Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

Recensione Libri: Dario De Toffoli - 'Il Grande Libro del Poker'

Recensione Libri: Dario De Toffoli - 'Il Grande Libro del Poker' 0001

Chi di noi non ha provato una qualche difficoltà all'inizio della propria avventura da pokerista? Abbiamo cominciato a giocare con le nostre confuse conoscenze, magari senza capire a fondo le mosse che occorreva eseguire. Solo esperienza e deduzione ci hanno condotto a possedere uno stile di poker e un repertorio strategico. "Il grande libro del poker – Texas Hold'em e tutto il resto" scritto da Dario De Toffoli (edito da Sperling&Kupfer, 368 pagine, 15 €), è un volume sul poker internazionale e può essere considerato tra i pochi scritti, nella nostra lingua, da un autore italiano. Pur non essendo un libro specialistico come quelli della collana prodotta dalla Two+Two Publishing o Cardoza Publishing, l'opera di De Toffoli costituisce un valido strumento di studio sia per chi non conosce il poker sia per chi già lo pratica da parecchio tempo. In questo libro, scritto in modo semplice, preciso e ironico, si trova tutto ciò che si deve sapere sulle regole base del poker Texas Hold'em e di molti altri stili, ma anche approfondimenti matematici, consigli strategici, trucchi, tattiche psicologiche, esempi, tabelle e quiz, recensioni cinematografiche e librarie.

De Toffoli dedica inoltre l'appendice del libro alla realtà pokeristica italiana con un preciso riferimento alla Federazione Italiana Gioco Poker (Figp). Insomma un libro che, per coloro che ancora non lo hanno letto, incontrerà i gusti di molti: di chi andando "all in" spesso si è chiesto perché si perda più volte di quanto si vinca, di chi non s'accontenta del Texas ma vuole scoprire altri stili.

Qui di seguito troverete degli stralci su matematica e poker Texas Hold'em, un capitolo tra quelli che più mi hanno fatto apprezzare la maniera espositiva di De Toffoli, e che mi fanno dire che i 15 euro richiesti per il libro sono un buon investimento: "Ti vedo che stai sbuffando! D'accordo, d'accordo. Cominciamo il discorso dalle prime 2 carte. Bisogna valutare correttamente e decidere se giocare o no la mano in rapporto a tutte le condizioni che si sono create al tavolo: è la prima lezione da apprendere e per certi versi la più importante. Con qualunque paio di carte di partenza si può vincere una mano, ma il fatto è che con certe carte si vince più spesso che con altre. In termini di probabilità (odds) abbiamo già calcolato le chance di ricevere una coppia d'Assi come poket cards: A-A = 0,45%. Tradotto significa 1 volta su 221. Gli anglosassoni si esprimono prevalentemente in termini di odds, cioè confrontando le possibilità contrarie con quelle favorevoli. Nel nostro caso: per 220 casi sfavorevoli ce ne sarà 1 favorevole. A volte conoscere le odds risulta utile perché permette di avere un'immediata percezione delle pot odds, cioè di valutare di quante volte il piatto deve essere più grande della mia puntata perché mi convenga accettare. Un'altra situazione. Con 4/5 di colore al flop le odds di chiudere il progetto con le prossime due carte sono del 35%".

Dario De Toffoli, è uno dei fondatori di "studio giochi" e tra i maggiori esperti italiani di giochi. Grande appassionato di matematica e di calcoli probabilistici applicati al gioco, nonché ottimo pokerista. Organizza e dirige tornei, gare e campionati, nonché convegni, seminari e conferenze di argomento ludico. Ha ideato il Festival Italiano dei Giochi, il Premio Archimede per giochi inediti, il concorso Giocatore dell'Anno. Autore di libri di argomento ludico e di numerosi giochi da tavola. Il libro di De Toffoli rappresenta una valida risorsa nel panorama delle opere in italiano riguardanti il gioco del poker. Lo stile discorsivo e gli aneddoti personali rende il volume di piacevole lettura e mai noioso o eccessivamente didattico.

Se il poker - nella fattispecie la sua versione più famosa, il Texas Hold'Em - fosse un gioco d'azzardo basato soltanto sulla buona sorte, non esisterebbero i grandi campioni. E invece esistono professionisti che combinano abilità e fortuna. Prima di tutto occorre conoscere le regole, le tecniche di base; conoscerne la storia, i protagonisti, la filosofia e la cultura. Nel mondo seducente del Poker è utile farsi accompagnare da una buona guida.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli