Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

   

Texas Holdem Poker

All'inizio del Texas Holdem poker, il mazziere mescola un mazzo standard di 52 carte da gioco. Nei casinó e nelle sale da gioco chi da le carte non partecipa al gioco.Comunque, dove ci sia carenza di mazzieri o in contesti informali, anch'egli...

Regole Texas Hold'em | Il Bottone | I Bui | Primo Giro di Puntate: Preflop | Secondo Giro di Puntate: il Flop | Terzo Giro di Puntate: il Turn | Ultimo Giro di Puntate: il River | Lo Showdown

Che Cos’è il Texas Hold'em Poker?

Il Texas Hold'em è di gran lunga la più famosa di tutte le varianti di poker. Tutti i migliori tornei al mondo (inclusi World Series of Poker, World Poker Tour, European Poker Tour e quant’altro) ospitano la variante no-limit di questo gioco. In effetti il Texas Hold’em è così popolare che chi non conosce bene il poker non sa che ci sono altri modi di giocarci.

Imparare come giocare al poker Texas hold’em non è così difficile, ma non lasciate che la semplicità del gioco vi inganni. Il numero di possibili situazioni di gioco è così ampio che il gioco stesso può essere molto complesso, quando giocato ad alto livello. Questo concetto ha ispirato il famoso detto del Texas hold’em: “ci vuole un momento per impararlo, ma una vita per padroneggiarlo”.

Quando si gioca per la prima volta, occorre avere familiarità con le regole di base del Texas hold’em, spiegate qui sotto.

Regole Texas Hold’em

Quindi come si gioca a Texas hold’em? Nel Texas hold’em, i giocatori cercano di chiudere la miglior combinazione di poker a cinque carte. A questo proposito, l’hold’em non è diverso dalle altre varianti di poker come il five-card draw. Tuttavia, il modo in cui i giocatori formano le proprie mani nel Texas hold’em è un pochino differente rispetto al draw poker.

Nell’hold’em, ciascun giocatore riceve due carte coperte (le “hole card”), e nel corso dei seguenti round vengono distribuite ulteriori cinque carte scoperte sul tavolo. Queste carte scoperte sono chiamate “carte comuni” perché tutti le usano per completare una mano di poker a cinque carte.

Le cinque carte comuni vengono distribuite in tre fasi. Le prime tre carte comuni vengono chiamate “flop”. Poi viene distribuita una quarta carta, il “turn”. Infine un’ultima e quinta carta comune, il “river”.

I giocatori formano le proprie mani di poker a cinque carte usando le migliori cinque sulle sette totali (le due private e le cinque comuni). Si può fare usando entrambe le carte private in combinazione con tre comuni, con una sola carta privata e quattro comuni o nessuna carta privata e tutte e cinque le carte comuni: l’importante è chiudere la miglior combinazione a cinque carte.

Se dopo le puntate rimane un solo giocatore, questi vince il piatto senza dover mostrare alcuna carta. Per questo motivo, i giocatori non sempre devono avere la mano migliore per vincere il piatto. È sempre possibile che un giocatore “bluffi” e faccia foldare agli altri mani migliori. Se due o più giocatori arrivano allo showdown dopo l’ultima carta comune e l’ultimo giro di puntate, allora l’unico modo per vincere il piatto è avere la miglior mano a cinque carte.

Entriamo più nello specifico, parlando per esempio delle mani del Texas hold’em e di come funzionano le puntate. Un buon modo per spiegare l’ordine di gioco è parlare di alcune delle posizioni chiave al tavolo: bottone e bui (small e big blind).

Il Bottone

Il gioco si sviluppa in senso orario e l’azione parte dal primo giocatore alla sinistra del bottone. Il bottone è un disco rotondo che viene posizionato davanti a un giocatore e che ruota a sinistra ogni mano. Quando si gioca nei casinò e nelle poker room, il giocatore col bottone non distribuisce le carte (lo fa un dealer o un croupier). Nelle partite con gli amici, però, è il bottone che di solito distribuisce le mani.

In generale, i primi due giocatori alla sinistra del bottone devono pagare un piccolo buio (small blind) e un grande buio (big blind) per iniziare le puntate. Da qui, l’azione si sviluppa su più strade: preflop, flop, turn e river (come vedremo tra poco).

Il bottone determina quale giocatore al tavolo funga da dealer. Nel Texas hold’em, il giocatore sul bottone, o l’ultimo giocatore attivo più vicino al bottone, riceve l’ultima azione su tutte le strade dopo il flop.

Il bottone del dealer indica quali giocatori debbano pagare piccolo e grande buio, ma anche da dove inizia la distribuzione delle carte. Il giocatore all’immediata sinistra del dealer, lo small blind, riceve la prima carta e poi da lì in senso orario da giocatore a giocatore, finché ciascuno non ha due carte private di partenza.

I Bui

Come detto, prima di ogni nuova mano, due giocatori al tavolo sono obbligati a pagare small e big blind. Queste sono puntate obbligatorie che danno inizio alle puntate. Senza i bui, il gioco sarebbe molto noioso perché nessuno avrebbe la necessità di investire denaro nel piatto. I giocatori potrebbero aspettare di ricevere due assi e giocare solo quelli. I bui, invece, assicurano che ci sia un po’ di “azione” ogni mano.

Nei tornei, i bui si alzano a intervalli regolari. Mentre il numero di giocatori decresce e gli stack dei superstiti crescono, è necessario che anche i bui continuino ad aumentare durante il torneo. Nei cash game, i bui rimangono inalterati.

Il giocatore alla sinistra del bottone paga il piccolo buio, mentre il giocatore alla sinistra del piccolo buio paga il grande buio. Lo small blind di solito è la metà del big, anche se questo può cambiare da poker room a poker room e può anche dipendere dal gioco. Per esempio, in una partita di Texas hold’em da “€1/€2”, lo small blind è €1 e il big blind €2.

Primo Giro di Puntate: Preflop

Pre-Flop

Il primo giro di puntate si svolge subito dopo che ciascun giocatore ha ricevuto due carte private. Il primo giocatore ad agire è quello alla sinistra del big blind, posizione definita “under the gun” perché è il primo giocatore ad agire. Questo player ha tre opzioni:

  • Call: pagare la stessa cifra del big blind
  • Raise: aumentare la puntata in base ai limiti del gioco
  • Fold: gettare la propria mano

Se il giocatore decide di foldare, non può più vincere la mano in corso.

La cifra che un giocatore può rilanciare dipende dal gioco. Di solito nel no-limit Texas Hold’em il rilancio minimo d’apertura deve essere almeno del doppio del big blind, e il massimo può arrivare a tutte le chip (cioè una puntata “all-in”).

Ci sono altre varianti di puntata nell’hold’em poker. Nel fixed-limit hold’em (o semplicemente “limit hold’em”), un raise equivale sempre esattamente a due big blind. Nel pot-limit hold’em (giocato molto di rado), i giocatori possono puntare una qualsiasi cifra compresa tra il big blind (il minimo consentito) e la dimensione del piatto.

Dopo che il primo giocatore (“under the gun”) ha agito, il gioco procede in senso orario con ciascun player che ha le stesse tre opzioni: call, raise, fold. Una volta che l’ultima puntata viene chiamata e l’azione si “chiude”, la fase preflop termina e il gioco si sposta al “flop”.

Secondo Giro di Puntate: il Flop

Flop

Dopo il primo round di puntate preflop, le prime tre carte comuni vengono girate e si procede al secondo giro di puntate, che coinvolge solo i giocatori che non hanno già foldato.

In questo giro di puntate (e nei seguenti), l’azione parte dal primo giocatore attivo alla sinistra del bottone. Oltre a puntare, chiamare, foldare o rilanciare, ora un giocatore ha anche l’opzione del “check” se nessuno ha ancora puntato. Un check significa semplicemente passare l’azione al giocatore successivo.

Di nuovo le puntate continuano fino a che l’ultima puntata o rilancio sono stati chiamati (chiudendo l’azione). Può succedere che ciascun giocatore scelga di fare check: anche così si chiude il giro di puntate.

Terzo Giro di Puntate: il Turn

Turn

La quarta carta comune, il turn, viene distribuita scoperta dopo le puntate al flop. Terminata questa fase, si punta ancora, come nelle strade precedenti. Anche qui si può fare check, bet, call, fold o raise.

Ultimo Giro di Puntate: il River

River

La quinta carta comune, il river, viene distribuita scoperta dopo le puntate al turn. Terminata questa fase, si punta ancora, come nelle strade precedenti. Ancora una volta i giocatori possono fare check, bet, call, fold o raise.

Dopo che tutte le puntate sono completate, i giocatori ancora attivi mostrano le loro carte per determinare il vincitore: si va allo showdown.

Lo Showdown

I giocatori rimasti mostrano le carte private, e con l’aiuto del dealer si determina la mano vincente. Il giocatore con la miglior combinazione di cinque carte vince il piatto, in base alla tradizionale classificazione delle mani da poker. Questa classificazione non è parte delle regole specifiche del Texas hold’em, ma si applica a molti tipi di varianti di poker diversi.

  • Scala reale – cinque carte dello stesso seme, dall’asso al dieci; es., {A-Hearts}{K-Hearts}{Q-Hearts}{J-Hearts}{10-Hearts}
  • Straight Flush – cinque carte dello stesso seme e consecutive; es., {9-Clubs}{8-Clubs}{7-Clubs}{6-Clubs}{5-Clubs}
  • Quads – quattro carte uguali; es., {Q-Clubs}{Q-Hearts}{Q-Diamonds}{Q-Spades}{4-Diamonds}
  • Full House – tre carte uguali e altre due uguali tra loro; es., {J-Clubs}{J-Hearts}{J-Spades}{8-Diamonds}{8-Hearts}
  • Flush – cinque carte dello stesso seme; es., {A-Spades}{J-Spades}{8-Spades}{5-Spades}{2-Spades}
  • Straight – cinque carte consecutive; es., {Q-Clubs}{J-Diamonds}{10-Hearts}{9-Spades}{8-Diamonds}
  • Tris – tre carte uguali; es., {8-Clubs}{8-Spades}{8-Diamonds}{K-Clubs}{4-Hearts}
  • Doppia coppia – due carte uguali e altre due uguali tra loro; es., {A-Spades}{A-Clubs}{J-Diamonds}{J-Clubs}{7-Spades}
  • Coppia – due carte uguali; es., {10-Hearts}{10-Clubs}{9-Hearts}{4-Diamonds}{2-Diamonds}
  • Carta alta – cinque carte spaiate; es., {A-Clubs}{J-Diamonds}{10-Spades}{5-Clubs}{2-Hearts} would be called "ace-high"

Ricordate, i giocatori costruiscono la propria mano scegliendo le cinque migliori carte sulle 7 disponibili (le due carte private e le cinque comuni).

Per esempio, se il board è {9-Clubs}{5-Spades}{K-Diamonds}{3-Spades}{A-Hearts}, un giocatore con due carte come {A-Diamonds}{9-Spades} avrebbe una doppia coppia (assi e nove) e perderebbe contro un giocatore che ha {9-Diamonds}{9-Hearts} per un tris di 9.

Imparare l’hold’em poker comincia con l’imparare come vengono distribuite le mani per giocare, come descritto sopra. Ovviamente, imparare le regole del Texas hold’em è solo l’inizio, dato che il passo successivo è imparare la strategia, cioè capire quali sono mani di partenza buone, le odds e le probabilità del gioco, il significato della posizione e agire per ultimi durante le fasi postflop, e molti altri aspetti.