Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

PokerStars EPT Londra Day 5: Grande Scozzese! David Vince per i Britannici

David Vamplew

Lunedì si è disputata la giornata conclusiva delPokerStars EPT London, terza tappa del circuito della Stagione 7. Lo strabiliante numero di 848 giocatori ha preso parte a questo evento iniziato una settimana fa e gli otto finalisti sono tornati in sala ieri per decidere le sorti del torneo. Alla fine di una lunga giornata e di un duro testa a testa finale, è stato lo scozzese David Vamplew a potersi alzare dal tavolo con tutte le chips essendosi sbarazzato di John Juanda nella lotta per la conquista del titolo.

Il gioco è ripreso a mezzogiorno esatto ora di Londra e gli short stacks non hanno perso tempo ed hanno subito giocato tutte le proprie chips già nei primi giri di tavolo. L’americano Tom Marchese è stato il primo giocatore a trovare il call che lo metteva a rischio. Il suo {a-Hearts} {10-Spades} era leggermente favorito rispetto al {k-Spades} {q-Diamonds} di Per Ummer che aveva uno stack di dimensioni pressoché simili. Il board ha dato {10-Diamonds} {9-Diamonds} {6-Spades} {6-Diamonds} {6-Hearts} lasciando Ummer con soli cinque big blinds. Poco dopo è stato lui ad aprire con un rilancio all-in dallo small blind con {5-Diamonds} {3-Clubs}. Artur Wasek ha chiamato immediatamente dal big blind con {a-Hearts} {q-Spades}. Il board ha dato {q-Hearts} {7-Spades} {8-Diamonds} {10-Spades} {2-Diamonds} segnando la fine del torneo di Ummer con un 8° posto che vale £66’800.

Le chips ottenute con il raddoppio non sono comunque restate a lungo nello stack di Marchese. È stato lui a concedere il raddoppio ad Artur Wasek con {j-Clubs} {j-Spades} contro {q-Clubs} {q-Spades} perdendo una grossa fetta di stack. Poco dopo ha perso il resto. Vamplew ha deciso andare all-in in apertura dal bottone con {10-Diamonds} {5-Diamonds}. Marchese ha chiamato con il resto delle proprie chips e {a-Diamonds} {8-Diamonds} in mano. Il board è stato però poco amichevole con l’americano dando {j-Hearts} {5-Clubs} {2-Clubs} {4-Clubs} {6-Diamonds}. Il 7° posto gli è valso £100’000 che portano i suoi guadagni nel 2010 a quasi $1.8 milioni in totale.

Fernando Brito (6° posto, £145,000) si è lasciato rosicchiare dai bui restando con circa otto big blinds per poi andare all-in con {a-Hearts} {k-Diamonds}. Kyle Bowker aveva un bel po’ di chips con le quali chiamare con in mano {10-Diamonds} {j-Diamonds} e il board gli ha regalato il knockout. Kayvan Payman è stato eliminato al 5° posto (£190,000) quando il suo {a-Hearts} {4-Hearts} non è riuscito a trovare aiuto contro il {q-Clubs} {q-Spades} di Vamplew. Bowker aveva inizialmente chiamato l’apertura in all-in di Payman ma Vamplew era andato all-in a sua volta estromettendo Bowker dal piatto con la sua coppia di otto.

Wasek era il giocatore messo peggio a quel punto ed ha deciso di giocare un re-raise all-in con {5-Hearts} {5-Diamonds} contro Juanda che aveva {a-Spades} {j-Clubs}. Le prime quattro carte del board sono state amichevoli con la piccola coppia ma il {j-Spades} del river ha deciso le sorti in negativo del polacco eliminato al 4° posto (£240’000).

Il poker vero si è visto giocare quando il tavolo è stato ridotto agli ultimi tre giocatori tutti con deep stack e buona capacità di lettura dei propri avversari. Dopo circa un’ora di gioco a tre sono stati Bowker e Juanda a scontrarsi nel più grosso piatto del torneo. Bowker ha aperto dal bottone con un rilancio a 350’000 e Juanda ha rilanciato a sua volta a un milione. Bowker ha riflettuto qualche istante per poi giocare un altro rilancio ma Juanda ha giocato un quinto rilancio all-in senza esitare. Non c’era altro da fare per Bowker che ha rapidamente chiamato all-in con {j-Spades} {j-Hearts} trovandosi netto favorito contro {10-Clubs} {10-Hearts}. Le cose sono presto cambiate dato che il {5-Clubs} {q-Clubs} {2-Clubs} del flop ha dato a Juanda altri nove outs. E lui non ha dovuto nemmeno attendere l’ultima carta dato che il turn gli ha portato il {3-Clubs} che gli ha dato colore e piatto nonché l’eliminazione di Bowker al 3° posto (£300’000).

Con gli stack così deep sembrava che l’heads-up fosse destinato a durare a lungo e tutti sono stati sorpresi di vedere un all-in e call dopo sole poche mani. Juanda ha rilanciato e Vamplew ha difeso per vedere il {j-Spades} {j-Diamonds} {7-Spades} del flop. Vamplew ha permesso a Juanda di puntare 525’000 per poi giocare un check-raise a 1.33 milioni e Juanda ha rilanciato a sua volta a 2.5 milioni. Vamplew è andato all-in con {j-Hearts} {10-Spades} ed a Juanda non restava che chiamare con {j-Clubs} {2-Hearts} con il quale ha concesso un netto raddoppio all’avversario quando il river ha dato una carta ininfluente.

Lo scozzese passava così in netto vantaggio ma Juanda ha continuato a recuperare riportandosi in vantaggio per 3:1 dopo la pausa cena. Vamplew era a rischio ed è più volte andato all-in fino a quando Juanda ha trovato un asso con il quale chiamare. Il suo {a-Hearts} {5-Spades} metteva a rischio Vamplew che giocava {9-Clubs} {10-Clubs}. Il {5-Hearts} {2-Clubs} {6-Clubs} {10-Spades} {q-Diamonds} del board ha comunque concesso allo scozzese un prezioso raddoppio. Poche mani dopo si sono nuovamente visti i fuochi d’artificio quando i due si sono affrontati su un board che leggeva {q-Clubs} {4-Hearts} {k-Hearts} {j-Clubs}. Vamplew era nuovamente all-in con {a-Clubs} {6-Clubs} contro Juanda con {a-Spades} {10-Hearts} il punto migliore possibile in quel momento! Juanda era ad una sola carta dal titolo. Ciò nonostante un bizzarro {3-Clubs} al river ha salvato Vamplew che ha nuovamente raddoppiato tornando in testa.

Con i bui sempre più grandi i due si sono scambiati duri colpi superandosi a vicenda in svariate occasioni ma alla fine è stato Vamplew a guadagnare un netto vantaggio. Juanda aveva solo 3.4 milioni di chips (dei 25.44 milioni in gioco) quando ha deciso di andare all-in con {k-Diamonds} {2-Diamonds}. Vamplew ha chiamato con {a-Clubs} {3-Hearts} ed ha prontamente floppato la doppia coppia che ha posto fine al torneo: il {3-Spades} {a-Diamonds} {q-Spades} {9-Spades} {6-Spades} del board ha dato a Juanda un 2° posto da £545’000.

Il ventitreenne Vamplew ha ottenuto il suo più prestigioso successo di sempre vincendo questo EPT Londra da record, il titolo di campione e £900’000 di primo premio.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli