Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

PokerStars EPT Kyiv Day 3: I 32 Finali

Jonas Kronwitter

Il Day 3 del PokerStars.net EPT Kyiv è stato un giorno breve, visto che dai 68 giocatori si doveva arrivare ai 32 finali. Max Lykov ha iniziato al comando ed ha finito la sera nella stessa posizione dopo soli quattro livelli di gioco.

Il programma originario prevedeva di giocare fino a raggiungere i tre tavoli finali (24 giocatori), ma lo staff ha poi optato per rendere il giorno più corto visto che l’azione era decisamente diminuita. I giocatori sono partiti dai propri blocchi di partenza decisamente di scatto, le eliminazioni sono arrivate una dopo l’altra. Dopo aver raddoppiato il proprio stack nella prima mano, Arnaud Mattern è stato una delle prime vittime, scontrandosi con la sua coppia di jack contro Sergey Antonenko con la sua coppia di regine. Questa è stata la fine del giorno per il gregario pro francese, seguito dopo pochi minuti dall’anche gioviale “Miami” John Cernuto. L’ultima donna ancora in corsa, Lika Gerasimova, è stata le successiva ad uscire, la sua coppia di sette non ha impensierito la coppia di otto del suo avversario in un altro showdown coppia-contro-coppia.

Nel tempo del primo livello da 75 minuti, ben 17 tra quelli che hanno iniziato il giorno sono stati eliminati nonostante un numero consistente di raddoppi da parte di giocatori corti nello stesso periodo.

I 51 giocatori rimasti sono ritornati dalla prima pausa per un livello di poker più calcolato e passivo. Raoul Refos è stato il successivo ad uscire, lasciando le speranze per un terzo titolo EPT di fila nelle mani di Ad Schaap ed il qualificato online Menno Mulder, che alla fine sono entrambi sopravvissuti. Poco dopo, la battaglia dei bui ha visto Francesco Cirianni con {a-Spades} {k-Spades} cedere a Vadim Markushevski con {a-Hearts} {q-Clubs}. Quando il board ha dato {j-Diamonds} {q-Spades} {6-Hearts} {5-Diamonds} {a-Clubs}, Cirianni ha potuto solo scuotere le spalle e augurare buona fortuna al tavolo, uscendo appena qualche posto prima della zona premi.

L’andatura ha continuato a rallentare con la bolla che si avvicinava, in vista dei premi ci sono stati diversi raddoppi di giocatori all-in. Il superstizioso Artem Litvinov è stato il più attivo in tal senso, i suoi {4-Spades} {4-Diamonds} hanno battuto {a-Hearts} {9-Spades} al board che ha dato {10-Hearts} {4-Hearts} {6-Diamonds} {q-Diamonds} {a-Diamonds}. Il collega russo Ilya Gorodetskiy si è guadagnato un simultaneo raddoppio con {a-Hearts} {a-Diamonds} che hanno avuto la meglio su Michele Limongi con {a-Clubs} {k-Spades}.

Ci sono stati altri numerosi tentativi di eliminare avversari prima che Ruslan Prydryk si è ritrovato all-in con {a-Hearts}{4-Diamonds} contro Gorodetskiy con {a-Clubs}{j-Diamonds}. Prydryk era convinto di poter dividere il piatto dopo aver visto al board uscire {k-Diamonds}{6-Diamonds}{6-Clubs}{a-Diamonds}{k-Hearts}, ma poi il mazziere ha confermato che il jack di Gorodetskiy valeva come punto migliore e Prydryk è stato eliminato al 42° posto lasciando il resto dei giocatori esattamente alla bolla.

Il gioco mano-per-mano è durato circa mezz’ora con la maggior parte dei giocatori che hanno rallentato notevolmente nel tentativo di andare a premi. Alla fine, si sono sentiti quasi all’unisono due “All in e call,”dai lati opposti della sala. La prima mano si è conclusa con il raddoppio dello short stack, poi una folla di giornalisti e spettatori si è accalcata al Tavolo 1 per seguire la seconda mano. Serguei Pomerantsev era all-in con {a-Hearts} {q-Hearts}, contro il grosso stack Jonas Kronwitter con {j-Spades} {j-Hearts}. Il flop ha dato un terzo jack e Pomerantsev non è riuscito a salvarsi, conquistando il poco gradito titolo di Uomo Bolla EPT.

Dopo che tutti si sono garantiti un premio, le restanti eliminazioni del Day 3 si sono succedute con relativa velocità. Jorg Preisert (Germania) è stato il primo eliminato a premio, il suo 40° posto gli ha fruttato €7,610. Vyacheslav Rotach (Russia) ha finito al 39° posto, seguito subito dopo dal connazionale David Aslanyan al 38° posto. L’ucraino Mihaylo Demidenko è stato il successivo ad uscire, i suoi {q-Hearts}{10-Hearts} non hanno avuto speranze contro Lucasz Plichta con {a-Spades}{a-Hearts} che ha visto addirittura altri due assi comparire al board. E’ dura battere un poker e il chip leader del Day 1A è stato eliminato al 37° posto. Volodyhyr Sendetskiy (Ucraina), Viktor Ivanov (Russia) e Luca Falaschi (Italia) sono usciti nei minuti successivi rispettivamente al 36°, 35° e 34° posto.

Con una sola eliminazione rimasta prima della conclusione del Day 3, ci ha pensato il russo Albert Sungatallin a mettere fine alla serata in anticipo, sebbene di sicuro non ne avesse nessuna intenzione. Al flop di {j-Diamonds}{k-Spades}{5-Clubs}, Sungatallin ha spinto nel mezzo il resto delle sue chips con {k-Hearts}{7-Hearts}, ma il formidabile olandese Ad Schaap lo ha seguito con {k-Diamonds}{q-Hearts}. Nessun aiuto per il giocatore a rischio che ha significato la sua eliminazione al 33° posto e la conclusione del Day 3.

Dopo i vari conteggi, ancora una volta Max Lykov è risultato il chip leader della serata, con uno stack di 636,000. Ma come già avvenuto in precedenza, ci sono diversi giocatori che lo seguono da vicino, tra cui Vadim Markushevski (631,500), Vitaly Tolokonnikov (613,500) e Jonas Kronwitter (550,000). Il gioco riprenderà oggi a mezzogiorno locale per raggiungere il tavolo finale di otto.

Nell’evento €20,000 High Roller, Shaun Deeb, Nikolay Evdakov e Andrew Feldman si sono affrontati in un tavolo a tre. Evdakov non è riuscito mai ad ingranare, risultando il primo ad uscire dopo pochi livelli di gioco. Deeb si è aggiudicato la breve battaglia heads-up contro Feldman, vincendo il montepremi di €60,000.

Sintonizzatevi su PokerNews TV per guardare tutti i video di oggi.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli