Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Giocare Lentamente un Progetto di Colore in un Piatto Multiway

Giocare Lentamente un Progetto di Colore in un Piatto Multiway

Oggi voglio condividere un'altra mano tratta dal secondo tavolo di un evento shootout di no-limit hold'em da $1.500 che ho giocato alle World Series of Poker. In un evento shootout, bisogna vincere il proprio tavolo per avanzare, perciò è una situazione da "winner-take-all".

Con otto giocatori al tavolo, siamo al livello 400/800/100. Da early position mi capita {9-Spades}{8-Spades}: con uno stack di 80 big blind, rilancio a 2.200.

Come discuto nel video, mi piace aggiungere qualche suited connector basso al mio range di rilancio. Così facendo, per i miei avversari è più difficile giocare contro di me, rispetto a quanto lo sarebbe se rilanciassi solo con carte alte e mani premium.

Un giocatore tight-aggressive da hijack fa call, e così fa il player splashy da big blind: entrambi hanno uno stack simile al mio. Il flop è {k-Spades}{9-Clubs}{2-Spades}, e il big blind fa check.

Qui molti giocatori punterebbero sicuramente: dopo tutto, abbiamo una coppia e un progetto di colore. Ma qui, specialmente in un piatto multiway, mi piace a volte fare check dato che se il piatto diventa molto grosso, probabilmente non ne saremo felici.

Che cosa fareste al posto mio, bet o check? Date un'occhiata a come ho giocato e ascoltate il mio ragionamento sul prosieguo della mano:

Dopo il giro di check al flop, chiudo colore al turn. Qui (coem spiego) ho una delle mie migliori mani completate e punto. Bisogna sapere quando rallentare e quando accelerare.

Tuttavia, alla fine al river scende una brutta quarta carta di picche, e devo affrontare una scelta difficile. Come giochereste su questo river?

Jonathan Little è un giocatore di poker professionista e autore, che nei tornei live ha vinto oltre $6.800.000. Ogni settimana scrive sul suo blog e produce un podcast all'indirizzo JonathanLittlePoker.com. Potete seguirlo anche su Twitter @JonathanLittle.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli