la casa. "Viaggio con soli due piccoli zaini, sto imparando a staccarmi completamente dalla mania dell'attaccamento verso le cose. Mi sto liberando piano piano di tutto quello che ho nella borsa, viaggio dopo viaggio e questo non ha cambiato le cose, anzi, le ha migliorate"

Nella sua storia raccontata alla CNN Money, Jaka si è soffermato anche sulla sua passione per la meditazione che ha scoperto durante un ritiro di 10 giorni in Thailandia e che pratica regolarmente prima dei tornei e durante le pause. "Sono stato in monastero Buddista all'interno del quale non ho parlato per 10 giorni," ha detto Jaka. "Ho speso il mio tempo a meditare per 14-15 ore al giorno, senza mai aprire bocca. Sono stati i 10 giorni più belli della mia vita."

Per rimanere sempre aggiornato su tutto quello che accade nel mondo del poker, segui PokerNews Italia su Twitter e diventa fan su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli