Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

Giocando l’Event 3 WSOP, $1,000 NLH, con Vanessa Rousso

Vanessa Rousso

Per i giocatori professionisti di tornei, gli eventi dal basso buy-in con grossi field possono essere dei campi minati in cui muoversi, ma per riuscire a vincere, occorre aggiustare il proprio gioco. Vanessa Rousso ha parlato con PokerNews di una mano in cui ha impiegato una diversa strategia mentre giocava al Day 1A di Event 3 alle World Series of Poker 2010, un torneo $1,000 buy-in no-limit hold’em che ha attratto 4,345 giocatori.

Quali erano i bui quando la mano è iniziata e qual è la tua strategia generale preflop in questi eventi?

I bui erano 75-150. A questo punto del torneo quando non ci sono ante, il mio range preflop è piuttosto loose finché ho uno stack medio e sono in posizione, specialmente con buy-in bassi come questo. La ragione è che avendo un vantaggio rispetto a molti dei presenti, voglio giocare molte mani. Quindi, sono più propensa a chiamare un rilancio rispetto al solito. Aggiusto il mio gioco per il fatto che a) i bui sono ancora relativamente bassi, quindi non mi costa molto, e b) ho uno stack medio in un field molto debole.

Allora in questa mano, un giocatore molto chiuso, facilmente leggibile, ha rilanciato da middle position. Un altro ha chiamato alla mia destra e l’azione è passata a me da bottone con asso-quattro di cuori. Ho chiamato così come il big blind. Siamo andati in quattro al flop, che è sceso dieci-alta, tutti cuori, e così ho floppato il nuts. Il big blind ha puntato e il giocatore chiuso che aveva rilanciato preflop, ha continuato a rilanciare per una grossa cifra. A questo punto, il rilancio era di circa il sette percento il suo stack. Ho fatto i calcoli e ho realizzato che se avesse fatto un'altra puntata pot-sized al turn, probabilmente avrei potuto vincergli l’intero stack.

Quale mano gli facevi a questo punto?

Ho pensato che per aver fatto una così grossa puntata, avrebbe dovuto avere un set o una overpair. Ovviamente è impossibile che avesse gli assi visto l’asso di cuori che avevo io. Comunque ho pensato che avesse una mano migliore di una overpair dopo quella sua puntata. Il giocatore alla mia destra è passato e io ho semplicemente chiamato il suo rilancio. Volevo essere sicura che non apparisse una coppia sul board al turn.

Questa è una cosa che faccio per ridurre la varianza. Molte volte, faccio la mia mossa al turn, piuttosto che al flop con mani forti in grossi field come questi perché per riuscire a sopravvivere, devi avere la meglio in molte situazioni in cui sei favorito al 70 percento. La questione è che, anche se sei favorito al 70 percento, tre volte su dieci perderai. Anche con percentuali 60-40 o 70-30 puoi dimezzare la varianza puntando al turn. Ecco perché non ho rilanciato al flop. Ho deciso di ridurre la mia varianza.

Cosa ci dici del concetto di “proteggere la mano”? È un termine troppo usato, e puoi spiegarci perché non si applica in questo caso?

Questa è la chiave, la mia analisi è stata che l’avversario avrebbe mancato o stava aspettando una coppia al board. Basandomi sulla sua puntata, non pensavo che avrebbe foldato. Volevo vedere il turn prima e rivalutare dopo la sua mossa. In un field duro, forse è meglio prendere più rischi e provare a proteggere la mano, ma contro un field debole come quello da $1,000 buy-in, penso sia più importante ridurre la varianza e tenere i piatti piccoli. Non provo a giocare grossi piatti a meno che non si tratta di una situazione in cui ho davvero poche possibilità di perdere. Inoltre, avevo troppe chip per controrilanciare in quel momento. Se lui controrilancia e io spingo, giocheremo un grosso all-in in cui lui ha il 40 percento di possibilità di prendere una coppia al board e di un poker. Invece di accontentarmi di essere favorita al 60 percento, preferisco aspettare il turn ed essere favorita all’80 percento. Questa è la mia filosofia.

Allora cos’è successo al turn?
Il turn è sceso completamente bianco. Questo è un altro punto in cui penso si possa imparare. Era abbastanza ovvio che, basato sulla mia chiamata della puntata e del rilancio, avevo floppato un colore o avevo un progetto di colore nut. Per cui queste erano le uniche due mani possibili che realisticamente potevo avere. Lui ha puntato al turn e io ho rilanciato all-in. Lui ha chiamato all’istante. Ora, avrebbe potuto passare dopo il mio rilancio e rimanere con uno stack accettabile, o avrebbe potuto fare check al turn invece di puntare e rimanere committed. Se avesse fatto check, avrebbe potuto poi chiamare la mia puntata, vedere il river e considerare la situazione. Giocando la mano nel modo in cui ha fatto, mi ha spinta ad andare all-in. Una volta che ho rilanciato all-in, non ci sono possibilità che stia bluffando. Non avrei fatto quella mossa con solo un asso di cuori, quindi al turn, era piuttosto ovvio che avevo il colore.

Ora, lui aveva un tris di dieci, che è una mano difficile da lasciare perché ha ancora un 20 percento di migliorare al turn, ma avrebbe potuto impiegare un strategia meni rischiosa facendo check al turn. Non penso che avrebbe dovuto necessariamente passare. Voglio dire, è andata benissimo per me [ride]. In conclusione questa è la lezione. Anche quando si ha un set con un board come questo, e ci sono diversi giocatori preflop, dovete avere il sospetto che la vostra mano non sia buona. C’è un 75 percento di possibilità che qualcuno abbia un colore e un 25 percento per un progetto. A quel punto, perché non fare check? Se un cuori esce al river, e permettete all’asso di cuori di arrivare fin lì, è solo una minoranza di volte che succederà, ma salvate voi stessi il 75 percento delle volte.

Se sul board fosse scesa una coppi al turn, e lui avesse fatto una puntata pot-sized, avresti foldato, giusto?

Si. Avrei saputo che la mia mano non era buona. A volte si ha una buona lettura dell’avversario. Quando ha rilanciato al flop, mi sono convinta che avesse una overpair senza cuori o un set, e se avesse fatto una puntata pot-sized al turn , sarei passata.

Rousso ha chiuso il Day 1A di Event 3 con uno stack di poco sopra la media. Al momento è in gioco al Day 2. Prima dell’inizio della giornata, Rousso si è concessa al nostro team video.

Name Surname
Kristy Arnett

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli