Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

   
888poker
New poker experience at 888poker

Join now to get $88 FREE (no deposit needed)

Join now
PokerStars
Double your first deposit up to $400

New players can use bonus code 'STARS400'

Join now
partypoker
partypoker Cashback

Get up to 40% back every week!

Join now
Unibet
€200 progressive bonus

+ a FREE Unibet Open Qualifier ticket

Join now

Giocare Con 20 Big Blind in un Torneo Multitavolo

Anatoly Filatov

Quando si parla di tornei multitavolo, qualsiasi consiglio su come accumulare chip e fare la voce grossa con un big stack è bene accetto. E lo stesso vale per la cosiddetta short-stack strategy, tabelle di "push-fold" e altre linee guida su come recuperare il terreno perso incluse.

Eppure di consigli specifici su come giocare con uno stack di medie dimensioni negli MTT non ce ne sono poi così tanti. Per "medie dimensioni" intendiamo stack non abbastanza deep da permettere a un giocatore di esplorare l'intero range di opzioni pre-flop e post-flop, ma neppure così short da non poter aprire rilanciando e controrilanciare pre-flop, o da non poter fare qualche mossa post-flop tipo continuation bet e simili.

Se la struttura e la situazione corrente di un torneo dettano cosa sia esattamente uno stack "medio", in molti MTT spesso qualsiasi stack compreso tra i 15 e i 30 big blind rientra in tale categoria.

Per alcuni giocatori, uno stack di 20 big blind (ad esempio) spesso rientra nel range di "squeeze stack", ovvero se un giocatore rilancia prima del flop e un altro chiama, un player potrebbe mandare la vasca con quei 20 big blind in squeeze, per potersi accaparrare la dead money senza andare allo showdown - o alla peggio trovandosi contro un solo avversario con una mano giocabile. (Fate click su "Poker Strategy: parliamo dello squeeze" per approfondire questa mossa.)

Se fare squeeze con uno stack del genere può essere una mossa efficace, ridursi a 20 big blind non significa non vedere l'ora di andare all-in - non ancora, almeno.

Una lezione importante, quando si gioca con stack medi (specialmente quando il torneo entra nella fase in cui la bolla si avvicina, o persino dopo aver raggiunto la zona ITM), è di continuare ad avere pazienza e non pensare di essere obbligati a giocarsi quei 20 big blind alla prima chance.

In una delle edizioni precedenti delle World Series of Poker, la nostra Sarah Herring ha fatto due chiacchiere con il pro russo Anatoly Filatov, mentre stava partecipando a un evento di no-limit hold'em e si trovava proprio durante la middle stage del torneo, con uno stack di 20 big blind.

Filatov ci ha regalato alcuni consigli utili per chi si trova in questa situazione, suggerendo ai giocatori di:

  • avere pazienza
  • aspettare mani giocabili buone
  • provare comunque degli open-raise, senza però sentirsi obbligati di andare in shove
  • piazzare three-bet di tanto in tanto (a seconda della forza della mano)
  • limitare l'aggressività (specialmente se ci sono altri giocatori aggressivi al tavolo)
  • cercare di controllare la dimensione del piatto quando si è coinvolti in una mano

Date un'occhiata

Per rimanere sempre aggiornato su tutto quello che accade nel mondo del poker, segui PokerNews Italia su Twitter e diventa fan su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Cosa ne pensi?