Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

   

Il Rinnovato Malta Poker Festival (Dall'1 al 6 Novembre): I Giocatori al Centro

Portomaso Marina

Il Malta Poker Festival sta arrivando: dall'1 al 6 novembre, il Portomaso Casino di Malta, nella vibrante St. Julian's, ospiterà sei giorni di grande action pokeristica.

Il Malta Poker Festival è stato fondato dagli ex organizzatori del Battle of Malta, che hanno scelto una nuova strada per creare qualcosa di innovativo ed eccitante. Il Battle of Malta Main Event dell'anno scorso ha attirato 2.074 giocatori e l'Event Director del Malta Poker Festival, Ivonne Montealegre, crede che molti player resteranno fedeli e torneranno al Malta Poker Festival.

Il Primo Malta Poker Festival Main Event

Il fiore all'occhiello del Malta Poker Festival, ovviamente, è il €550 Malta Poker Festival Grand Event (dall'1 al 6 novembre), con tre Day 1 e un montepremi garantito di ben €500.000. L'evento

Il Malta Poker Festival Grand Event permette un solo re-entry per flight. Per raggiungere il garantito, il torneo dovrà attirare 1.000 entry. La Montealegre ha rivelato a PokerNews tutta la sua fiducia in merito.

"Mi aspetto facilmente un migliaio di giocatori", ha dichiarato in un'intervista esclusiva. "Abbiamo lavorato duramente per far gravitare tanti player. Ricordate che faccio questo lavoro da sette anni nello stesso casinò, gestendo lo stesso business; conosco bene i miei numeri. Perciò, a settembre già sapevo che avremmo coperto il garantito. Facile!"

"Mi aspetto facilmente un migliaio di giocatori."

A differenza di altri festival, dove i satelliti di solito si disputano su un solo sito o network, la Montealegre non si è legata a un solo sponsor, accompagnandosi a diversi partner come RedBet, VideoSlots e Intertops.

"The Hendon Mob è un altro fantastico partner", ha spiegato Ivonne. "Stiamo lavorando anche con Let's Go Poker, un gruppo di Facebook, e in generale è un marketing ancora agli albori. Ma nel 2019 mi aspetto molti altri operatori online".

Il Main Event è solo uno dei tanti tornei in programma. La Montealegre ha sottolineato a PokerNews che ciascun side event ha il proprio significato. Tra i side, ricordiamo il €100 Ladies Event del 3 novembre, il €1,320 NLH Grandmaster High-Roller il 3-4 novembre, il €250 Hendon Mob Championship No-Limit Hold'em il 4-5 novembre e l'€275 Israeli Poker Championship Tour il 5 novembre.

"Ogni nostro evento ha il suo fascino", ha detto la Montealegre. "Non ci sono tornei second chance. Ogni evento è importante di suo".

L'Etica Prima di Tutto

Il motivo principale che ha spinto Ivonne a lasciare il suo precedente incarico a Malta per qualcosa di nuovo è quello di creare un festival che sia "indipendente ed etico". La Montealegre ha inoltre sottolineato che il Malta Poker Festival ruota tutto attorno ai giocatori, e che i giocatori possono in ogni momento parlare con lei.

"Non essere legati a uno sponsor è bellissimo e ci garantisce un ottimo sistema etico."

"Volevo ricalibrare le cose", ha dichiarato spiegando come è nato il Malta Poker Festival. "Per esempio, il Malta Poker Festival è assolutamente indipendente. Non ci sono affiliati che lo posseggono, cosa che in passato rappresentava un grosso conflitto d'interessi. Avrebbero cominciato a chiedere CPA agli operatori, cosa eticamente compromettente in molti modi per gli operatori sponsor.

"Perciò, per il Malta Poker Festival penso di aver corretto queste cose: è una pura operazione 'fisica' che raccoglie gli operatori online", ha continuato la Montealegre. "Voglio che il Malta Poker Festival sia il torneo in cui tutti gli operatori vogliono esserci, non solo un network in particolare come fanno gli altri, piegandosi dunque alle richieste del network. Non ci sono compromessi etici, aprirsi a tutto il mondo poker è una situazione altamente etica, soprattutto per i giocatori. Non essere legati a uno sponsor è bellissimo e ci garantisce un ottimo sistema etico".

Dalla Psicologia Agli Eventi di Poker

Il percorso che ha fatto Ivonne Montealegre per diventare un'organizzatore di eventi di poker è unico: è lei stessa a condividere la sua storia con PokerNews.

"In realtà sono una psicologa con tanto di master", ha spiegato Ivonne. "Se alle superiori mi avessero chiesto che cosa avrei voluto fare ad grande, non avrei mai risposto quel che sto facendo ora. Non lo avrei mai immaginato, la vita è piena di sorprese".

Anche se la Montealegre è una grande ascoltatrice, il lavoro non era come lo desiderava lei, da qui la necessità di esplorare qualcosa di nuovo.

"Ero una psicologa e il lavoro era troppo pesante, troppo personale. Volevo un altro stile di vita", ha raccontato la Montealegre. "Mia mamma mi trovò un lavoro nel più grande bookmaker al mondo a inizio anni 2000 e da lì ho iniziato a creare eventi".

"Penso che occorra credere nelle proprie idee ed essere testardi - come me."

Ad un certo punto, la Montealegre è entrata nel mondo del poker, ma con un tempismo tutt'altro che perfetto.

"Passai a Paradise Poker e poi arrivò il Black Friday", ha ricordato. "Avevo appena trovato il lavoro dei miei sogni come direttore marketing per loro, quando ecco il Black Friday. Perciò dovemmo rifare tutto da capo".

I piani cambiarono velocemente per Ivonne, tanto che dalla Costa Rica si trasferì a Stoccolma per qualcosa di nuovo.

"Dopo il Black Friday, conobbi un uomo che lavorava nel poker per Ongame. Mi diceva sempre 'Mi serve una come te, ma non me la posso permettere'. Poi un giorno mi disse, 'ora posso permettermi una come te'. Perciò mi trasferii a Stoccolma per un po', ma la città fu dura con me. Il tempo è super ventoso, era una città costosa, e non avevo la mia famiglia vicino".

Da lì, la decisione di spostarsi ad un clima più calmo come quello di Malta e dei Caraibi.

"Gli dissi che Stoccolma era una città dura per viverci tutta sola, perciò riuscimmo a spostarci a Malta", ha raccontato Ivonne. "Perciò adesso stiamo parlando di circa 15 anni della mia vita, e lasciai Malta per creare un grosso torneo ai Caraibi, il Punta Cana Poker Classic."

Dopodiché, la Montealegre fu coinvolta in vari progetti in giro per il mondo, prima di tornare a Malta dove oggi vive.

"Ho fatto piccoli progetti a Las Vegas, in Costa Rica e così via", ha spiegato. "E Malta è stata fantastica. Venni a visitare di nuovo l'isola e pensai che potevo fare ciò che facevo anche a Malta. Alla fine il progetto più grosso l'ho creato qui. Tutti pensavano fossi matta. Persino i trofei che avevo disegnato, tutti ridevano perché li trovavano insoliti. Ora tutti li amano. Penso che occorra credere nelle proprie idee ed essere testardi - come me."-

Il Rinnovato Malta Poker Festival (Dall'1 al 6 Novembre): I Giocatori al Centro 101
Il Portomaso Casino di Malta.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli