Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Prima Volta Alle WSOP? Ecco Tre Cose da Sapere

Pronti Per le WSOP 2015?

La prima edizione delle World Series of Poker disputatesi al Rio All-Suite Hotel and Casino è stata anche la prima a cui ho partecipato. Era il 2005. Avevo vinto un satellite per il Main Event e arrivai a Las Vegas pieno di entusiasmo e speranza.

Feci tutti gli errori possibili e immaginabili: dagli errori al tavolo da poker a quelli logistici, e così via. Foldai quando non avrei dovuto, chiamai quando non avrei dovuto e pagai per cose che avrei potuto avere gratis.

Le sale da gioco locali hanno la propria cultura e lo stesso vale per il Rio. Le WSOP sono una produzione talmente ampia da essersi evoluta ed aver sviluppato usi e costumi propri. Ecco alcuni punti chiave da tenere a mente se quest'estate parteciperete per la prima volta alle WSOP.

1. Anche se i Vostri Avversari Non Giocano Meglio di Voi, Magari Giocano in Modo Diverso

Oltre a tutti i tornei nel programma WSOP, al Rio ci sono diverse decine di tavoli di cash game e un'intera città è a vostra disposizione, se volete esplorare. In questo caso, ricordate che il vecchio detto secondo cui Las Vegas è la "tomba dei campioni del paese" non è del tutto inappropriato. Esistono tanti giocatori vincenti nei propri paesi e capaci anche di battere le partite di Las Vegas. Ma anche se scegliete con cura le vostre partite, i vostri avversari potrebbero sorprendervi con i loro stili di gioco.

Molti di noi hanno adattato il proprio gioco in base agli avversari più spesso affrontati - ed effettivamente è difficile non farlo. Ma così come il livello di aggressività e di gioco loose variano a seconda della sala in cui ci si trova, altrettanto vale per le tendenze più specifiche. Fate attenzione e decidete se ha senso in queste partite rilanciare al flop "per avere informazioni" con top pair deboli, se ha senso spingere con un progetto di colore e così via.

Per quanto possibile, meglio fidarsi un po' meno di ciò che pensiate possa indicare una determinata azione, quando i vostri avversari arrivano da cinque paesi o tre continenti diversi. Questo non significa smettere completamente di tentare di leggere gli avversari, ma fate attenzione a dare per scontato che un texano o un italiano giochino alla stessa maniera.

2. Fate Super Attenzione Alle Regole

Le WSOP sono talmente enormi che è necessario avere regole standard e, di tanto in tanto, interpretarle in maniera più letterale di quanto farebbe una poker room più piccola, dove lavorano sempre le solite persone. In particolare nei tornei, le regole spesso vengono fatte rispettare alla lettera. I giocatori ricevono continuamente penalità per aver foldato quando non tocca a loro o per aver mostrato le carte prima del tempo, mentre altrove di solito si riceverebbe soltanto un avvertimento.

Anche qualora dovesse essere chiara la buona fede del vostro errore, ciò potrebbe non bastare. Una volta, al Day 5 del Main Event, un giocatore seduto al tavolo accanto al mio si è beccato un giro di penalità per aver chiamato una puntata quando era ultimo ad agire, al river e con il nuts. Si trattava di un giocatore inesperto che aveva floppato la top pair e non si era accorto di aver floppato pure un progetto di colore backdoor.

Se siete in dubbio su cosa fare al tavolo, prendetevi più tempo per pensare. Assicuratevi che tutti abbiano foldato prima di mostrare la vostra mano. Assicuratevi che il giocatore alla vostra destra abbia foldato, prima di farlo pure voi. È un comportamento educato e prudente - in particolare alle WSOP.

3. Non Abbiate Timore di Chiedere

Nate Meyvis
Nate Meyvis alle WSOP 2011

Ci saranno più eventi di poker al Rio, durante le WSOP, di quanti ne avrete mai visti in un posto solo. Persino il Commerce o il Foxwoods non hanno così tanti tavoli di poker come il Rio, durante il periodo dei tornei. Da tutto questo poker derivano opportunità che probabilmente non conoscete neppure.

Io adoro i Mixed Games, ma ci ho messo un po' a capire che questo genere di partite mid-stakes si gioca spesso al Rio, e per questo non ho partecipato a sessioni alle quali avrei tanto voluto giocare. Ancora non ho ben capito le regole su chi ha diritto a ottenere cibo omaggio, ma una gentile richiesta allo staff spesso e volentieri risolve tutto.

L'economia di Las Vegas e delle WSOP è strana. Ciò che abbonda altrove può scarseggiare al Rio, ma ciò che scarseggia altrove a volte abbonda al Rio. Quel posto vuoto che vedete, chissà, può essere davvero libero. Quella cosa che vi piace tanto e che avete visto in una bancarella nel corridoio potrebbe essere un campione gratuito. Quando siete in dubbio non fate i timidi: chiedete.

Fate in modo di divertirvi se quest'estate andrete per la prima volta alle WSOP. Ma siate anche preparati e cercate di godervi al massimo il vostro viaggio sia quando state giocando sia quando vi alzate dal tavolo.

Per rimanere sempre aggiornato su tutto quello che accade nel mondo del poker, segui PokerNews Italia su Twitter e diventa fan su Facebook.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli