Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

World Series of Poker Europe Main Event Day 5: Barry Shulman Batte Daniel Negreanu in uno Scontro Epico

Barry Shulman, Daniel Negreanu

Nove giocatori si sono presentati a mezzogiorno all’Empire Casino per la conclusione del World Series of Poker Europe Main Event, ma solo uno sarebbe andato via con il titolo di campione WSOPE Main Event. Diciassette ore dopo l’inizio, è finita in un modo che rimarrà nella storia del poker con Barry Shulman che ha sconfitto Daniel Negreanu vincendo il suo secondo braccialetto d’oro World Series of Poker.

Il giorno è iniziato in sordina, nei primi livelli è sembrato che i giocatori volessero risparmiarsi in attesa delle prime eliminazioni. Il chip leader di inizio day, Team PokerStars Pro Jason Mercier, ha cercato di amministrare il suo stack con efficienza, passando da 3.1 a 3.7 milioni.

Tuttavia, la fase di studio non poteva durare per sempre, e quando il primo sangue è stato versato, il beniamino locale, November Niner James Akenhead, è stato eliminato al 9° posto da Daniel Negreanu. I due sono andati all-in preflop con Akenhead in mano {a-Spades}{q-Hearts} bisognoso di aiuto contro {k-Hearts}{k-Spades} di Negreanu. I re hanno retto e Akenhead è uscito per £66,533.

L’eliminazione di Akenhead ha scatenato una sorta di frenesia, e per oltre un’ora la folla presente all’Empire Casino ha potuto godere di azione non-stop. Matt Hawrilenko è uscito all’8° posto dopo essere andato all-in con {j-Diamonds}{7-Hearts} contro Barry Shulman con {a-Diamonds}{q-Clubs} ad un board del tutto ininfluente. Hawrilenko si è consolato con £87,074 per il suo ottavo posto.

Nella mano successiva, il secondo e ultimo November Niner rimasto in gioco, Antoine Saout, ha mandato i resti con coppia di cinque. Daniel Negreanu ha chiamato con {a-Spades}{q-Spades} e sebbene non abbia trovato né un asso né una regina al flop, una quinta carta di picche è scesa al river dandogli il colore nut, rafforzando il suo stack mentre il francese veniva eliminato al settimo posto, portando a casa £114,228.

Dopo una pausa durata il tempo di due mani, Chris Bjorin è stato il successivo a lasciarci al sesto posto ricevendo £150,267 per i suoi sforzi. Ancora una volta è stato Daniel Negreanu il giustiziere, dominando {a-Spades}{j-Hearts} di Bjorin con {a-Diamonds}{q-Clubs}. Il flop ha dato a Bjorin un progetto di scala, tuttavia il turn e river non lo hanno aiutato e Negreanu è diventato il chip leader con circa 3.1 milioni.

Con il comando in mano, Negreanu ha cominciato a mettere pressione ai suoi avversari, ed è stato Markus Ristola a rimetterci. Aprendo di 100,000 da under the gun, Negreanu ha fatto una sorprendente chiamata con {a-Clubs}{5-Clubs} dopo che Ristola era andato all-in con {k-Diamonds}{10-Diamonds} dal grande buio. Quando il turn ha servito {k-Spades} Negreanu aveva bisogno di un asso. Gli dei del poker lo hanno accontentato, mettendo {a-Hearts} sul tavolo verde, e Ristola è uscito al quinto posto guadagnando £200,367.

I quattro finalisti sono andati in pausa cena con Praz Bansi al comando con 2.9 milioni, seguito da vicino da Negreanu con 2.8 milioni, Mercier con 2.3 milioni e Shulman in fondo con 1.9.

Jason Mercier, subito dopo i novanta minuti di pausa, è andato in testa per poi perdere tutto dopo un piatto di 3 milioni giocato con Daniel Negreanu. I giocatori si sono trovati all-in preflop, e quando le carte sono state girate Mercier sapeva di aver bisogno di aiuto con la sua coppia di sette contro quella di nove di Negreanu. Nessun sette si è materializzato per il giovane PokerStars Pro, e Mercier è stato eliminato al 4° posto portando a casa £267,267.

Di solito il favorito della folla, i sostenitori all’Empire hanno tifato contro Negreanu quando Praz Bansi, rimasto corto dopo una scontro con Barry Shulman, è andato all-in contro il canadese. I fan hanno sperato di vedere uscire un due dopo che Bansi ha mostrato {q-Hearts}{2-Hearts} dominato da Negreanu con {a-Spades}{q-Diamonds}. Il tifo non ha portato fortuna a Bansi che è uscito al 3° posto per £360,887.

Avendo fatto fuori sei dei sette eliminati, Negreanu aveva la carica, l’esperienza e un vantaggio di 6,180,000 contro 3,855,000 all’inizio del gioco heads-up. L’insieme di questi fattori, lo rendevano il chiaro favorito e infatti sembrava avrebbe potuto chiudere i conti quando i due giocatori hanno visto {6-Hearts}{8-Hearts}{k-Diamonds} scendere al flop. Shulman ha puntato e Negreanu ha annunciate un all-in. Shulman ha chiamato girando {a-Hearts}{5-Hearts} per progetto di colore nut mentre Negreanu era al comando con due assi neri. Il turn, {2-Hearts} ha rovinato i piani di Negreanu e Shulman è andato in testa.

A questo punto Negreanu non si è dato più pace. Molte volte il suo stack si è ritrovato in zona pericolosa con la folla che presagiva la fine del match. Ma tutte le sue mani significative si sono concluse in modo favorevole, evitando di soccombere sotto gli attacchi di Shulman.

Dopo una pausa di dieci minuti verso le 4 a.m., Daniel Negreanu ha vissuto la sua rinascita. "Kid Poker" ha vinto piccolo piatti uno dopo l’altro, riducendo la distanza dall’avversario in un modo che nessuno avrebbe creduto possibile. Negreanu che era stato la preda nelle due ore precedenti, è ora diventato il cacciatore. E così, senza troppa enfasi e piatti all-in, è riuscito a riconquistare il comando. Un piccolo comando all’inizio che nel corso di tre o quattro mani è diventato di oltre 3 milioni su Shulman.

Alle 5 a.m. in punto la mano che di sicuro sarà ritrasmessa in televisione per anni ha avuto luogo. Azione preflop non chiara, ma il flop ha dato {5-Diamonds}{8-Diamonds}{j-Clubs} e Shulman ha puntato 300,000. Negreanu ha rilanciato a 900,000 e l’avversario è andato all-in, alzandosi in attesa della risposta di Negreanu.

Il canadese si è alzato pure e nel suo tipico stile ha iniziato a parlare con se stesso dicendo "Allora vuoi andare a casa, giusto?" La risposta era difficile da dare, ma poi ha continuato "ah, dovrei dare retta al pubblico. Chiamo," prima di mostrare {q-Clubs}{j-Diamonds}. Shulman trionfante ha girato {a-Spades}{a-Hearts} al comando, favorito per il raddoppio.

Con la folla che chiamava una regina, l’intera sala è letteralmente impazzita alla vista del {j-Hearts}, Negreanu era a solo una carta dal vincere l’evento più grande della sua carriera.

Gli amici tra il pubblico erano pronti a festeggiare prima che il direttore del torneo Jack Effel desse il via al mazziere per girare la carta al river. Le parole non possono descrivere l’energia nella sala quando l’{a-Diamonds} è sceso, catapultando Barry Shulman al comando, e ancora una volta il valoroso Negreanu, che aveva lottato per ore, sotto con 2 milioni in chips.

Sebbene in precedenza avesse recuperato un simile distacco, questa volta Negreanu, che si è battuto come un guerriero tutta la notte non è riuscito a ripetere l’impresa. Dopo alcune mani, infatti, ha mandato i resti con coppia di quattro, contro la coppia di dieci di Shulman. Il {10-Diamonds} al flop è stato il colpo di grazia, che ha segnato il destino del torneo.

Daniel Negreanu, ha poi raccontato di aver imparato da sua madre, che è in convalescenza dopo un infarto avuto di recente, a non mollare mai. Poi si è congratulato con il nuovo campione Poker Europe Main Event, Barry Shulman.

Shulman, con un sorriso sulla bocca e sua moglie accanto ha ricevuto il braccialetto WSOP dal commissario Jeffrey Pollack che ha fatto i propri complimenti al vincitore e ha ricordato l’anno speciale per la famiglia Shulman, con il figlio Jeff che si batterà a novembre per il titolo del WSOP Main Event. Ma se solo il tempo ci potrà dire cosa accadrà a novembre, quello che è successo all’ Empire Casino sarà sicuramente ricordato come uno dei tavoli finali epici della storia delle World Series of Poker.

PokerNews la fonte numero uno per notizie di poker, recensioni, bonus e copertura tornei live. Seguiteci su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli