Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

   

Amaya Valuta le Offerte: PokerStars Cambia Ancora Proprietario?

  • Mo NuwwarahMo NuwwarahBeto10Beto10
PokerStars

Amaya Inc., la parent company diPokerStars, sta valutando diverse possibili mosse future che potrebbero portare la poker room online più grande al mondo a cambiare di nuovo proprietà, come la Reuters ha riportato venerdì scorso.

La più concreta e forse più interessante tra le possibilità è la fusione con il gigante delle scommesse sportive, William Hill. Le due compagnie hanno confermato la trattativa in un comunicato stampa di Amaya: si parla di "potenziale fusione delle quote".

"Amaya sta valutando le sue alternative strategiche da febbraio 2016", si legge nel comunicato. "Negli ultimi mesi, il consiglio di William Hill sta valutando le sue opzioni per accelerare la strategia di incremento della diversificazione tramite la crescita dei suoi businessi digitali e internazionali".

Sin dall'acquisizione di PokerStars nel 2014, Amaya ha fatto di tutto per diversificare gli introiti del gigante del poker online. La compagnia ha aggiunto un bookmaker, BetStars, e ha acquistato un operatore di Daily Fantasy Sports, Victiv, rinominato StarsDraft.-

Detto ciò, l'appeal di una fusione con William Hill è piuttosto ovvio. Entrambe le compagnie hanno una customer base enorme agli occhi dell'altra, una via di accesso garantita e facile ad un altro segmento di mercato: gli scommettitori di William Hill potrebbero diventare giocatori di poker di Amaya e viceversa. Entrambe le compagnie potrebbero potenziare i loro mercati verticali più deboli. William Hill attualmente ha una poker room online che fa parte del network di iPoker.

"La potenziale fusione sarebbe coerente con gli obiettivi strategici sia di William Hill sia di Amaya, e creerebbe un chiaro leader internazionale tra scommesse sportive online, casinò e poker", si legge nel comunicato stampa.

William Hill è l'operatore di scommesse anche di numerosi casinò di Las Vegas, inclusi SLS, Four Queens, Binion's eHooters.

Un'altra potenziale mossa citata dalla Reuters, anche se la fonte è anonima, è quella di un'acquisizione di Amaya da parte di GVC Holdings PLC, proprietaria e operatrice di una delle poker room online più importanti e longeve, partypoker. Se PokerStars rimane nettamente il leader del mercato, partypoker attualmente è terza per traffico, con una media settimanale di 1.050 giocatori cash - secondo i dati di PokerScout.

Sempre secondo il report della Reuters, uno dei potenziali compratori sarebbe ormai fuori gioco: il fondatore ed ex CEO David Baazov, i cui problemi ormai sono di dominio pubblico. Tempo fa, Baazov si dimise temporaneamente dai suoi incarichi in Amaya, a causa delle accuse (ancora non risolte) di insider trading a lui mosse.

Ad agosto, Baazov si è dimesso in maniera definitiva da tutte le sue posizioni all'interno della compagnia. In precedenza, quando ancora non si parlava di insider trading, Baazov aveva annunciato un'offerta cash di riacquisto della compagnia che aveva quotato in borsa. Recentemente, l'ex dirigente di Amaya ha fatto parlare di se per non essersi presentato all'udienza relativa ai reati a lui contestati.

Per rimanere sempre aggiornato su tutto quello che accade nel mondo del poker, segui PokerNews Italia su Twitter e diventa fan su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Giocatori Collegati

Cosa ne pensi?