Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Aussie Millions $100.000 Challenge: Schemion e Seiver sul podio, vince il businessman Yong

Richard Yong

Il businessman malese Richard Yong, salito alle cronache l'estate scorsa non per meriti pokeristici ma per essere stato arrestato a Las Vegas nel corso delle WSOP a causa di un giro di scommesse sportive illegali portato avanti con il figlio e con altri ricchi businessman asiatici, si è preso nella nottata passata le luci della ribalta riuscendo nell'impresa di vincere un torneo di poker dal field spaziale, ovvero il 2015 Aussie Millions $100.000 Challenge, dove ha prevalso sui 70 giocatori iscritti per una prima moneta da AU$1.870.000.

Niente titolo invece per il tedesco Ole Schemion, partito chipleader ad inizio final table ed arresosi soltanto al 2° posto per un premio da AU$1.350.000 che renderà sicuramente meno amaro il titolo sfiorato di un soffio. Completa il podio dell'evento l'americano Scott Seiver (3° per $1.000.000), mentre poco prima di lui si era dovuto arrendere il connazionale Justin Bonomo (4° per $800.000).

Il primo giocatore eliminato oggi è stato invece il giovane australiano Alex Trevallion, autore finora di una run impressionante in questo Aussie Millions avendo già conquistato la vittoria nell'AU$25.000 Challenge ed un buon 33° posto nel Main Event. Giunto short a questo atto finale Trevallion ha messo al centro il suo risicato stack con {10-Clubs}{8-Clubs} trovando il call di Yong con {a-Diamonds}{7-Spades} che hanno retto lungo il board {4-Diamonds}{q-Spades}{4-Clubs}{3-Diamonds}{k-Diamonds} mandando il padrone di casa a ritirare il suo assegno da AU$310.000, per un totale di poco meno di 1 milione di dollari australiani messi in saccoccia nell'ultima settimana.

Dopo l'eliminazione di Dani Stern (7° per AU$400.000), anche l'espertissimo Erik Seidel ha dovuto cedere l'onore delle armi, prima perdendo un monster pot contro Seiver e successivamente venendo estromesso dal torneo da Schemion, per un 6° posto del valore di AU$500.000.

Anche il 5° classificato Jason Mo (AU$630.000 per lui) ha trovato l'eliminazione per mano del solito Schemion che in blind war ha messo pressione all'avversario andando all in con {k-Clubs}{10-Diamonds} trovando il call dello statunitense che con {a-Hearts}{7-Spades} nulla ha potuto visto il board {6-Spades}{q-Hearts}{j-Spades}{a-Clubs}{k-Spades}

4° posto che brucia per il già citato Bonomo, partito avanti con {a-Spades}{q-Spades} contro Seiver con {k-Clubs}{9-Clubs} ma arrivato nettamente dietro a causa del board {k-Spades}{9-Diamonds}{3-Hearts}{8-Diamonds}{k-Hearts} che ha regalato addirittura il full house al connazionale. Anche per Seiver però l'epilogo è dietro l'angolo, visto che la sua coppia {7-Hearts}{7-Spades} non basta a prevalere su quella di Yong {J-Hearts}{J-Diamonds} che si proietta quindi all'heads up decisivo con quasi 5 milioni di chips contro i 2 milioni di Schemion.

I due giocatori battagliano a lungo e nel corso del testa a testa finale si registrano ben cinque double up, fino alla mano decisiva arrivata nel corso del livello 23 (50,000/100,000): Yong limpa da bottone e Schemion checka da big blind per vedere scendere il flop {7-Hearts}{6-Diamonds}{2-Diamonds}, sul quale il tedesco check-raisa all in per circa 1,5 milioni sulla puntata del businessman a 150,000. Yong snappa e si va allo showdown.

Schemion {9-Spades}{8-Diamonds}
Yong {J-Diamonds}{10-Diamonds}

Turn {6-Clubs} e river {4-Hearts} non modificano gli equilibri della mano e Yong può alzare le braccia al cielo festeggiando la prima vittoria della carriera coincisa con il premio più corposo mai incassato.

Aussie Million $100.000 Challenge Final Table Payout

PlacePlayerPrize (AU$)
1Richard Yong$1.870,000
2Ole Schemion$1.350,000
3Scott Seiver$1.000,000
4Justin Bonomo$800.000
5Jason Mo$630.000
6Erik Seidel$500.000
7Dani Stern$400.000
8Alex Trevallion$310.000

Per rimanere sempre aggiornato su tutto quello che accade nel mondo del poker, segui PokerNews Italia su Twitter e diventa fan su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli