Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente Gioca Responsabilmente 18 +

WSOP 2008 Evento #28 $5'000 Pot-Limit Omaha w/ Rebuys: Vittoria di Phil Galfond

WSOP 2008 Evento #28 $5'000 Pot-Limit Omaha w/ Rebuys: Vittoria di Phil Galfond 0001

Abbiamo già assistito ad alcuni grandiosi tavoli finali alle WSOP di quest'anno ma sarà difficile vederne uno di maggior rilievo tecnico di quello messo assieme per il $5'000 Pot-Limit Omaha w/ Rebuys. Alla fine del Day 2, Phil "OMGClayAiken" Galfond aveva raddoppiato su Daniel Negreanu guadagnandosi la vetta della classifica provvisoria. Galfond ha mantenuto quel vantaggio per quasi tutta la durata di un emozionante tavolo finale arrivando a vincere bracciale e primo premio da $817'781.

Galfond ha conteso titolo e premi ad avversari di tutto rispetto le cui doti tattiche ed esperienza sono note a tutti. A testimonianza di ciò basti dire che al tavolo finale nel complesso si potevano vantare 28 bracciali WSOP. Alcuni dei partecipanti, inoltre, giocavano per molto più del premio in denaro che si prospettava: Johnny Chan inseguiva il record di 11 bracciali per riportarsi in pari con Phil Hellmuth. Hellmuth, allo stesso tempo, era alla ricerca di un altro bracciale per incrementare il vantaggio su Chan e Doyle Brunson.

Daniel Negreanu che aveva vinto il $2'000 Limit Hold'em meno di una settimana fa era in caccia per il secondo bracciale nelle serie di quest'anno. David Benyamine e Kirill Gerasimov pur non essendo noti come gli avversari appena menzionati potevano ugualmente vantare una buona dose di tavoli finali. John Juanda si presentava al tavolo finale con un curriculum pokeristico da fare invidia a molti anche se sono ormai passati cinque anni dal suo ultimo bracciale. Brian "tsarrast" Rast e Adam "the_houdini" Hourani per quanto poco noti nel circuito live, sono temuti avversari nelle sale da poker virtuali del mondo online.

Il tavolo finale iniziava con questa situazione:

Seat 1: John Juanda (Las Vegas, Nevada) — 694,800

Seat 2: Phil Hellmuth (Palo Alto, California) — 119,000

Seat 3: David Benyamine (Las Vegas, Nevada) — 1,041,000

Seat 4: Kirill Gerasimov (Mosca, Russia) — 558,000

Seat 5: Phil Galfond (Madison, Wisconsin) — 1,393,000

Seat 6: Daniel Negreanu (Las Vegas, Nevada) — 460,000

Seat 7: Brian Rast (Las Vegas, Nevada) — 1,176,000

Seat 8: Adam Hourani (East Lansing, Michigan) — 300,000

Seat 9: Johnny Chan (Las Vegas, Nevada) — 624,000

Phil Hellmuth partiva come il più short stack con un grosso svantaggio rispetto alla media ma ha potuto guadagnare tempo grazie ad un provvidenziale raddoppio su David Benyamine alla prima mano.

Perdendo due grosse mani con assi serviti, prima contro Chan e poi contro Hellmuth, Rast ha perso gran parte del proprio stack e della necessaria concentrazione. Poco dopo queste due mani, Rast è ancora andato all-in partendo in vantaggio ma venendo superato da un progetto chiuso al river. Johnny Chan che aveva visto l'all-in di Rast ha chiuso il colore nut con l'ultima carta del board e Rast si è dovuto accontentare di un nono posto da $84'863.

È stato quindi il turno di Phil Hellmuth che all-in preflop con A-K-10-4 si è trovato ancora una volta contro una coppia di assi servita a David Benyamine. Nessun aiuto dal board e la corsa di Hellmuth al 12° bracciale si ferma con un ottavo posto da $100'292.

Daniel Negreanu era da tempo short quando ha deciso di spingere tutto ciò che restava del suo stack al centro del tavolo contro Phil Galfond che giocava con pocket aces. Negreanu chiude al settimo posto per $123'437.

Subito dopo l'eliminazione di Negreanu è stato il turno di John Juanda sesto per $154'296. A questo punto la situazione dei cinque giocatori ancora in gara era la seguente:

Phil "OMGClayAiken" Galfond — 2'300'000

Johnny Chan — 2'125'000

David Benyamine — 750'000

Kirill Gerasimov — 745'000

Adam Hourani — 455'000

In successione sono stati eliminati Kirill Gerasimov (quinto per $192'870), Johnny Chan(quarto per $246'874) e David Benyamine (terzo per $316'307).

All'inizio del testa a testa finale, Galfond deteneva un vantaggio di 3 a 2 in quanto a chip rispetto ad Hourani. Galfond ha lentamente ampliato questo divario fino ad arrivare alla mano decisiva che con A-Q-8 al flop ha visto Gandolf puntare quanto bastava per mettere Hourani all in. Hourani ha chiamato partendo in vantaggio con A-K-J-10 contro l'A-7-6-5 di Galfond. Un sei al turn ha dato a Galfond la second pair. Nessun aiuto per Hourani al river e la sua serata si chiude con un secondo posto da $493'748.

Quando gli è stato chiesto a caldo come si sentisse dopo aver superato così tanti professionisti, Phil Galfond ha risposto con umiltà "mi sono sentito fortunato ad essere qui, ma non mi sentivo sconfitto in partenza. Non ero impaurito. Volevo solo giocare al massimo delle mie possibilità."

SCOPRI DI PIÙ

Altri Articoli