Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

I Tornei di Poker con Jeremiah Smith: Ottieni Informazioni e Credi nella tua Lettura

strategia tornei poker

Era la prima mano in un tavolo nuovo, ed ho voluto imprimere una impressione ferma nelle menti dei miei avversari, con il fatto che io fossi un po’ idiota. Questa era la strategia di base che usavo durante il main event e, beh, stava funzionando; quella prima impressione sarebbe rimasta abbastanza a lungo da costringerli ad un errore critico. Con 300 grandi bui la ricompensa potenziale faceva ben valere la pena di correre qualche rischio. Under the gun, guardavo i miei potenti K-3 suited.

Naturalmente, ho rilanciato di 2.5volte, ricevendo un unico caller al bottone. Ho fatto la mia continuation bet standard di metà piatto sul flop con Q-8-2 , con l’intenzione di mostrare la mano se avessi vinto o foldare a faccia in giù se qualcuno avesse rilanciato per definire l’immagine che desideravo.

Invece, il mio avversario ha chiamato velocemente. In questo momento, il mio avversario mi ha dato tutte le informazioni di cui ho bisogno per vincere questa mano. Se avesse avuto una mano che richiedeva qualche riflessione—come qualsiasi coppia o una mano con una Q—si sarebbe preso del tempo per valutare le sue opzioni. Invece il suo call veloce ha indicato una delle due cose: o era in progetto o stava semplicemente chiamando con l’intenzione di foldare la mano in un round successivo. Il “call veloce equivale ad un progetto” è una classica massima sottolineata in Book of Poker Tells di Caro.

Inizialmente, mi stavo convincendo fosse un puro call d’attesa. Se fosse stato così, avevo intenzione di sparare una seconda ed una terza cartuccia se necessario, per rappresentare una mano alta. L’unica vera mano progetto che avrebbe potuto avere sarebbe stata J-10 per la scala ad incastro. Quando un A è arrivato al turn, è stata offerta un’ottima opportunità sia per definire la mano del mio avversario sia per continuare a raccontare qualcosa sulla mia. Se stava chiamando con qualsiasi cosa che non fosse un Asso, sarebbe bastata una seconda puntata per vincere il piatto. Se aveva un A, la mia puntata avrebbe dovuto fargli fare una pausa per considerare le tue opzioni. Se avessi sbagliato e lui avesse chiamato con una mano come 7-7, una puntata avrebbe dovuto farmi vincere il piatto (nel qual caso avrei mostrato fieramente il mio K-3).

Invece, ho ricevuto un altro call veloce. Normalmente non raccomando di attribuire ad un avversario una mano specifica. Invece, hai bisogno di pensare ad una gamma di mani che probabilmente potrebbe avere, poi calcolare la tua equity contro ciascuna. Comunque, in questo caso, la velocità con cui ha agito mi ha detto tutto quello che avevo bisogno di sapere; era davvero in progetto con J-10. Nella sua mente, ha raccolto degli outs aggiuntivi con una scala a doppio incastro, e se avesse hittato lo avrei pagato dal momento che probabilmente avevo una mano alta. Il river era un altro innocuo due.

Ecco dove entra in gioco la parte critica del fare questa lettura – devi crederci abbastanza per adattarti ad essa. A questo punto, la mia K alta non è differente da A-Q; entrambe sono buone contro la mano che gli ho attribuito. Con questo in testa, come ne massimizzeresti il valore contro un avversario in progetto con A-Q? Checkeresti e lo faresti bluffare. La strada sicura è puntare e lasciare che il tuo avversario foldi la sua mano… ma che divertimento ci sarebbe?

Sinceramente, stavo sperando per un check in risposta. Invece ha fatto immediatamente una puntata consistente. Ho deciso di temporeggiare un po’ in modo da poter ottenere ulteriori informazioni dal mio avversario. Nello specifico, come sarebbe apparso quando bluffa? Potevo ricavarci qualche segnale ovvio? Ho cominciato a parlare durante la mano, e alla fine gli ho detto di avergli attribuito J-10 per tutto il tempo. Ho fatto il call e la mia lettura era corretta (ora, invece di stabilire una immagine idiota, il tavolo non sapeva cosa pensare).

Ricorda, il mio obiettivo non è farti cercare le occasioni ridicole per fare dei call eroici. Al contrario, una volta che hai abbastanza informazioni fai la tua decisione, formula un piano per ricavarne il massimo valore, e continua su quella via. Non aver paura e non tornare indietro. Sbaglierai qualche volta? Ovvio. Ma, seguendo le tue riflessioni, comincerai a vederci giusto con più tranquillità man mano che guadagni fiducia.

Nell’articolo della prossima settimana, descriverò una mano di poker contro questo stesso avversario dove ho utilizzato la mia lettura ma è finita con risultati completamente diversi.

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli