Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Cash Games Online in Italia: Oggi Inizia la Fase di Test

poker cash italia

Tutto ha avuto inizio nel lontano 2006 con il Decreto Legge che pone la prima pietra verso la legalizzazione del poker italiano, primo paese europeo che sente l'esigenza di regolarizzare il multi sfaccettato mondo dei giochi, non escluso quello del poker. Si passa poi attraverso revisioni, modifiche e contestazioni ma solo nel 2010 si ha una vera svolta.

Si chiama Decreto direttoriale recante disciplina dei giochi di abilità nonché dei giochi di sorte a quota fissa e dei giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo con partecipazione a distanza ed è il testo della legge che legalizza i cash games online in Italia e permetterà di giocare nei casinò online. La legge è stata approvata dalla Commissione Europea nell’autunno 2010 e proprio verso la fine dello scorso anno la decisione del Tar del Lazio di respingere il ricorso Microgame ha dato il via alla fase finale del processo legislativo.

90 giorni dall’emissione della sentenza del Tar (e dalla conseguente entrata in vigore della legge) sarebbero dovuti trascorrere per permettere agli operatori di settore che intendono offrire il servizio di superare un collaudo. Il tanto atteso evento sta per concretizzarsi dopo l’approvazione di Bruxelles del testo revisionato.

Oggi Iniziano i Test per gli Operatori

Con un comunicato pubblicato oggi sul sito ufficiale, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS) ha dato il via alla fase di test per l’offerta di poker in formati diversi dal torneo con partecipazione a distanza (quindi dei tanto attesi cash games online). Si tratta di una circolare inviata dal responsabile AAMS Francesco Rodano alle società interessate alla fase di test:

Dal giorno 11 gennaio 2011 è disponibile l’ambiente di test per la verifica del colloquio tra i sistemi dei fornitori dei servizi di connettività e il sistema centrale di AAMS, secondo le regole previste dall’ultima versione del protocollo di colloquio per l’esercizio dei giochi di abilità, nonché dei giochi di sorte a quota fissa e dei giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo con partecipazione a distanza.

A breve, si presume, verranno quindi pubblicati i due decreti che segneranno una svolta nel gioco online in Italia. Si tratta della Legge Comunitaria 2008 e del DL Abruzzo. Il decreto sul poker in modalità Cash Game (depositato per la prima volta a Bruxelles il 25 agosto 2009) prevede tra le innovazioni più significative:

• per quanto riguarda le giocate, la posta iniziale per i tornei non dovrà essere superiore a 1000 euro mentre per i sit and go sarà pari a 250 euro.

• la tassazione è il 20% della raccolta al netto delle vincite, quindi la tassazione statale verrà applicata sulla rake ad ogni mano.

• la possibilità di allargare il proprio mercato ai duecento nuovi operatori comunitari aggiunti ai vecchi, che acquistando dallAAMS una concessione che avrà una durata di 9 anni

Fase di Test Aperta Anche alle Poker Room NON AAMS

La notizia più interessante è che la fase di test per l’interfacciamento delle poker room con i sistemi dei Monopoli di Stato è aperta anche alle poker rooms che non dispongono ancora di una licenza AAMS ma che ne hanno fatto richiesta o hanno avviato le procedure per ottenerla. Siti come Full Tilt, Everest e Titan Poker, che da tempo si vocifera siano intenzionati a entrare legalmente in Italia potranno sfruttare ai pari dei competitors già concessionari questa fase di test in modo da partire a pieno regime una volta ricevuto il via libera. Pari opportunità per tutti e grande volontà da parte di AAMS di aprire il mercato rendendolo più competitivo. Chiaro a questo proposito il passaggio della circolare che afferma:

Possono accedere all’ambiente di test i concessionari già abilitati al gioco a distanza, nonché, nelle more dell’avvio del procedimento di affidamento in concessione dell’esercizio dei giochi pubblici a distanza ai sensi dell’articolo 24, commi 11 e seguenti, della legge 7 luglio 2009, n. 88, i soggetti non ancora concessionari.

Il Testo Integrale della Circolare

Ai concessionari di cui all’articolo 24, comma 13, lettera b), della legge 7 luglio 2009, n. 88 (concessionari già abilitati al gioco a distanza), e loro fornitori dei servizi di connettività
LORO SEDI

Ai soggetti di cui all’articolo 24, comma 13, lettera a), della legge 7 luglio 2009, n. 88
(soggetti non ancora concessionari) LORO SEDI

OGGETTO: Disponibilità dell’ambiente di test del protocollo di comunicazione da adottarsi per l’esercizio dei giochi di abilità, nonché dei giochi di sorte a quota fissa e dei giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo con partecipazione a distanza (PGDA)

Si comunica che dal giorno 11 gennaio 2011 è disponibile l’ambiente di test per la verifica del colloquio tra i sistemi dei fornitori dei servizi di connettività e il sistema centrale di AAMS, secondo le regole previste dall’ultima versione del protocollo di colloquio per l’esercizio dei giochi di abilità, nonché dei giochi di sorte a quota fissa e dei giochi di carte organizzati in forma diversa dal torneo con partecipazione a distanza (PGDA, Versione 2 del 10/12/2010).

Possono accedere all’ambiente di test i concessionari già abilitati al gioco a distanza, previa richiesta all’indirizzo e-mail gioconline@sogei.it, nonché, nelle more dell’avvio del procedimento di affidamento in concessione dell’esercizio dei giochi pubblici a distanza ai sensi dell’articolo 24, commi 11 e seguenti, della legge 7 luglio 2009, n. 88, i soggetti non ancora concessionari, previo l’espletamento delle formalità di seguito descritte.

I soggetti non ancora concessionari, pur non avendo avviato l’iter per la partecipazione alla procedura di affidamento della concessione, possono richiedere le credenziali di accesso
trasmettendo la domanda secondo lo schema in allegato (corredata della relativa documentazione) all’indirizzo: giocoadistanza@aams.it

AAMS, in base alla valutazione della documentazione presentata, fornirà le credenziali di accesso agli operatori che, a suo insindacabile giudizio, dispongano dei requisiti previsti.
I soggetti non ancora concessionari, che abbiano già ottenuto le credenziali di accesso all’ambiente di test per il protocollo “PGAD” (con le modalitˆ descritte nel comunicato dell’11 giugno 2010, disponibile alla pagina http://www.aams.gov.it/?id=2295), sono autorizzati ad accedere anche all’ambiente di test in oggetto, previa richiesta scritta da inviare a entrambi i seguenti indirizzi e-mail: giocoadistanza@aams.it e gioconline@sogei.it

Eventuali dubbi o richieste di chiarimenti, anche relativi alle modalità di connessione tra il sistema dell’operatore e il sistema centrale di AAMS, possono essere inviate ai citati indirizzi e-mail:
giocoadistanza@aams.it e gioconline@sogei.it

Si trasmette, in allegato, la bozza aggiornata del protocollo di comunicazione in oggetto.

IL DIRIGENTE
F.to Francesco Rodano

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli