Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

Inside Gaming: Bancarotta per Riviera, Perdite a Maggio per Las Vegas e Fuochi d’Artificio per Station Casinos

Inside Gaming

Dopo diversi anni di declino il Riviera ha presentato istanza di fallimento lunedì scorso. L’annuncio è arrivato qualche giorno dopo la comunicazione da parte del Nevada Gaming Control Board dei numeri in ribasso del mese di maggio per i casinò sulla Las Vegas strip. E sebbene molti turisti si sono presentati per celebrare il 4 luglio ed assistere ai fuochi d’artificio dello Station Casino, i colori luminosi e il frastuono sono stati solo un modo per distrarsi dal mondo reale – un nuovo piano è stato presentato per evitare il fallimento dello Station.

Riviera in bancarotta

Riviera Holdings Corp. ha presentato istanza di fallimento lunedì scorso. Due delle sue sussidiarie, Riviera Operating Corp. e Riviera Black Hawk Inc., hanno fatto altrettanto. Le sussidiarie posseggono gli storici Riviera Hotel and Casino sulla Las Vegas Strip e il Riviera Black Hawk in Colorado. La decisione di Riviera di ristrutturare è appoggiata dai creditori di oltre i due-terzi del debito del casinò. I due hotel-casino di Las Vegas e Colorado dovrebbero continuare le normali attività durante il processo di bancarotta.

Riviera Holdings ha riportato $247.7 milioni di debiti e $27.9 milioni in passivi aggiuntivi. La causa di questa situazione è imputata da Riviera alla recessione economica che ha reso gli assets della società di valore inferiore a quello del suo passivo. "I debitori si sono trovati davanti alla diminuzione delle entrate di hotel e casinò dovute alla minore capacità di spesa dei clienti, un mercato del credito ridotto e la generale debolezza dell’economia," hanno scritto i legali del Riviera.

Riviera Holdings ha perso $4.5 milioni nel primo trimestre del 2010, una diminuzione del 36 percento del valore delle azioni. Durante lo stesso periodo nel 2009, la società aveva perso l’8 percento. La proprietà di Las Vegas, che ha lottato per rimanere al livello dei suoi competitori sulla strip, ha visto la diminuzione delle entrate per le camere al 18.4 percento. Sebbene le prenotazioni siano aumentate leggermente, il tasso medio è sceso del 20 percento.

La casa vince sempre, eccetto a Las Vegas a maggio

I casinò sulla Las Vegas strip hanno riportato la settimana scorsa una diminuzione del 6.4 percento delle entrate relative al gioco nel mese di maggio, la diminuzione mensile maggiore dallo scorso agosto. Il declino è stato attribuito all’inusuale fortuna dei giocatori high-stakes di baccarat e agli scommettitori sportivi. Le entrate del gioco nel Nevada sono scese complessivamente del 4.7 percento per un terzo mese consecutivo di calo.

Il baccarat è tradizionalmente fonte di guadagni per i casinò di Las Vegas, ma la casa ha vinto meno del solito a maggio. "I giocatori sono stati più fortunati dei casinò," ha detto Frank Streshley, membro del Nevada Gaming Control Board. Si è giocato il 7.1 percento in più a baccarat nel mese di maggio 2010 comparato con lo stesso periodo dell’anno precedente, ma le entrate dei casinò sono scese del 37.1 percento, per quasi $36 milioni in meno nelle casse dei casinò sulla strip. Le entrate complessive sono state di $450.2 milioni a maggio, un calo di quasi il 6.4 percento rispetto ai $480.8 milioni del maggio precedente. Se non si considerano i risultati del baccarat, i casinò sulla strip avrebbero fatto registrare un guadagno dell’1.2 percento invece che un declino. Anche i bookmaker sportivi hanno segnato un 42.2 percento in meno di entrate.

Ma non solo cattive notizie per Las Vegas. I casinò della downtown, non frequentati da molti giocatori high-stakes di baccarat, hanno riportato solo lo 0.7 percento di calo delle entrate, il calo minore da giugno 2008. Gli analisti suggeriscono che tale stabilizzazione sia dovuta all’espansione del Golden Nugget e di altre nuove ristrutturazioni.

Station Casinos celebra con i fuochi d’artificio mentre fa i conti con i creditori
Station Casinos, Inc. ha festeggiato il 4 luglio con il botto, offrendo nove minuti di coordinati fuochi d’artificio tra cinque delle sue proprietà di Las Vegas. La società ha continuato la sua annuale tradizione nonostante l’istanza di fallimento presentata un anno fa e i quasi $6 miliardi di debiti. Station Casinos è alle prese con un controverso piano di riorganizzazione e ha dichiarato di voler continuare a servire nel migliore dei modi i suoi clienti durante il periodo di transizione.

"Spendiamo molto nel marketing ogni mese per offrire eventi che attraggano persone nelle nostre strutture," ha detto Kevin Kelley, Chief Operating Officer dello Station Casinos. "Solo perché abbiamo problemi con la struttura del capitale consociato non vuol dire che dobbiamo fermare le nostre attività…Per noi, è una buona decisione per gli affari." Kelley ha iniziato ad offrire i fuochi d’artificio nel 1997 quando era manager del Texas Station Casino.

Intanto, i creditori di Station Casinos hanno riproposto le loro richieste. Un gruppo di obbligazionisti che detiene $2.5 miliardi di debito non garantito poco verosimilmente verrà pagato con questo piano di riorganizzazione e si sono a lungo opposti. Al momento, il piano permetterà agli attuali proprietari dello Station Casinos di conservare il controllo di cinque proprietà e offrirne altre 11 in un asta di agosto. Station Casinos è diventato privato nel 2007, una mossa che secondo gli obbligazionisti ha causato i problemi finanziari. Station Casinos, tuttavia, afferma che la svalutazione è stata causata dalla recessione, non dall’acquisto. Al tempo della concessione il suo valore era di $8.8 miliardi. Durante il processo per la bancarotta è stato stimato a $2.572.

Gli obbligazionisti affermano che all’interno della società hanno ricevuto centinaia di milioni in profitti dalla privatizzazione grazie ad informazioni di insider trading. La causa intentata recita, "Vari interni alla società conoscevano la situazione ed hanno agito esclusivamente nel loro interesse personale ignorando tutti i segnali di allarme."

Il giudice fallimentare, Gregg Zive, non ha accolto la richiesta degli obbligazionisti di procedere con la causa legale presentata, ma qualche mese dopo, ha rigettato una richiesta per una simile causa contro Herbst Gaming. Nella speranza di far cambiare idea a Zive, il nuovo piano degli istituti di credito ha puntato l’attenzione su diversi casi in cui i creditori sono riusciti a recuperare alcune delle loro perdite prima del fallimento.

Gioca nei Campionati PokerNews su Sisal Poker per oltre €3800 in premi extra. Gioca la serie C, qualificati gratis per tutti i tornei della Serie B o della Serie A e ricevi 5 Euro Subito + 100% fino a 400€ di bonus usando il codice POKERNEWS-405! Scopri le passwords dei tornei nel nostro gruppo Facebook.

Name Surname
Elissa Harwood

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli