Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Poker Per Principianti: Come Sistemare le Chip al Tavolo

Sistemare le Chip

Avendo lavorato per anni come reporter nei tornei, ho passato molto tempo guardando gli stack dei giocatori, abbastanza per sviluppare una serie di idee e opinioni sul significato (o la sua mancanza) da attribuire al modo in cui un giocatore decide di sistemare le sue chip.

Ci sono vari gradi di ordine. Alcuni giocatori sono molto meticolosi quando sistemano gli stack in torri uniformi. Altri, invece, tendono ad essere meno ordinati o persino ad aver "stack sporchi", con chip di diverse denominazioni mescolate insieme in una singola colonna.

Stuzzica l'idea di effettuare una sorta di "profilo" semplicemente dal modo in cui un giocatore sistema le sue chip, che come altre supposizioni basate ad esempio sull'abbigliamento, l'apparenza, il sesso o l'età di un giocatore, possono indicare qualcosa di significativo sullo stile di gioco di una persona. Oppure no.

Potremmo essere tentati di attribuire a un giocatore che sistema sempre le chip in modo che tutti gli stack siano allineati come "tight", un tipo di giocatore che non compie mai una mossa senza aver calcolato il rapporto rischio-ricompensa al quarto decimale. Viceversa, il tizio che mescola le chip e che le ammucchia in maniera disordinata ci dà l'idea di essere un giocatore più "loose" nei suoi call e nei suoi rilanci.

I nuovi giocatori, i principianti, potrebbero farsi distrarre da queste speculazioni. Ma più spesso che no, quando si parla di stack e di disposizione delle chip, i principianti si concentrano più su quanto stanno facendo con le loro stesse chip, invece di preoccuparsi del modo in cui gli altri le sistemano.

Come Sistemare le Chip

Il simbolismo degli stack può essere discutibile. Detto questo, il modo in cui i giocatori sistemano le stack non è privo di significato. E per i principianti, probabilmente vale la pena far notare alcuni standard.

C'è un'intera generazione di giocatori che ha avuto le prime esperienze giocando a poker online, e che quindi, quando finalmente si siede al tavolo da poker in una sala reale, si ritrova a non aver mai maneggiato delle vere chip. Magari questi player sanno tutto sulla hand selection, sull'importanza della posizione, sulle probabilità di un progetto di colore o di scala, ma probabilmente sarà la prima volta che devono maneggiare delle chip.

Potrebbe sembrare una cosa scontata da imparare, e in verità non ci vuole molto prima di prendere una certa dimestichezza. Ma i principianti farebbero bene a tenere a mente alcuni fattori.

La gran parte dei giocatori sistema le chip in modo simile, solitamente con stack da 20 gettoni ciascuno. Alcuni preferiscono torri da 30 o 40 chip (o più), mentre altri prediligono stack da 10 o addirittura da 5. Ma 20 è la dimensione più convenzionale: né troppo alta, né troppo bassa e facile da contare.

Quali Sono le Regole?

Gran parte dei tornei e delle partite cash hanno una regola che garantisce agli avversari il diritto di avere una visuale chiara di tutte le vostre chip, anche se in generale la regola permette ai giocatori una certa libertà quando si tratta di sistemare gli stack.

Per esempio, le ultime regole della Poker Tournament Directors Association, attualmente utilizzate in molti tornei, prevedono che "i giocatori abbiano il diritto di effettuare una stima ragionevole delle chip degli avversari; tali chip dovrebbero essere tenute in stack facilmente contabili". La regola prosegue: "La TDA raccomanda stack formati da multipli di 20". E ancora: "I giocatori devono rendere visibili, e identificabili in ogni momento, le chip di valore più alto".

Queste sono linee guida spesso seguite in molti tornei. Sono seguite anche nelle partite cash, per questo motivo è bene che i principianti le conoscano.

  • Gli stack non devono essere formati da 20 chip, ma organizzare i gettoni in torri da 20 (o multipli) è "raccomandato" dalla TDA (e da altri).
  • Per quanto siano alti i vostri stack, dovrebbero essere uniformi e gli avversari dovrebbero poterli contare facilmente solo guardandoli.
  • Le chip di valore più alto dovrebbero essere sempre visibili e non nascoste sotto quelle di minor valore, o in altri modi, così che gli avversari possano effettuare "stime ragionevoli" quando comincia una mano o in generale in qualsiasi momento di gioco.

Stack
Quante chip possiede questo giocatore?

In qualità di reporter dei tornei, è sempre comodo per me quando i giocatori seguono queste linee guida, dato che contare le chip diventa molto più facile. Date un'occhiata all'immagine a destra. Le chip gialle valgono 5.000 l'una e le grigie 1.000. Quante chip ha quel giocatore? Quanto ci avete messo per contarle? (sotto la risposta).

Alcuni dei miei colleghi ogni tanto si lamentano coi giocatori che non ordinano bene le chip o le ordinano con multipli diversi da 20. Ovviamente, gli obblighi e la correttezza di un giocatore nei confronti di un altro sono infinitamente più importanti rispetto agli obblighi verso un reporter. È fondamentale che tutti possano giocare conoscendo le dimensioni degli stack, perché tale informazione influenza la strategia sviluppata quando si decide se chiamare, foldar, rilanciare, andare all-in o meno.

Conclusione

Molte volte i principianti non vogliono far notare di non avere esperienza quando si siedono in una partita live per la prima volta. Più facile a dirsi che a farsi, ma i giocatori inesperti non dovrebbero preoccuparsi molto di essere etichettati come principianti. Chiunque lo è stato, e se cercate di concentrarvi sul giocare bene le mani, senza preoccuparvi troppo di commettere "errori da principiante", vi divertirete molto di più mentre farete esperienza.

Sappiate, però, che se ordinate le chip in stack da 20 e fate in modo che le chip di valore più alto siano sempre in alto e ben visibili, non attirerete attenzione su di voi come farebbe chi non ha familiarità sul modo di gestire gli stack.

La vostra mano potrebbe tremare un po', la prima volta che prendete le chip per rilanciare con la coppia d'assi, e un paio di gettoni potrebbero cadere, ma col tempo imparerete a gestire la cosa al meglio. E con l'esperienza, guadagnerete anche più chip, e quindi più possibilità di ordinarle per bene.

(Con questi stack da 20 è facile capire immediatamente come quel giocatore della foto abbia 680.000 chip. Domanda bonus: quante chip ci sono nella foto in alto? Gialle = 1.000, rosse = 5.000 e blu = 10.000).

Per rimanere sempre aggiornato su tutto quello che accade nel mondo del poker, segui PokerNews Italia su Twitter e diventa fan su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli