Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

   
888poker
New poker experience at 888poker

Join now to get $88 FREE (no deposit needed)

Join now
PokerStars
Double your first deposit up to $400

New players can use bonus code 'STARS400'

Join now
partypoker
partypoker Cashback

Get up to 40% back every week!

Join now
Unibet
€200 progressive bonus

+ a FREE Unibet Open Qualifier ticket

Join now

Finisce un'Epoca: Chiude a Mezzanotte la Poker Room di Rounders

  • Lazzaro CadelanoLazzaro Cadelano
chiude la sala di rounders

La fine è a mezzanotte, ma la favola non ha lieto fine. L’ultima mano di poker è stata giocata domenica 15 febbraio, poi è calato il sipario sulla sala del Trump Taj Hotel di Atlantic City, la room diventata famosa per il film Rounders.

IL FILM. John Malkovich, Matt Damon, Edward Norton: un cast d’eccezione per uno dei film più belli e affascinanti del mondo del poker. Verme e Mike erano due spiantati e indebitati ragazzi con la bravura e una buona capacità di barare nel poker. Così si recarono ad Atlantic City a caccia di polli da spennare. Famosa la frase del film: "Se non riesci a individuare il pollo nella prima mezz’ora, allora il pollo sei tu."

LA CRISI DI ATLANTIC CITY. Sembrano ormai lontanissimi gli anni ’90 (il film Rounders distribuito da Cecchi Gori e prodotto dalla Miramax celebrò appunto quell’era d’oro nel 1998), quando la cittadina sulle coste del New Jersey era una delle mete più ambite dai pokeristi.

Perfino Donald Trump fiutò il boom e diventò il proprietario del casinò diventato famoso per i giochi high stakes. Non solo, la sala era diventata famosa grazie alla sfida 100$/200$ Omaha/Stud.

Negli ultimi dieci anni, però, Atlantic City ha perso oltre il 50 per cento degli introiti. Già nel 2010, quando la crisi del settore cominciava a far capire di essere tutt’altro che passeggera, la città che una volta sognava di diventare la seconda Las Vegas d’America aveva dovuto dire addio allo United States Poker Championship dopo 14 anni, un evento coperto dalla ESPN dal 1996 al 2006.

L’ULTIMA PARTITA. Alla mano che ha sancito la fine erano presenti alcuni personaggi che hanno fatto la storia e il successo della sala, come per esempio Allen Kessler, che ha definito la giornata “una delle più tristi nella storia del poker”. La decisione non è stata un fulmine a ciel sereno, era nell’aria da settembre, ma sembrava impossibile che la room del film Rounders potesse davvero chiudere i battenti per sempre.

FINE? Allo scoccare della mezzanotte nessuna zucca, né cavalli bianchi, né scarpette né lieto fine. L’unica speranza, come una scritta dopo i titoli di coda (per chi rimane a guardarli) è un "To be continued..." perché pare che la sala potrebbe riaprire a luglio 2015. Difficile. Possibile, ma tutto da vedere, un utilizzo stagionale della gloriosa room.

COSA SUCCEDE AD ATLANTIC CITY. Ormai è un mistero. La seconda città americana del gioco d’azzardo è in crisi, ma sembra una caduta in picchiata ormai da alcuni anni. La chiusura della sala del film di Rounders è l’ufficializzazione definitiva, anche se fino a questo evento i numeri e i dati parlavano chiaro: fuga di giocatori, fine dei grandi eventi, introiti dimezzati. Rinnovamento? Idee? Location? Prima bisogna capire il perché della decadenza e poi intervenire. Ma potrebbe essere troppo tardi.

Per rimanere sempre aggiornato su tutto quello che accade nel mondo del poker, segui PokerNews Italia su Twitter e diventa fan su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Giocatori Collegati

Cosa ne pensi?