Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Dragan Galic Discute della sua Strategia nei Tornei

Dragan Galic

Ci sono varie strategie a disposizione, abbiamo bisogno di queste e dobbiamo usarle durante la nostra vita quotidiana. Il poker? Esistono molte strategie anche relative al gioco.

Ci sono delle estreme differenze quando si parla di cash game o tornei di poker. Visto che sono conosciuto come un giocatore di torneo "passivo," farò una più attenta analisi di questa strategia.

Prima di tutto dobbiamo distinguere l’ammontare del buy-in, $100, $1,000, o anche $10,000, - per un giocatore professionista ciò non dovrebbe fare una grossa differenza, giocherà sempre con la stessa tenacia. Ricordate comunque che gli amatori e i giocatori principianti sono capaci di mettere a rischio inutilmente l’intero torneo, dipende da quello che hanno nel portafoglio o di quanto sono ricchi. Data questa informazione, possiamo affermare che ci sono meno "cattivi" giocatori ai livelli di buy-in più alti.

La prossima cosa da considerare è quanti tornei dal "grosso buy-in" una persona ha giocato. Perché? I tornei con buy-in da $100-$500 si concludono in un giorno mentre quelli da $2,000-$5,000 o più, durano da due a cinque giorni. Questo rappresenta già un problema per molti giocatori; alcuni di questi non sanno giocare con un enorme stack e altri provano a vincere il torneo al primo giorno.

Qui c’è uno dei miei consigli più decisivi. Dovete sedervi e realizzare che non volete giocare grossi piatti inutilmente, dovete rimanere in gioco nel torneo per diversi giorni, e il torneo può essere vinto solo quando raggiungete il tavolo finale. Questa attitudine vi porterà a premi gran parte delle volte, più rimanete in gioco e meno il vostro bankroll ne soffrirà. Con questa consapevolezza, dovete giocare soltanto contro il fattore fortuna e contro la mancanza di conoscenza dei vostri rivali.

Qui c’è un tipico esempio da un recente torneo che ho giocato. Ho preso parte ad un evento da €2,000 con livelli da un ora e uno stack di partenza di 15,000. Al livello tre, avevo solo circa 8,000, ma era ancora consistente con il big blind a 200. Ho rilanciato in middle position a 500 con {10-}{9-} e sono stato chiamato da {K-}{J-}, il flop è sceso {J-}{10-}{9-}. Ho puntato poco più del piatto e il mio avversario ha visto. Il turn ha servito {5-}, perfetto per me. Sono andato all-in e ho ricevuto l’insta-call senza un secondo di esitazione; il river ha portato un altro {5-} e sono uscito.

OK, cosa è successo? Il mio avversario aveva troppe chips. Era il chip leader al tavolo e aveva già fatto molte mosse "inutili" che aveva sempre vinto. La questione è, avrebbe giocato in questo modo se noi avessimo avuto la stessa quantità di chips? Non penso. Lui non ha nemmeno realizzato che lo tenevo esattamente nella posizione che volevo. Inoltre, avrei giocato una overpair come regine o re allo stesso modo, o se avessi floppato un set o una mano fatta (scala), lui avrebbe avuto solo pochi o nessuno outs per vincere la mano.

Ma invece ha snappato, senza realizzare quello che è successo, ed è stato addirittura sgarbato dicendo, "Bye bye."

Potete vedere come il fattore fortuna sia una questione importante e inoltre avevo giocato due giorni prima contro lo stesso giocatore in un altro evento, in cui lo avevo eliminato con {A-}{J-} contro i miei {A-}{2-} al flop di {A-}{2-}{10-}. Lui ha puntato 10,000, io ho rilanciato a 30,000 e senza pensare lui è andato all-in per 50,000. Quella volta, non ha trovato aiuto ed è uscito. In entrambi i casi senza pensare quale mano poteva battere.

Quindi questa dovrebbe essere la nostra strategia – pensare! A volte la migliore strategia viene superata dalla fortuna ma a lungo termine sarete avanti con una solida strategia.

Come sempre seguici su Twitter e consulta la nostra pagina Facebook per scoprire tutto il mondo PokerNews.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli