Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

Il Presidente della PPA Alfonse D'Amato Rilascia Commento sullo Scandalo Ultimate Bet- Absolute Poker

Il Presidente della PPA Alfonse D'Amato Rilascia Commento sullo Scandalo Ultimate Bet- Absolute Poker 0001

Martedì scorso, la Poker Players Alliance ha rilasciato un comunicato firmato dal presidente dell'associazione ed ex-senatore Alfonse D'Amato in merito ai recentemente emersi scandali interni ad UltimateBet (ed all'analoga situazione sul sito gemello Absolute Poker). Nel comunicato, D'Amato chiede siano resi integralmente pubblici tutti gli avvenimenti e i risultati delle indagini interne ed ha ancora una volta fatto appello ai legislatori americani affinché implementino un programma di licenze per regolamentare il poker online e proteggere gli interessi dei cittadini statunitensi. D'Amato ha sottolineato come la PPA non sia di per se un corpo giuridico, ma che la gravità degli eventi occorsi ha reso necessario prendere una posizione.

"La fiducia è alla base del poker," si legge nella parte fondamentale del comunicato (il cui testo integrale può essere reperito sul sito pokerplayersalliance.com). "Purtroppo questo principio fondamentale è stato infranto da due ben note società operanti nel settore del poker online, Absolute Poker ed Ultimate Bet, sui cui siti si sono verificati gravi episodi di cheating. La Poker Players Alliance condanna ogni forma di baro e cheating nel poker qualunque sia il luogo deputato ad ospitare il gioco. A causa delle attuali incertezze legali, il poker paga il prezzo della mancanza di una legge federale; mancanza che si fa sentire ancora più quando gli episodi di cheating riguardano il poker online. Tutto ciò ha creato profonda incertezza ed ha negato i mezzi per investigare e prevenire queste situazioni, per amministrare i giusti processi ed infine applicare le pene appropriate. Noi richiediamo con urgenza a queste società e al loro garante, la Kahnawake Gaming Commission, di fornire un resoconto completo e dettagliato degli eventi occorsi per permettere di fare luce su fatti che coinvolgono tutto il settore."

D'Amato e la PPA hanno concluso ipotizzando che questi scandali possano trasformarsi in eventi chiave nella battaglia per creare un progetto di regolamentazione negli USA. Così commenta infatti il PPA: "Questi scandali non saranno e non dovrebbero essere l'icona della rinuncia di un governo che intende affrontare in modo responsabile la situazione del poker via internet. Potrebbero al contrario essere l'inizio di un percorso per comprendere che una regolamentazione è basilare per proteggere i cittadini ed il futuro dei giochi di carte in America."

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli