Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Amaya Tenta il Jackpot: 1,5 Miliardi di Euro Per Comprare Bwin.Party

Amaya Gaming

Sembra che Amaya Gaming, la parent company sia di PokerStars che di Full Tilt Poker, abbia unito le forze con GVC Holdings per fare un'offerta di acquisto di bwin.party, la parent company di partypoker e del World Poker Tour (WPT).

Amaya avrebbe aperto le negoziazioni con bwin.party già l'anno scorso, ma si sarebbe unita alla GVC per riuscire a competere con l'offerta messa sul piatto dal gigante dell'online che risponde al nome di 888 Holding Public Limited. 888, dal canto suo, ha confermato ufficialmente di aver effettuato una proposta di acquisto.

"Il Board di 888 ha preso nota delle recenti speculazioni della stampa riguardo a una possibile offerta per bwin.party da parte di 888 - affermano da 888 in un comunicato ufficiale - Il Board crede che ci sia una logica industriale forte in una possibile unione tra 888 e bwin.party, della quale beneficerebbero entrambe le compagnie e tutti gli azionisti. Di conseguenza, è stata inviata una proposta relativa all'acquisto completo delle quote di bwin.party in denaro contante e quote di 888".

Secondoil The Telegraph, l'accoppiata Amaya/GVC avrebbe invece offerto 1,5 miliardi di euro per l'acquisto di bwin.party.

Da mesi si parla di un possibile cambio di proprietà di bwin.party, con Playtech e il bookmaker William Hill spesso citati in passato quali potenziali acquirenti.

Nell'accordo tra GVC e Amaya, sembra che la prima acquisirebbe il marchio bwin.party, formato nel 2011 dalla fusione tra bwin e partygaming, mentre la seconda avrebbe "l'opzione di acquistare successivamente le operazioni di poker". Amaya avrebbe anche l'opzione di acquistare il comparto delle scommesse sportive di bwin.party dopo due anni.

L'acquisto da parte di Amaya della sezione poker di bwin.party, che attualmente vede la presenza anche di MGM e Boyd, permetterebbe alla compagnia di superare i problemi nel Nevada e nella California (la cosiddetta clausola del "bad actor") e anche di stabilire una presenza importante negli Stati Uniti entrando nel New Jersey. Teoricamente, Amaya rileverebbe anche il WPT.

The Telegraph fa notare come GVC abbia esperienza in acquisizioni del genere, in particolare quando si è unita tempo fa con William Hill nell'affare Sportingbet. In quel caso, William Hill acquisì gli asset che operavano nei mercati legali, mentre GVC quelli dei mercati grigi. Vale la pena sottolineare che circa la metà dei guadagni di bwin.party deriva proprio da tali mercati.

PokerNews seguirà i successivi sviluppi della vicenda.

Per ulteriori dettagli sulla vicenda potete visitare il sito telegraph.co.uk.

Per rimanere sempre aggiornato su tutto quello che accade nel mondo del poker, segui PokerNews Italia su Twitter e diventa fan su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli