Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

PokerStars LAPT Grand Final, Day 2: Domina Nitsche

PokerStars LAPT Grand Final, Day 2: Domina Nitsche 0001

62 giocatori si sono ripresentati ieri al Casino Central per il Day 2 del PokerStars Latin American Poker Tour Mar del Plata Main Event. Robin Chesne iniziava la giornata con il titolo di chipleader ma quando è calato il sipario a tarda serata in gara restavano soli nove giocatori tra i quali Dominik "DOMinator" Nitsche che aveva rilevato la testa della classifica con un enorme vantaggio sul resto del tavolo finale. Da elogiare la prestazione del professionista del Team PokerStars Leo Fernandez che pur essendo partito estremamente short si è fatto strada fino al tavolo finale.

Maria Stern è stata una delle prime eliminate di giornata quando Jose Nadal ha chiamato, con una coppia di sei, il suo all-in con {a-Diamonds}{q-Diamonds}. Nadal ha quindi realizzato il set al flop ponendo fine al torneo della Stern. Alex Brenes ha condiviso lo stesso destino poche ore più tardi. Trovatosi a giocare con uno stack sufficiente a mala pena per pagare le puntate forzate dopo aver perso un grosso piatto contro Juan Pablo Reverter, Brenes si è prodigato in sei all-in vinti. Ha dovuto però cedere a Dominik Nitsche che giocava con {8-Spades} {8-Clubs} quando Brenes aveva {a-Diamonds} {2-Spades}; nessun aiuto dal board e torneo finito anche per lui.

Dei 62 giocatori presenti ad inizio gara soli 27 avrebbero ricevuto un premio e non è servito molto per raggiungere la bolla. L'ultimo sfortunato giocatore a dover lasciare il torneo senza guadagno è stato Eduardo Oscar Camia eliminato quando il suo {k-Spades} {q-Spades} non ha retto contro il {9-Clubs} {4-Diamonds} di Daniel Alfredo Bizoza. Tutto il denaro era finito al centro del tavolo al {9-Diamonds} {5-Spades} {7-Spades} del flop ma Camia non è riuscito a trovare l'overcard o la carta a picche che lo avrebbero salvato. Appena eliminato Camia è iniziata la solita serie di rapide eliminazioni degli short-stacks che cercavano il raddoppio ormai non più preoccupati di andarsene senza un premio.

15 giocatori si sono ripresentati in sala dopo la cena ma due di loro hanno ricevuto un dessert piuttosto amaro. Eduardo Santi è andato all-in preflop venendo chiamato da Damian Salas che si era così trovato ugualmente all-in e Sergio Farias ha chiamato mettendo a repentaglio la permanenza in gara di entrambi. Farias con {a-Clubs} {j-Hearts} era in vantaggio sull'{a-Diamonds} {8-Clubs} di Santi ed era in coin-flip contro la coppia di sei con la quale giocava Salas. Il flop ha però dato {8-Diamonds} {j-Clubs} {2-Clubs} regalando a Farias un vantaggio considerevole. La mano è stata decisa al {j-Diamonds} del turn. Salas e Santi sono stati eliminati al 15° e 14° posto rispettivamente per $21'160 a testa.

Quando alla fine è stato eliminato il giocatore al decimo posto, i restanti nove hanno potuto impacchettare le proprie chips con la consapevolezza di poter tornare oggi a contendersi il titolo. Dominik Nitsche sarà il chipleader al tavolo finale ma dovrà vedersela con un abilissimo Leo Fernandez, giocatore del Team PokerStars che ha esibito un gioco di alto livello in questa seconda giornata. Questi i chip counts del tavolo finale:

Dominik Nitsche - 817,000

Sergio Farias - 474,000

Jason Skeans - 338,000

Jorge Landazuri - 329,000

Leo Fernandez - 329,000

Jose Barbero - 181,000

Rodolfo Awad - 170,000

Derek Lerner - 155,000

Alfons Fenijn - 65,000

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli