Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

EPT Londra 2011 Day 1a: Kanit e Vintagliano tra i Migliori

Doyle Brunson

Il Day 1a dello European Poker Tour Londra Main Event 2011 di PokerStars.com si è concluso ieri sera. 280 giocatori si sono iscritti alla prima delle due giornate di apertura e a fine serata ne restavano in gara 162.

Una volta effettuati i conteggi ufficiali, è emerso il nome di Lukasz Golzyt che si ritrova ad essere chipleader con 211,600 chips. Tra gli altri grossi stack in gara ci sono giocatori noti quali Mustapha Kanit con 152,200, [Removed:40] con 143,600, Raul Paez con 136,500, Lev Marymsky con 133,800 e Sandor Demjan con 121,100.

Sfortunatamente per loro, alcuni grossi calibri del poker internazionale non sono riusciti a superare la giornata. Da segnalare le eliminazioni del Team PokerStars Pro John Duthie, di Guillaume Darcourt e Dave "Devil Fish" Ulliott tutti fuori già nella prima parte di giornata. Più tardi nel corso della gara sono usciti anche il November Niner delle WSOP 2011 Phil Collins e Xuan Liu.

Tra gli altri giocatori noti che potranno continuare a sperare nel successo nel corso del Day 2 ci sono Barry Greenstein con 73,500 chips ed il grande Doyle Brunson, che ha imbustato uno stack da 45,200 in quello che è il suo primo EPT. Jake Cody, Sebastian Ruthenberg, Nick Binger, Darren Elias, Arnaud Mattern, Mickey Petersen e Fatima Moreira De Melo completano la lista delle celebrità ancora in gara.

Sia Greenstein sia Brunson hanno beneficiato di grossi piatti vinti con set di assi in mano: Greenstein ha fatto fruttare i suoi assi contro una doppia coppia di queens e jacks mentre Brunson ha vinto con il suo set di razzi direttamente con una sola puntata al flop. La presenza di Brunson all’EPT ha sollevato grande interesse tra i tifosi che si sono accalcati attorno al suo tavolo per vedere all’opera il più celebre giocatore di poker del mondo in questo suo debutto europeo.

Per tutti gli aggiornamenti in tempo reale seguici su Twitter.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli