Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

PokerStars.net LAPT Punta del Este Day 4: Grande Vittoria di Nacho Barbero

nacho barbero

Gli ultimi otto giocatori sono tornati al Mantra Resort sabato pomeriggio per contendersi il titolo di campione del PokerStars.net Latin American Poker Tour Punta del Este. La sfida si è rivelata assolutamente inadatta ai deboli di cuore e alla fine è stato il Team PokerStars Pro Jose “Nacho” Barbero ad emergere quale vincitore aggiudicandosi titolo, trofeo e $273’330 di primo premio.

"All-in con asso-spazzatura" è stato il tema ricorrente nelle prime fasi del tavolo finale e già la prima eliminazione ha visto in azione Barbero che, con in mano {a-Diamonds} {7-Spades}, ha avuto la meglio sull’{a-Hearts} {5-Spades} di Roman Suarez. Suarez sperava almeno di riuscire a dividere il piatto con l’avversario ma un inclemente board ha rivelato {j-Clubs} {q-Clubs} {7-Hearts} {7-Clubs} {6-Hearts} per il tris vincente di Barbero. A Suarez non è restato altro che la consolazione di un ottavo posto che vale $20’850.

Bernardo Dias è stato il successivo eliminato. Il suo settimo posto è valso $31’270 ed è stato frutto di un altro festival dell’ace-rag. Il suo {a-Hearts} {6-Spades} non ha potuto infatti nulla contro il {7-Diamonds} {7-Spades} di Andres Korn. Poco dopo, anche Marco Caicedo si è trovato a seguire la finale da dietro le transenne anche se il suo debole asso era effettivamente la mano migliore preflop. Caicedo si è giocato tutto con {a-Spades} {7-Hearts} e Barbero lo ha chiamato con {k-Spades} {q-Hearts}. Il giocatore che sarebbe poi emerso come campione ha però trovato subito la coppia ed il sorpasso al flop ed il tris al river di un board che con {q-Spades} {j-Diamonds} {9-Spades} {6-Hearts} {q-Clubs} ha assegnato a Caicedo un sesto posto da $41’690.

Daniela Zapiello ha offerto un grande spettacolo per i tifosi brasiliani concludendo poi con un quinto posto da $52’110. Dopo la prima pausa da un’ora, la Zapiello ha visto il proprio stack decimato da una coppia di assi servita a Korn. Poi, alla mano immediatamente successiva, è stata costretta a spingere tutto il proprio piccolo stack al centro del tavolo e ancora una volta si trattava di una mano con “asso-spazzatura” solo che questa volta la combinazione era in mano all’avversario e si è dimostrata vincente. La Zapiello si trovava all-in con {q-Spades} {5-Spades} contro il grosso stack di Norbert Ludger che aveva chiamato da favorito con {a-Diamonds} {8-Diamonds}. La Zapiello ha però subito ribaltato la situazione ottenendo un grosso vantaggio al {q-Clubs} {j-Spades} {k-Spades} del flop. Un ininfluente {9-Hearts} al turn non ha cambiato nulla. Il {10-Hearts} del river ha però permesso a Ludger di chiudere una Broadway buona per eliminare la Zapiello.

Il ritmo delle eliminazioni ha subito un deciso incremento con l’aumentare dei livelli. Ludger è uscito al 4° posto ($72’960) quando il suo {5-Hearts} {5-Diamonds} è stato scoppiato dal {q-Hearts} {10-Spades} di Nicolas Cardyn e Korn ha chiuso con un terzo posto da $99’020 quando il suo {k-Diamonds} {10-Hearts} è incappato nel {k-Clubs} {10-Spades} di Barbero. Si giungeva così al testa a testa finale.

Cardyn e Barbero partivano praticamente alla pari ma non è trascorso molto tempo prima che una grossa mano sbilanciasse l’equilibrio a favore del futuro campione. Cardyn ha infatti provato un grosso bluff con {4-Clubs} {6-Clubs} dopo aver mancato il {8-Diamonds} {9-Clubs} {8-Spades} del flop. Barbero, che aveva già giocato un rilancio preflop con {5-Spades} {9-Hearts}, ha però deciso di chiamare e quando turn e river si sono rivelati ininfluenti, a Cardyn restavano chips a sufficienza solo per un paio di bui.

Alla mano immediatamente successiva, Cardyn si è ritrovato con il secondo posto da $161’550 anche se era partito in grande vantaggio con {a-Diamonds} {k-Spades} contro l’ {a-Spades} {10-Spades} di Barbero. Il board non ha dato alcune emozione fino al {10-Clubs} apparso proprio al river a sancire la conclusione del torneo.

Nacho Barbero è così rimasto l’ultimo uomo in gara tra i 307 iscritti al torneo. Vincendo questo titolo, Barbero è diventato anche il primo membro del Team PokerStars Pros ad imporsi in un evento del LAPT.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli