Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

World Series of Poker 2011: Intervista al Campione WSOP Pius Heinz Parte 2

Pius Heinz

Qualche giorno fa, il mondo ha visto il nuovo membro del Team PokerStars Pro, Pius Heinz, conquistare il World Series of Poker Main Event e $8,715,638. PokerNews ha incontrato Heinz il giorno successivo. Nella Parte 1 dell’intervista, Heinz ha parlato di come ci si sente a essere campione e di cosa ha in mente di fare con i soldi. Nella Parte 2, Heinz ci dice come ha risposto all’atmosfera del tavolo finale e come si è trovato a giocare heads-up con Martin Staszko.

Qual è stata la tua reazione all’atmosfera del tavolo finale, essendo sotto le luci e davanti alle telecamere?

L’atmosfera era sick. Ero davvero eccitato di essere lì.

Ti sei innervosito?

Si, specialmente quando abbiamo iniziato il gioco a nove. Per la prima ora, ero davvero nervoso, cosa che non mi sarei aspettato, ma è stato così. Le mie mani tremavano quando mettevo le chips nel piatto. C’è voluta un ora e mezza per abituarmi.

Com’è stato tornare per il gioco a tre, invece che per l’heads-up?

È stato interessante. Ovviamente è stato molto veloce, cosa che nessuno si aspettava. Ma si, penso sia una buona idea far tornare tre giocatori invece di due.

Domenica, sei andato al comando e hai iniziato il tuo run vincente. Avresti preferito concludere il tavolo finale lo stesso giorno invece di prendere un giorno di pausa lunedì, che avrebbe potuto cambiare la situazione?

No, è stata una buona cosa prendere quella pausa. Quando siamo arrivati al gioco a tre, ero davvero esausto. Penso che abbiamo finito a mezzanotte, quindi in pratica abbiamo giocato 12 ore. Per cui sicuramente non mi è dispiaciuto avere avuto un giorno di riposo.

Martedì, qual è stata la tua reazione quando hai visto Ben Lamb e Martin Staszko mettere tutte le chips nel mezzo nella prima mano, e per chi hai fatto il tifo?

Personalmente, come persona ho tifato più per Ben perché mi piace e credo sia un ottimo ragazzo e lo rispetto molto. Considerando cosa era meglio per me al tavolo di poker, ho tifato per Martin. Senza niente togliere a Martin, che credo sia un giocatore davvero bravo, ma Ben è sick, lo sapete.

Com’è stato giocare heads up con Martin Staszko? Ha limpato un sacco di volte da bottone e presumibilmente perché ha avvertito che lo avresti 3-bettato molto. Hai cambiato il tuo gioco quando ha iniziato a fare così o pensavi che fosse la sua strategia?

Penso in realtà che è stata una mossa molto scaltra da parte sua. E di sicuro ho avuto i miei problemi con la sua strategia. Di solito, avrei reagito punendo molto i suoi limps da big blind, ma quando ti ritrovi con tre-cinque offsuit ogni volta che lui limpa da bottone non c’è molto da fare.

Quindi si, penso sia stato molto scaltro e ho avuto problemi perché sono stato costretto a giocare brutte mani come tre-cinque offsuit fuori posizione postflop, che contro un giocatore in gamba come Martin è sempre difficile da fare.

Voi due avete giocato heads up per lungo tempo, e non avete avuto troppe pause perché il tavolo finale veniva trasmesso su ESPN. Pensi che vi siete stancati? Avresti preferito avere qualche pausa in più?

Si, capisco ESPN, ma per un giocatore essere lì – stiamo giocando per una differenza di tre milioni di dollari tra il primo e il secondo – sarebbe stato sicuramente meglio fare più pause.

Come hai retto le emozioni quando tu e Martin vi siete scambiati le chips varie volte? Per un po’ è sembrato che avresti potuto mantenere il comando e poi perdevi un grosso piatto e resettavi le cose.

È andata proprio così. Ad un certo punto, ho iniziato a sentirmi frustrato perché non riuscivo a prendere una mano mentre per lui era il contrario. È stato davvero difficile ma ho provato a non perdere la concentrazione e giocare il meglio possibile sperando che le carte fossero girate.

C’è una mano su cui vorremmo chiederti qualcosa. La mano con re-donna in cui hai deciso di fare un bluff-raise al river. Puoi parlarci del tuo rilancio al river dopo il check al turn?

Si, certo. Prima di tutto, il mio gioco preflop è piuttosto standard. Potevo sicuramente 3-bettare, ma ho pensato di flattare semplicemente in quel caso. Anche il gioco al flop è piuttosto standard. Ho la mano migliore molte volte. Quando è sceso un nove [al turn] e lui ha fatto check, prima di tutto ho pensato che i miei re-donna sono buoni la maggior parte delle volte quindi non c’è bisogno di puntare per un bluff perché lui non avrebbe foldato. Avrebbe potuto foldare un sei o qualcosa del genere, ma raramente, o una mano come due cinque o due quattro, forse, ma questo è tutto ciò che posso fargli foldare. Quindi non ha davvero senso puntare.

E ho pensato, cosa che lui non ha creduto perché ha fatto un grosso call con i re, che facendo check dietro avrei potuto rappresentare un nove abbastanza bene. Potevo rappresentare anche una mano come asso-dieci o asso-jack, con cui probabilmente non avrei 3-bettato. Nemmeno con asso-donna, forse avrei 3-bettato con asso-re.

Non sappiamo se hai visto la copertura dell’ultima sera, ma quando hai fatto check dietro al turn e hai finito per rilanciare al river, Antonio Esfandiari ha commentato che non avresti potuto mai avere un nove lì secondo quella linea di gioco.

OK, si, non sono d’accordo. Non sono per niente d’accordo.

Sei rimasto sorpreso che ha chiamato con due re?

Si, sono rimasto davvero sorpreso. Voglio dire, è una linea di gioco che non si considera come un bluff spesso. Di solito quando si flotta quel flop con una mano come jack-dieci o qualcosa del genere, si punta al turn. Questo è ciò che ci si aspetta ecco perché si fa check con una mano come asso-sei in quanto dopo puoi chiamare e avere valore da tutti i floats.

Quando fai check [dietro] rappresenti qualcosa con valore allo showdown, e il mio valore allo showdown su questo board deve essere nove-x o asso-x. E una percentuale davvero minima di mani che posso trasformare in un bluff al river, che sarebbe re-donna, re-jack, re-dieci e un sei. Quindi, si, credo che la mia linea dica che ho un nove il maggior tempo delle volte.

Nella mano finale, cosa ti è passato per la testa quando l’ultima carta è stata girata e sei diventato ufficialmente il nuovo campione del mondo?

Ero davvero, davvero felice che tutto fosse finito. Sono andato dai miei sostenitori e ho abbracciato tutti. Non riuscivo quasi a respirare perché tutti mi stringevano così forte, e sono sparito nella calca. È stato un momento fantastico.

Dopo che la tempesta dei media sarà finita e la tua vita ritornerà alla normalità, dove ti rivedremo la prossima volta?

Il prossimo evento che andrò a giocare sarà l’EPT Praga. Non vedo l’ora. E poi parteciperò a molti altri EPT. Probabilmente non viaggerò molto oltreoceano per andare a giocare tornei di poker perché non mi piace troppo fare lunghi viaggi.

Ti vedremo alla PokerStars Caribbean Adventure a gennaio?

Si, questa è una cosa che farò. Sicuramente andrò alla PCA a Berlino, Vienna e al Grand Final di Madrid. Di base, sarò presente a quasi ogni tappa dell’EPT in questa stagione.

Per tutti gli aggiornamenti in tempo reale seguici su Twitter.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli