Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

World Series of Poker Europe Main Event Day 4: Final Table Pronto, Jason Mercier in Testa

Jason Mercier

Quando il gioco ha preso il via lo scorso fine settimana, 334 giocatori pieni di speranze si sono presentati al World Series of Poker Europe Main Event sognando l’ambito braccialetto WSOPE Main Event. Ieri erano solo in 36, tutti desiderosi di approdare al tavolo finale a nove. Alla fine del giorno il Team PokerStars Pro Jason Mercier ha chiuso al comando con quasi due milioni in più rispetto al suo immediato avversario.

Per gran parte della giornata, tutti gli occhi sono stati puntati sul patriarca del poker, Doyle Brunson, che era alla ricerca del suo 11° titolo WSOP. Ma la corsa di Brunson è finita dopo una mano in cui ha ri-rilanciato over the top il rilancio iniziale di Daniel Negreanu con {q-Spades}{9-Diamonds}. Sfortunatamente per Brunson, il britannico membro dei November Nine, James Akenhead ha chiamato all-in dal grande buio con {a-Spades}{k-Spades}. Il flop ha servito {4-Diamonds}{q-Hearts}{5-Diamonds} dando speranza a Brunson, ma il {k-Hearts} ha segnato il suo destino eliminando la nostra superstar al 17° posto.

Con la caccia di Brunson all’11° braccialetto conclusasi negativamente, altre due interessanti storie sono nate. Una è iniziata al secondo tavolo televisivo dove Jason Mercier non ha sbagliato una mossa. Il giocatore americano ha costruito uno dei suoi famosi giganteschi castelli di chips grazie al grosso stack a disposizione. Ad un certo punto durante la pausa cena, il suo castello è stato accidentalmente distrutto dallo staff che stava sistemando il tavolo e allora si è dovuto fare un riconteggio delle sue chips.

Tra le vittime del giorno di Mercier ci sono la leggenda del calcio Teddy Sheringham, eliminato quando i suoi {k-Clubs}{q-Diamonds} si sono scontrati con {a-Hearts}{k-Hearts}di Mercier, Peter Gould, Saar Wilf e Konstantin Bücherl con {k-Spades}{k-Hearts} battuto dal colore di Mercier con {a-Spades}{j-Hearts} quando una quarta carta di picche è scesa al river.

La seconda storia ha riguardato il successo senza tregua che i membri November Niner di quest’anno sembrano avere, in questo caso Antoine Saout e il sopra menzionato James Akenhead. Per proseguire con il tema, Barry Shulman, padre di uno dei November Nine Jeff Shulman e proprieatario di CardPlayer Media, che è anche arrivato al tavolo finale.

Dopo aver eliminato Brunson, Akenhead ha fatto fuori anche il vincitore del World Poker Tour Cyprus, Thomas Bichon, con coppia di re contro la coppia di dieci del francese, e poi in modo drammatico ha eliminato Tony Cousineau. Akenhead ha rilanciato dal bottone con {k-Diamonds}{9-Diamonds} e lo short stack Cousineau è andato all-in dal piccolo buio con {a-Diamonds}{k-Spades}. Il flop, {5-Clubs}{2-Diamonds}{4-Clubs}, sembrava buono per Cousineau, ma il {6-Diamonds} al turn ha fatto sussultare l’affollato Empire Casino. Il {3-Diamonds} è uscito al river eliminando così Cousineau, il quale ha aggiunto il 42° piazzamento a premi della sua carriera, ricevendo l’onore un po’ beffardo di avere il maggior numero di premi WSOP senza aver mai vinto un braccialetto.

La mano che ha decretato i nove finalisti ha visto di nuovo Mercier in azione, ancora una volta in svantaggio, questa volta contro Eric Liu. Mercier, che in quel momento aveva $2.6 milioni, ha rilanciato da early position con Liu che è andato all-in di $350,000 con coppia di regine. Mercier ha pensato per circa un minuto prima di chiamare con {k-Clubs}{j-Clubs}. Il flop è sceso {a-Clubs}{k-Spades}{10-Clubs} ed è stato un chiaro segno che si trattava della notte di Mercier, che ha preso una coppia di re e un progetto di scala reale. Liu aveva bisogno di un jack non di fiori che però non si è mai materializzato, venendo eliminato al 10° posto.

Con il tavolo finale così determinato, Mercier sarà al comando con oltre 3 milioni in chips. A seguire ci sono Akenhead, Praz Bansi e Barry Shulman. Il più corto al tavolo sarà Negreanu con 438,000.

Di sotto l’assegnazione ufficiale dei posti e i chip counts:

Seat 1: Barry Shulman - 1,090,000
Seat 2: Jason Mercier - 3,198,000
Seat 3: Praz Bansi - 1,160,000
Seat 4: Markus Ristola - 784,000
Seat 5: Chris Bjorin - 518,000
Seat 6: James Akenhead - 1,398,000
Seat 7: Daniel Negreanu - 438,000
Seat 8: Antoine Saout - 701,000
Seat 9: Matt Hawrilenko - 674,000

Rimanete in contatto su PokerNews per sapere chi avrà la meglio al tavolo finale del World Series of Poker Europe Main Event.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli